Iraq, la strage silenziosa delle donne trans, uccise dai loro familiari per “onore”

Una realtà in cui l'esistenza stessa delle persone LGBTQIA+ è contestata a livelli multipli, dalla famiglia alle leggi dello Stato, dagli integralisti religiosi fino alla frangia "progressista"

ascolta:
0:00
-
0:00
iraq-donne-trans (2)
Foto estratta dal documentario BBC "Fear and Survival: Being LGBTQ in Iraq"
3 min. di lettura

Il corpo senza vita di Dosky Azad è stato trovato nel fossato di una remota stradina di campagna. Quello di Nour, nel suo appartamento a Baghdad. La prima, uccisa dal fratello tornato appositamente dalla Germania, la seconda accoltellata da un familiare. La loro vita non è valsa neanche un giorno di carcere.

È la strage silenziosa delle donne transgender in Iraq, paese mediorientale che uccide l* su* figli* solo perché queer. Una discriminazione acuta e una violenza sistemica che si radica profondamente nella struttura sociale e politica del paese.

iraq-donne-trans
Memoriale per Dosky Azad, uccisa dal fratello perchè trans

Tra i fattori discriminanti non troviamo infatti solo leggi oppressive, ma anche norme culturali rigide, che legittimano la popolazione a compiere atti di violenza espliciti e spesso impuniti contro le persone LGBTQIA+ – tra cui anche il tristemente celebre “delitto d’onore” tra le mure domestiche.

L’Anti-Prostitution and Homosexuality Law,  recentemente rivisto dal parlamento iracheno è un esempio lampante di come la legislazione possa essere utilizzata per discriminare apertamente contro individui in base alla loro identità di genere.

Criminalizzando pratiche come l’adozione di abiti o comportamenti associati al sesso opposto, lo Stato non solo invalida l’esistenza di identità non normative, ma crea anche un ambiente in cui la violenza contro le donne trans non solo è tollerata, ma in alcuni casi considerata giustificabile sotto la protezione della “morale” e dell'”ordine” sociale.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Gala for LGBTQ+ Community (@gala_iraq)

Ci aspettiamo un impatto devastante sulle persone LGBTQIA+ irachene. Già non esiste alcuna tutela per le identità non conformi. Oggi, qualsiasi ‘sospetto’ omosessuale, o qualsiasi persona gender variant è esposto alla violenza. Non solo le persone queer rischiano la vita ogni giorno, ma anche l* sopravvissute* fanno fronte a una quotidianità invivbile” – spiega Rasha Younes, ricercatrice per Human Rights Watch.

La nozione di “morale” e il rispetto per il “valore familiare”, spesso citati per giustificare tali leggi sono profondamente intrecciati con la percezione patriarcale del genere, che vede gli uomini e le donne esclusivamente nei termini di rigidi ruoli tradizionali.  

In questo contesto, qualsiasi “deviazione” è vista non solo come una minaccia alla norma, ma come un’offesa diretta contro l’ordine sociale e religioso.

iraq-donne-trans
Dimostranti bruciano la bandiera rainbow a Baghdad

È altresì importante notare come le pratiche di violenza e discriminazione contro le donne trans siano infatti spesso invisibili o minimizzate nel discorso pubblico e nelle narrative dominanti, attitudine che si riflette nel modo in cui le istituzioni statali – e soprendentemente alcuni gruppi femministi – trattano le questioni delle donne trans.

La Fondazione Manahil – uno dei collettivi più attivi sul territorio iracheno per l’empowerment femminile – descrisse nel 2021 le donne trans come “fenomeni negativi”. Anche se la leadership si scusò in seguito, difendendo comunque la propria posizione, il danno era fatto: anche per la popolazione femminile cisgender, l’identità di genere non conforme rimane un problema da “eradicare”.

In questo ambiente ostile, le donne trans irachene si trovano a dover navigare una realtà in cui la loro esistenza stessa è contestata a livelli multipli, dalla famiglia alle leggi dello Stato, dagli integralisti religiosi fino alla frangia “progressista”. La loro lotta è non solo per per il riconoscimento e la legittimazione della loro identità in una società che spesso le rifiuta e le marginalizza: ormai, è sopravvivenza.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
maloenton company 5.6.24 - 17:05

Ma il PD - Sinistra, centri sociali, collettivi, gay ecc non sono pro ISLAM, pro Hamas, e simili?

Trending

I film LGBTQIA+ della settimana 10/16 giugno tra tv generalista e streaming - ilm queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 10/16 giugno tra tv generalista e streaming

Corpi - Federico Boni 10.6.24
Mahmood Ra Ta Ta e marijuana

Mahmood RA TA TA, bimbi senza mamma, una faccia mulatta e la marjuana

Musica - Emanuele Corbo 14.6.24
Alex Wyse in concerto

Alex Wyse contro i pregiudizi: “Siate liberi di essere ciò che siete. Nessuno può porci confini”

Musica - Emanuele Corbo 13.6.24
"C'è un attacco spietato e frontale alla comunità LGBTIAQ+", intervista al Torino Pride che scende in strada il 15 Giugno - Torino Pride 2023 - Gay.it

“C’è un attacco spietato e frontale alla comunità LGBTIAQ+”, intervista al Torino Pride che scende in strada il 15 Giugno

News - Francesca Di Feo 13.6.24
Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l'omofobia - Dennis Gonzalez - Gay.it

Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l’omofobia

Corpi - Redazione 13.6.24
Roma Pride, treno arcobaleno sotto attacco: "È rainbow washing", ma è davvero così? Abbiamo indagato - Roma ecco il primo treno metro rainbow con i colori della Pride Progress VIDEO 2 - Gay.it

Roma Pride, treno arcobaleno sotto attacco: “È rainbow washing”, ma è davvero così? Abbiamo indagato

News - Francesca Di Feo 14.6.24

Hai già letto
queste storie?

george-lori-schappel-siamesi-morte

Addio a Lori e George Schappell, lǝ più longevǝ gemellǝ siamesi al mondo: uno di loro era trans

News - Francesca Di Feo 15.4.24
The People's Joker (2024)

Joker transgender è reale! Guarda il trailer della rivoluzionaria parodia di Vera Drew, VIDEO

Cinema - Redazione Milano 7.3.24
Viktor Orban - Giorgia Meloni - Ungheria, la legge anti-LGBTI+ ha un impatto devastante sulla nostra comunità

Ungheria, impatto devastante della legge anti-LGBTI+, il rapporto di Amnesty

News - Francesca Di Feo 28.2.24
Credit: Steve Russell

Affermazione di genere, il Governo manda gli ispettori al Careggi di Firenze. Zan: “Crociata ideologica e politica”

News - Redazione 24.1.24
Monkey Man e gli hijra, Dev Patel e il terzo genere indiano: "Un inno per i senza voce, gli emarginati" - dev - Gay.it

Monkey Man e gli hijra, Dev Patel e il terzo genere indiano: “Un inno per i senza voce, gli emarginati”

Cinema - Redazione 9.4.24
J.K. Rowling centro stupri anti-trans* Gay.it

J.K Rowling avrebbe donato 70.000 sterline ad un’associazione transfobica

News - Redazione 20.2.24
Annette Bening in difesa della comunità trans: "Paura e ignoranza alimentate in modo spaventoso" - VIDEO - Annette Bening - Gay.it

Annette Bening in difesa della comunità trans: “Paura e ignoranza alimentate in modo spaventoso” – VIDEO

Culture - Redazione 16.1.24
Argentina - lesbiche uccise con un incendio doloso - Milei

L’Argentina di Milei, bruciate due coppie lesbiche con un incendio doloso: tre vittime, una ferita grave

News - Francesca Di Feo 15.5.24