Padova, tredicenne tolto ai genitori perché troppo effeminato, l’avvocato: “Non spegnete i riflettori”

"Il provvedimento è inattuabile e la sentenza grida ancora vendetta" dice il legale della famiglia.

Padova, tredicenne tolto ai genitori perché troppo effeminato, l'avvocato: "Non spegnete i riflettori" - padova - Gay.it
2 min. di lettura

Era esplosa la polemica qualche mese fa a Padova: il caso? Un tredicenne tolto alla famiglia perché “troppo effeminato”. Il legale della famiglia, qualche mese dopo, è tornato a parlare per riaccendere i riflettori su una “vicenda discriminatoria”.

La controversa sentenza era giunta a gennaio dal Tribunale dei Minori di Venezia, che aveva sospeso la potestà ai genitori di un ragazzo di tredici anni. Tutto era cominciato con una relazione scritta dai servizi sociali circa l’atteggiamento ambiguo del ragazzo, “legato quasi esclusivamente a figure femminili”. Il rapporto con la madre, stando sempre alla sopracitata relazione, era connotato da aspetti di dipendenza e si vociferava anche di presunti abusi sessuali da parte del padre (che è stato però assolto al processo). Dopo il primo affidamento a una comunità diurna di Padova e dopo le segnalazioni dei responsabili della struttura ai servizi sociali, si è arrivati al provvedimento definitivo di allontanamento dalla madre.

Padova, tredicenne tolto ai genitori perché troppo effeminato, l'avvocato: "Non spegnete i riflettori" - padova 1 - Gay.it

Nella sentenza il tribunale parlava di “atteggiamenti troppo effeminati e ostentati in modo provocatorio”.

Dopo mesi, però, il legale della famiglia Francesco Miraglia torna sulla questione – con una nota inviata al quotidiano Studio Cataldi – per chiarire la situazione attuale: “Oltre alla discriminazione che una simile decisione porta con sé, il provvedimento è paradossalmente inattuabile perché non prevede che venga fatto rispettare con la forza pubblica”. In parole più semplici: il ragazzino di sua spontanea volontà non andrà sicuramente nella comunità a cui sarebbe destinato, ma non ha al contempo la libertà di prendere una decisione che riguardi la sua vita. Cacciato dai genitori ma ancora in seno a loro, pur privato della facoltà di scelta.

Implicitamente il tribunale, nello stabilire che il ragazzo è troppo effeminato perché vive in una famiglia di sole donne cui è molto affezionato, indica una comunità di tipo terapeutico in cui dovrebbe essere accolto. Ma come? Tratta l’effeminatezza o la presunta omosessualità come una malattia? Ma siamo nel Medioevo? Neanche la Chiesa ha più posizioni così discriminatorie”. La rabbia e l’amarezza sono evidenti, ma l’avvocato vuole far sì che la vicenda non cada nel dimenticatoio. “La madre ha presentato appello al provvedimento, ma dove sono i Nichi Vendola, Alessandro Cecchi Paone, Laura Boldrini e tutti gli altri paladini dei diritti delle minoranze?”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Giovanni Di Colere 4.7.17 - 18:15

Le motivazioni dell'allontanamento sono altre, basta cercare in internet e il presidente dell'associazione degli assistenti sociali spiega che si tratta della solita macchina del fango di disinformazione.

Trending

aromanticismo-cosa-vuol-dire

Come l’aromanticismo può aiutarci a decostruire la nostra concezione imposta dell’amore

News - Francesca Di Feo 20.2.24
adolescente-non-binari-aggressione-oklaoma (1)

USA, Nex Benedict, sedicenne non binariǝ, muore dopo un’aggressione transfobica a scuola

News - Francesca Di Feo 21.2.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
Luciana Littizzetto e la lettera a Maurizio Costanzo: "Grazie per aver parlato di diritti LGBT, per aver abbassato il provincialismo bigotto della nostra nazione" (VIDEO) - Luciana Littizzetto e Maria De Filippi - Gay.it

Luciana Littizzetto e la lettera a Maurizio Costanzo: “Grazie per aver parlato di diritti LGBT, per aver abbassato il provincialismo bigotto della nostra nazione” (VIDEO)

Culture - Federico Boni 21.2.24
Heartstopper 3, parla Joe Locke: "Sarà più cupa e sexy, parleremo anche di salute mentale" - Joe Locke - Gay.it

Heartstopper 3, parla Joe Locke: “Sarà più cupa e sexy, parleremo anche di salute mentale”

Serie Tv - Redazione 20.2.24
teen-star-educazione-affettiva-sessuale

Teen Star, infiltrazioni di integralismo cattolico nella scuola italiana, i genitori ritirano i figli

News - Francesca Di Feo 19.2.24

Hai già letto
queste storie?

famiglie-arcobaleno

Padova, colpo di scena dalla Procura: si può tornare alla Corte costituzionale per difendere l’uguaglianza di tutte le famiglie

News - Redazione 14.11.23
Alessandro Zan ha chiarito con i giornalisti di Report il suo coinvolgimento in B-Proud, azienda che organizza il Padova Pride Village

Alessandro Zan: “Ringrazio Report per l’inchiesta, orgoglioso del Padova Village”

News - Redazione Milano 11.12.23
palazzo della regione, locali gay a padova

Padova: i migliori locali, club, eventi e luoghi queer della città

Viaggi - Redazione 25.10.23
famiglie arcobaleno vicenza

Figli orfani per decreto, famiglie omogenitoriali e sindaci sfidano la ferocia del Governo Meloni

News - Giuliano Federico 4.9.23
famiglia omogenitoriale francesca roberta emanuele

Per l’Italia Emanuele non può avere due mamme? Arriva la sentenza di Padova

News - Redazione Milano 30.10.23
Pride Run, il 2 settembre a Padova la prima corsa in Italia dedicata all’inclusività e ai diritti civili - Pride Run 6 - Gay.it

Pride Run, il 2 settembre a Padova la prima corsa in Italia dedicata all’inclusività e ai diritti civili

News - Federico Boni 30.8.23