Pubblicità: bloccate le foto gay di Toscani

Il Comitato di controllo dell'Istituto dell'Autodisciplina Pubblicitaria (IAP) dice no alle foto gay della pubblicità di Oliviero Toscani che ritraggono due uomini che si baciano e si "toccano".

Pubblicità: bloccate le foto gay di Toscani - ra re - Gay.it
< 1 min. di lettura

MILANO – Il Comitato di controllo dell’Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria (IAP) dice no alle foto gay della pubblicità di Oliviero Toscani che ritraggono due uomini che si baciano e si “toccano”. Dopo le “numerose” denunce e proteste dei cittadini il Comitato ha bloccato l’affissione di nuovi manifesti. I cartelloni già esposti ai primi di settembre resteranno dunque al loro posto, ma l’azienda di abbigliamento che aveva commissionato a Toscani la pubblicità, non ne potrà esporre di nuovi.
L’ingiunzione è arrivata il 14 settembre scorso, ma è diventata effettiva soltanto dieci giorni dopo e il testo del provvedimento è stato diffuso su Internet, nel sito dello Iap.
“L’ostentazione volgare e provocatoria di situazioni legate all’intimità sessuale – si legge nel testo dell’ingiunzione – porta la comunicazione a scadere in una inaccettabile lesione della sensibilità del pubblico”. I messaggi – prosegue il documento – “oltre a turbare un pubblico adulto, possono colpire l’attenzione dei minori che non hanno chiavi di lettura per capire le immagini, provocando loro ansia e disagio”. Il provvedimento sottolinea inoltre, “la netta incongruità tra la comunicazione pubblicitaria avente fini meramente commerciali e le immagini diffuse. Lungi dal volere stimolare un serio e corretto approccio al tema della parità sessuale i messaggi mirano unicamente a colpire l’attenzione del pubblico ad ogni costo, turbandone la sensibilità attraverso rappresentazioni volgari tout court”.
“Non si tratta nè di censura nè di discriminazione contro gli omosessuali – spiegano allo Iap – ma di semplice tutela della sensibilità dei cittadini, soprattutto dei minori. Se si fosse trattato di eterosessuali sarebbe stato lo stesso”.
Dello Iap fanno parte le imprese che investono in pubblicità, le organizzazioni professionali del settore e i mezzi di diffusione della pubblicità. Tutti questi soggetti si sono regolamentati in un codice di autodisciplina.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Heartstopper 3, parla Joe Locke: "Sarà più cupa e sexy, parleremo anche di salute mentale" - Joe Locke - Gay.it

Heartstopper 3, parla Joe Locke: “Sarà più cupa e sexy, parleremo anche di salute mentale”

Serie Tv - Redazione 20.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 19/25 febbraio tra tv generalista e streaming - film 2024 - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 19/25 febbraio tra tv generalista e streaming

Cinema - Federico Boni 19.2.24
Luciana Littizzetto e la lettera a Maurizio Costanzo: "Grazie per aver parlato di diritti LGBT, per aver abbassato il provincialismo bigotto della nostra nazione" (VIDEO) - Luciana Littizzetto e Maria De Filippi - Gay.it

Luciana Littizzetto e la lettera a Maurizio Costanzo: “Grazie per aver parlato di diritti LGBT, per aver abbassato il provincialismo bigotto della nostra nazione” (VIDEO)

Culture - Federico Boni 21.2.24
teen-star-educazione-affettiva-sessuale

Teen Star, infiltrazioni di integralismo cattolico nella scuola italiana, i genitori ritirano i figli

News - Francesca Di Feo 19.2.24
Steven Miles, il pornodivo bisessuale, Proud Boy e trumpiano, condannato a 24 mesi di carcere per l'assalto a Capitol Hill - Steven Miles - Gay.it

Steven Miles, il pornodivo bisessuale, Proud Boy e trumpiano, condannato a 24 mesi di carcere per l’assalto a Capitol Hill

News - Redazione 20.2.24
glaad-gaming-report

Il 17% dellǝ appassionatǝ di videogames è queer, ma l’industria ci rappresenta? Il rapporto di GLAAD

Culture - Francesca Di Feo 14.2.24

Hai già letto
queste storie?

Transatlantic bridges: Corrado Cagli, 1938-1948

Corrado Cagli, l’artista queer che voltò le spalle al regime fascista, in mostra a New York – GALLERY

Culture - Redazione Milano 9.11.23
Photograph: EPA (THE GUARDIAN)

Patti Smith su sessualità e genere: “Non importano le etichette, quello che conta è la libertà”

Musica - Redazione Milano 3.10.23
Foto di Jamie Mccartney

Il Museo della Vagina include anche le persone trans*

Culture - Redazione Milano 18.1.24
Vanadio23

VERI VERI VERI GHEI oppure FINOKKIO? Le provocazioni senza censure di Vanadio23: intervista

News - Luca Cantarelli 23.8.23
i want you to know my story di Jess Dugan

Tra nuovi sguardi e corpi fuori dagli schemi: benvenutə al Gender Bender 2023!

Culture - Riccardo Conte 24.10.23
Max Peiffer Watenphul. Dal Bauhaus all'Italia

Max Peiffer Watenphul e la scena queer mai più dimenticata della scuola Bauhaus

Culture - Redazione Milano 30.11.23
c'è ancora domani

Per fortuna c’è ancora Paola Cortellesi

Cinema - Riccardo Conte 14.11.23
(variety)

Emerald Fennell vuole provocarci (senza farci vergognare)

Cinema - Riccardo Conte 16.11.23