Penati: “Un quartiere gay? Perché no.”

Lo ha dichiarato il presidente della provincia di Milano, che si è detto favorevole alla costruzione di un quartiere “come Castro a San Francisco. Purché non sia un ghetto”.

"Si ai quartieri gay nelle metropoli italiane", come avviene a Londra, con Soho, e a Parigi, con il Marais, "purché non concepiti come dei ghetti". È quanto afferma il presidente della Provincia di Milano, Filippo Penati, nel corso del programma "KlausCondicio", in onda su YouTube.

Piuttosto, precisa Penati, "li immagino come Castro, il bellissimo e vecchio quartiere gay di San Francisco, tenuto bene sia sul piano estetico che su quello urbanistico. Un punto di attrazione turistica anche per gli eterosessuali". Secondo il presidente della Provincia di Milano, dunque, "se si presentasse l’opportunità di avere a Milano un quartiere simile, potrei senza dubbio favorirne la realizzazione".

Ti suggeriamo anche  Persona trans aggredita a Milano da un uomo con una barra di ferro
Serie

9-1-1: Lone Star, da stasera su Fox lo spin-off con pompieri gay e transgender FtoM

Una serie totalmente inclusiva, che guarda con orgoglio alle minoranze dando loro visibilità e assoluta centralità.

di Federico Boni