MA CHE SENSO HA?

Ammettiamolo: il teatro è sempre più lontano dalla realtà. E non riesce ad affrontarla. Lo dimostra il nuovo lavoro della compagnia dei detenuti della Fortezza, presentato a Volterra.

MA CHE SENSO HA? - fortezza appunti 06 - Gay.it
4 min. di lettura

VOLTERRA (Pi) – L’anno scorso Armando Punzo, il regista che da anni lavora con i detenuti del carcere di Volterra, aveva proposto un lavoro che cadeva spesso nella vana ricerca di una logica, di un senso, dimenandosi nell’incapacità di afferrarla. Quest’anno, nel nuovo “Appunti per un film” presentato al festival VolterraTeatro che si è svolto nella cittadina toscana dal 18 al 31 luglio 2005, Punzo getta la spugna: la “caccia al senso” è disperata, e alla compagnia non resta che ammettere di brancolare nel buio più totale.
Lo dichiara subito lo stesso regista che appare nell’afa incombente nel piccolo cortile del carcere dove un paio di centinaia di spettatori attendono l’inizio di quello che credono essere uno spettacolo. Il codino di Punzo si manifesta dopo un’oretta di attesa, comunica che il pubblico è previsto negli appunti che l’autore ha tracciato per la realizzazione di questo film, e che quindi il lavoro, per essere portato avanti, necessita della presenza e della collaborazione di quanti, varcando i cancelli della Fortezza, hanno deciso di partecipare all’evento. Non aspettatevi niente di definito, avverte il regista: ciò che l’autore è riuscito a partorire sono solo appunti buttati giù nel tentativo poco convinto di trovare un nuovo modo di raccontare la realtà.

MA CHE SENSO HA? - fortezza appunti 07 - Gay.it

Possiamo entrare: breve sosta nel cortile centrale, dove alcuni uomini in nero sembrano accompagnare al camposanto un feretro inesistente, e poi avanti lungo il corridoio delle celle fino al piccolo cortile diviso tra sole e ombra dove è stato allestita una sorta di agorà circolare al centro della quale giace un clown. La troupe è al lavoro, il regista impartisce indicazioni agli attori e alle comparse (gli spettatori medesimi) che lentamente prendono posto sulle gradinate. Quindi si parte con la ricerca dell’autore e con il tentativo di costringere l’autore a fare il suo mestiere, dando indicazioni ad attori e comparse su cosa fare, come muoversi, come agire. Che spieghi la realtà, insomma.

MA CHE SENSO HA? - fortezza appunti 02 - Gay.it

La parola passa ai personaggi seduti sugli spalti (attori? spettatori?). Il clima è da Living Theatre, la compagnia americana che ha portato il sociale nel teatro negli anni ’70 imponendo al pubblico di prendere la parola e intervenire sugli argomenti proposti in scena. Ma i tempi sono cambiati, e piuttosto che al fermento politico auspicato sembra di assistere a un talk-show della Maria De Filippi: battibecchi, disquisizione sulla superiorità dell’uomo sulla donna, sconfortanti interventi sulla situazione politica internazionale, tentativi infruttuosi di definire i compiti dell’autore… E il senso? “Siamo a un punto morto” dichiara nient’affatto sorpreso Armando Punzo.

MA CHE SENSO HA? - fortezza appunti 01 - Gay.it

Meglio abbandonare il reality e passare alla rappresentazione: una signora (la vera mamma del regista) stira, un giovane le si avvicina, è il momento dell’addio, lui – il figlio – ha deciso di partire, lei non riesce a trattenerlo, il viaggio del ragazzo per il mondo è l’avventura di chi sa che restare non ha senso. Cambio scena: il ritorno, il figlio non è più lo stesso, è un immigrato, oppure un artista del circo che lavora in Sud America, e la madre ascolta senza entusiasmi gli incontri del figlio, le mille difficoltà affrontate; e sembra che anche tutto questo non abbia portato ad alcun vero risultato.

MA CHE SENSO HA? - Appunti per un film Compagn - Gay.it

Si passa a “realismo 1”, la scena in cui le comparse-spettatori provano l’ebbrezza di essere rinchiusi per qualche minuto in una cella con un’altra dozzina di uomini, le donne disposte lungo le pareti del corridoio all’esterno. Si urla – in napoletano, naturalmente – si batte contro le porte metalliche della cella, si allunga il collo per cercare di capire cosa accade fuori. Non c’è altro da fare che aspettare. Qualcosa accadrà?
Appunti per un film” è un lavoro che irrita, che annoia, ma che è anche capace di creare in alcuni momenti tensioni partecipative nello spettatore, obbligandolo a non accontentarsi di nutrirsi di ciò che la compagnia ha preparato per lui, e a cercare da sé le risposte o le soluzioni sceniche, inventandosi personaggio. In questo il lavoro di Punzo e dei detenuti attori della Compagnia della Fortezza costituisce un raro esempio di teatro che ammettendo di essere morto si sforza di rendersi vivo. Se questo abbia senso o no, non sappiamo dirlo.
Clicca qui per discutere di questo argomento nel forum Salotto Culturale.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale - olly alexander - Gay.it

Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale

Culture - Redazione 1.3.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard - Xavier Dolan - Gay.it

Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard

News - Federico Boni 1.3.24
Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il messaggio di Federico Massaro per il fratello transgender

Culture - Luca Diana 29.2.24
Roberto Vannacci e Marco Mengoni a Sanremo con un pantalone di Fendi

Vannacci attacca il Pride e irride Marco Mengoni per la gonna che è un pantalone

News - Giuliano Federico 1.3.24
Andrea Bossi con la sua amica Serena - foto dal canale TikTok pubblico di Serena

Andrea Bossi, l’omicidio di un ragazzo queer, ucciso soltanto per un pugno di gioielli?

News - Giuliano Federico 2.3.24

Hai già letto
queste storie?

Joe Locke di Heartstopper debutta a Broadway con Sweeney Todd - Joe Locke 2 - Gay.it

Joe Locke di Heartstopper debutta a Broadway con Sweeney Todd

Culture - Redazione 11.12.23
raffa-in-the-sky--960x640

“Raffa in the Sky”: debutta stasera l’opera lirica tributo alla leggendaria Raffaella Carrà

News - Francesca Di Feo 29.9.23
Raffa In The Sky

“Raffa in the Sky”, pienone alle prime due date. Arrivano le prossime e il podcast!

Culture - Francesca Di Feo 6.10.23
Non Erano Battute di Immanuel Casto, per la prima volta il Casto Divo a teatro con uno monologo meta-comico - Immanuel Casto - Gay.it

Non Erano Battute di Immanuel Casto, per la prima volta il Casto Divo a teatro con uno monologo meta-comico

Culture - Redazione 12.10.23
Settembre 2023, un mese di uscite LGBTQIA+ tra cinema, teatro, serie tv e album - settembre queer - Gay.it

Settembre 2023, un mese di uscite LGBTQIA+ tra cinema, teatro, serie tv e album

Culture - Federico Boni 6.9.23
"Fiesta", il ritorno in teatro dell'omaggio a Raffaella Carrà. Leggi l'intervista all'autore e regista Fabio Canino - Snapinsta.app 409955584 18303087 1 - Gay.it

“Fiesta”, il ritorno in teatro dell’omaggio a Raffaella Carrà. Leggi l’intervista all’autore e regista Fabio Canino

News - Giorgio Romano Arcuri 30.12.23
Lorenzo Licitra è Gesù in Jesus Christ Superstar, la prima foto ufficiale - Lorenzo Licitra e Gesu - Gay.it

Lorenzo Licitra è Gesù in Jesus Christ Superstar, la prima foto ufficiale

Culture - Redazione 28.2.24
Jesus Christ Superstar, Lorenzo Licitra sarà Gesù a teatro - LORENZO LICITRA foto Adriano Floriselthor - Gay.it

Jesus Christ Superstar, Lorenzo Licitra sarà Gesù a teatro

Culture - Redazione 25.1.24