Nove fatti su Stonewall nel Mese della Storia Gay

Dato che la nascita del moderno movimento lgbt internazionale si fa risalire alla Rivolta di Stonewall, ecco nove fattilegati a quella notte che vale la pena ripercorrere nel Mese della Storia Gay

Nove fatti su Stonewall nel Mese della Storia Gay - stonewall riotsBASE - Gay.it
3 min. di lettura

Nove fatti su Stonewall nel Mese della Storia Gay - stonewall riotsF1 - Gay.it

Negli Usa e nel Regno Unito, ottobre è il Mese della Storia Gay. E sebbene la storia delle battaglie per la conquista dei diritti da parte delle persone lgbt risalga a più di un secolo fa, ci si riferisce comunemente alla Rivolta di Stonewall per indicare l’inizio del movimento lgbt internazionale moderno. In occasione di questo speciale mese, il blog statunitense Queerty elenca nove fatti legati al mito della Rivolta di Stonewall. Ecco di cosa si tratta:

1 – La Rivolta di Stonewall è iniziata domenica 28 giugno 1969 all’1,20 di notte allo Stonewall Inn che si trova in Christopher Street di New York City. Altri incidenti si verificarono durante quella notte.

2 – La prima marcia dell’orgoglio gay, il primo Pride, per intenderci, ebbe luogo solo l’anno successivo, ovvero il 28 giugno del 1970. Non c’erano carri: era una manifestazione più politica di quanto non siano molti pride adesso.

3 – Responsabile del’inizio degli scontri fu una lesbica il cui nome è sconosciuto. Quando un poliziotto la colpì alla testa con il manganello e la ammanettò, lei si voltò indietro verso la folla urlando: "Perché nessuno fa niente?". Dopo che un poliziotto la caricò su un cellulare, "la scena divenne esplosiva".

Nove fatti su Stonewall nel Mese della Storia Gay - stonewall riotsF2 - Gay.it

4 – Le reazioni della folla contro la polizia che tentava di contenere la rivolta includevano calci e slogan sul tema della canzone di Howdy Doody (uno show televisivo per bambini il cui protagonista era un bambino marionetta, in onda negli States fino al 1960, ndr).

5 – Lo Stonwall Inn era di proprietà, e gestito, dalla mafia. C’era uno spioncino sulla porta e se il buttafuori non riconosceva il cliente o pensava che non si trattasse di un gay, non lo lasciava entrare.

6 – Allo Stonewall non c’era acqua corrente dietro il bancone del bar e in quegli anni i bicchieri di plastica non erano certo di uso corrente. Le toilette intasate erano all’ordine del giorno.

7 – All’epoca della Rivolta, il travestitismo era illegale e si poteva essere arrestati perché non si indossavano un certo numero di indumenti adatti al genere d’appartenenza. La notte degli scontri, agenti di polizia donne portarono clienti del bar vestiti da donne nei bagni per verificarne il sesso.

Nove fatti su Stonewall nel Mese della Storia Gay - stonewall riotsF3 - Gay.it

8 – Anche se adesso sembra strano, il settimanale The Village Voice, che oggi è considerato un promotore dei diritti dei gay, prese una posizione anti-gay nel coprire gli eventi di quella notte. Manifestanti arrabbiati cercarono di dar fuoco alla redazione.

9 – Il settimanale The Voice riportò una copertura favorevole del primo Pride l’anno successivo, iniziando il suo graduale passaggio ad un approccio equilibrato alle questioni lgbt.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24
I SAW THE TV GLOW (2024)

I Saw The Tv Glow: guarda il trailer dell’attesissimo film horror trans* – VIDEO

Cinema - Redazione Milano 29.2.24
Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale - olly alexander - Gay.it

Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale

Culture - Redazione 1.3.24
Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24
Roberto Vannacci e Marco Mengoni a Sanremo con un pantalone di Fendi

Vannacci attacca il Pride e irride Marco Mengoni per la gonna che è un pantalone

News - Giuliano Federico 1.3.24

Continua a leggere

Sandra Milo, Icona eternamente Libera - Sandra Milo fotografata da Leandro Manuel Emede per Sette Corriere - Gay.it

Sandra Milo, Icona eternamente Libera

Culture - Federico Boni 29.1.24
Addio al filosofo Gianni Vattimo, deceduto al fianco dell'amato Simone Caminada - gianni vattimo e simone - Gay.it

Addio al filosofo Gianni Vattimo, deceduto al fianco dell’amato Simone Caminada

News - Redazione 20.9.23
alan turing biografia gay

Alan Turing, finalmente una statua celebrativa al Kings College di Cambridge ma è polemica sul risultato finale

Culture - Redazione 31.1.24
I prigionieri che indossano triangoli rosa sulle loro uniformi vengono fatti marciare all'aperto dalle guardie naziste a Sachsenhausen.

Il Giorno della Memoria: un’occasione per rompere il silenzio

Culture - Alessio Ponzio 24.1.24
Aldo Mieli storia lgbtqia storia omosessuale omosessualità e fascismo gay.it

Aldo Mieli, pioniere della liberazione omosessuale troppo spesso dimenticato

Culture - Alessio Ponzio 19.9.23
Stephen Laybutt, l'ex calciatore australiano è stato trovato morto. A fine carriera il coming out - Stephen Laybutt header Attitude - Gay.it

Stephen Laybutt, l’ex calciatore australiano è stato trovato morto. A fine carriera il coming out

Corpi - Redazione 18.1.24
300000baci

Racconti d’amore queer dal mondo antico

Culture - Federico Colombo 6.10.23
"L’imperatore romano Eliogabalo era una donna": affermazione e transizione di genere al museo - Le rose di Eliogabalo - Gay.it

“L’imperatore romano Eliogabalo era una donna”: affermazione e transizione di genere al museo

Culture - Redazione 23.11.23