Rainbow Cards Project: una cartolina per i gay non accettati dalle famiglie

Un augurio speciale, per far sapere a tutti che non si è mai soli.

Rainbow Cards Project
2 min. di lettura

Il progetto è partito da un’idea di El, una ragazza di 20 anni del Devon, nel Regno Unito. Rainbow Cards Project vuole aiutare tutte quelle persone appartenenti alla comunità LGBT+ che non sono state accettate dalla famiglia. E che dovranno passare questo Natale da sole o con gli amici, perché per i familiari è come se non esistessero. Così ci pensa El, scrivendo loro una cartolina di auguri, che poi invierà.

Anche El, qualche anno fa, ha deciso di fare coming out con i suoi genitori. Ma se suo padre e sua madre l’hanno presa bene, El sa che non è per tutti così. Per questo motivo, ha pensato di fare qualcosa, e ha condiviso la propria idea su Twitter.

Rainbow Cards Project: “Ricordate che non siete soli”

Ci sono persone che sono state cacciate di casa, altre che non hanno contatti con le loro famiglie da decenni. Ci sono persone trans che non sono mai stati chiamate con il loro nome“. Con questa pensiero, e dopo il suo coming out, El ha capito di quanto sia stata fortunata ad avere una famiglia vicina, e attraverso il suo profilo social ha fatto conoscere questa associazione. “Se la tua famiglia non ti accetta, dammi il tuo indirizzo e ti manderò delle cartoline di Natale“: un semplice messaggio che è diventato virale, e nel giro di poche ore ha ricevuto l’indirizzo di 30 persone, ai quali El ha scritto e inviato una cartolina di auguri per Natale.

Da un tweet, oggi scrive cartoline in 34 nazioni, circa 3.000 in tutto. Riceve richieste da ogni paese, anche quelli dove l’omosessualità è ancora considerata una malattia o un reato. Nel suo progetto è aiutata da molti amici, e un professore ha addirittura formato un gruppo di studenti per scrivere le cartoline.

Può sembrare un piccolo gesto, scrivere degli auguri in un semplice biglietto. Ma per un ragazzo omosessuale che non ha mai avuto l’appoggio della famiglia solo per il suo orientamento sessuale, è la speranza che lì fuori, qualcuno su cui contare c’è. Che se i propri familiari non capiscono che l’essere gay non è una malattia, ci sono tante altre persone che invece non solo lo capiscono, ma risulta essere assolutamente normale. Ed è su questo che si deve sempre puntare. 

Credits: Supplied

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Dan UK 26.12.18 - 11:11

E se uno si sente solo o emarginato per i fatti suoi, ma gli capita di essere etero? Un'altra porta sbattuta in faccia per il suo orientamento sessuale? Ste cose non le capisco proprio...

Avatar
parsifaltristan96gmailcom 25.12.18 - 12:01

Family Day! Quanto ORRORE e ipocrisia nella famiglia cattolica!

Trending

La Vita che Volevi, intervista a Ivan Cotroneo: "Raccontare storie di persone trans è un atto civile e politico" - La Vita che Volevi VITTORIASCHISANO IVANCOTRONEO - Gay.it

La Vita che Volevi, intervista a Ivan Cotroneo: “Raccontare storie di persone trans è un atto civile e politico”

Serie Tv - Federico Boni 28.5.24
Marco Mengoni e Angelina Mango, arriva il duetto

Marco Mengoni duetta con Angelina Mango nell’album “poké melodrama”: svelati tutti gli ospiti

Musica - Emanuele Corbo 27.5.24
Chi è Karla Sofía Gascón, prima attrice trans a trionfare a Cannes e presto in un film con Vladimir Luxuria - Karla Sofia Gascon 1 - Gay.it

Chi è Karla Sofía Gascón, prima attrice trans a trionfare a Cannes e presto in un film con Vladimir Luxuria

Cinema - Redazione 27.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Marco Mengoni e Angelina Mango, arriva il duetto

Marco Mengoni duetta con Angelina Mango nell’album “poké melodrama”: svelati tutti gli ospiti

Musica - Emanuele Corbo 27.5.24
Papa Francesco non vuole più seminaristi gay e avrebbe usato parole offensive verso le persone omosessuali - papa francesco wow - Gay.it

Papa Francesco non vuole più seminaristi gay e avrebbe usato parole offensive verso le persone omosessuali

News - Redazione 27.5.24

Leggere fa bene

eyes wide shut

Durante le feste si fa più sesso?

Lifestyle - Riccardo Conte 18.12.23
Arte e queerness: intervista a Elisabetta Roncati - Sessp 10 - Gay.it

Arte e queerness: intervista a Elisabetta Roncati

Culture - Federico Colombo 29.12.23
5 look perfetti per le feste con Astra Make-Up

Ecco il trucco perfetto ispirato ai film LGBTQIA+ con Astra Make-Up

Lifestyle - Redazione Milano 21.12.23
cena ozpetek

Come sopravvivere al pranzo con i parenti?

Lifestyle - Riccardo Conte 12.12.23
Disinformazione e Comunita LGBTIAQ - Distortə, la conferenza organizzata a Roma da EDGE e GayNet

Qual è l’impatto della disinformazione sulla vita delle persone LGBTIAQ+?

Culture - Francesca Di Feo 5.4.24
A Natale con “queer” vuoi, per Pasqua ci aggiorniamo: consigli per le feste - cover - Gay.it

A Natale con “queer” vuoi, per Pasqua ci aggiorniamo: consigli per le feste

Culture - Emanuele Bero 16.12.23
A sinistra il carrellino delle pulizie con bambina, a destra aspirapolvere tecnologica con bambino - Foto scattata al supermercato Esselunga di Milano in data 30 Novembre 2023 ore 12.30

A Natale carrello delle pulizie per lei, aspirapolvere tecnologica per lui, giocattoli e stereotipi di genere

Culture - Giuliano Federico 1.12.23
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24