Dalla prima accoglienza alla formazione e al reinserimento sociale: TO Housing è un virtuoso esempio di sinergia tra enti pubblici, privati ed aziende supporter.

ascolta:
0:00
-
0:00

L’Italia si colloca oggi al trentaseiesimo posto nella classifica degli stati europei per quanto riguarda i diritti LGBTQIA+. Le tutele sono scarse, le istituzioni guardano dall’altra parte e spesso, a fronte dei numerosi episodi in cui l’orientamento sessuale o l’identità di genere vengono utilizzati come pretesto per escludere individui da contesti familiari, lavorativi e sociali, è l’associazionismo a dover intervenire.

A marzo scorso abbiamo raccontato la storia di un ragazzo minorenne cacciato di casa dalla madre dopo il coming out. Un epilogo straziante, che purtroppo non rappresenta un’anomalia nel tessuto sociale del nostro paese.

Ed è proprio in risposta a queste situazioni di precarietà economica che nel 2018 è stato inaugurato il progetto TO Housing dall’associazione Quore di Torino. Un’iniziativa unica nel suo genere, soluzione tangibile a un problema urgente e diffuso, ma anche un esempio lampante di come le aziende e i brand sensibili alle tematiche LGBTQIA+ possano davvero fare la differenza nell’offrire un supporto tangibile a problematiche concrete.

TO Housing riceverà infatti un finanziamento da Interparfums Italia, titolare della licenza Abercrombie & Fitch Fragrances, in occasione del lancio dell’edizione limitata di Fierce, storica fragranza del celebre marchio d’abbigliamento, rivisitata in una veste coloratissima per celebrare il mese del Pride.

Un vero e proprio pezzo da collezione, che racchiude l’inconfondibile ed iconica fragranza in un elegante flacone di vetro trasparente, dalle linee pulite e minimaliste, con un tocco distintivo: un vivido spettro di colori dell’arcobaleno. Nelle note di FIERCE riviono i colori del pride, dal blu della brezza marina, espressione di serenità fino al rosso del legno di sandalo che esalta la passione che ognuno ha per delle cause. Ed è proprio per questo che l’azienda titolare della licenza, contribuirà quest’anno a far risplendere l’arcobaleno del Pride insieme a Quore e TO Housing.

Abercrombie & Fitch sostiene l’iniziativa TO Housing per il lancio dell’edizione rainbow dell’iconica fragranza Fierce - to housing quore abercrombie - Gay.it

Cos’è il progetto TO Housing di Quore?

TO Housing offre un rifugio sicuro a 24 ospiti in 5 appartamenti gestiti dall’ATC piemontese, che altrimenti non sarebbero destinati all’assegnazione abitativa pubblica. Il progetto non si limita a offrire un tetto temporaneo, ma attiva percorsi di inserimento sociale volti all’emancipazione degli ospiti, sottolineando così la sua natura non solo come soluzione d’emergenza ma come vero e proprio percorso di crescita e sviluppo personale.

La diversità del bacino di utenza, che include giovani allontanati dalle famiglie di origine, migranti e rifugiati omosessuali e transgender, nonché anziani LGBTQIA+ in condizioni di isolamento o indigenza, mette in luce la complessità e l’ampiezza del supporto fornito.

TO Housing adotta infatti un approccio multidisciplinare, tramite la collaborazione tra enti pubblici e associazioni locali, essenziale per rispondere efficacemente alle varie esigenze degli ospiti.

Al cuore del progetto vi sono infatti le attività di formazione e sviluppo delle competenze personali e professionali, curate da orientatori del mercato del lavoro e cruciali per il progresso verso l’autonomia. L’integrazione del progetto nel tessuto urbano è inoltre facilitata attraverso iniziative di socializzazione e reciproca assistenza, promosse in collaborazione con il “portierato sociale” e altri partner del progetto.

Il servizio, accessibile direttamente tramite contatto con Quore o tramite segnalazione di enti dedicati, è sorretto da un team multidisciplinare che valuta attentamente ogni candidatura. La permanenza, prevista per un periodo medio di otto mesi, può essere rinnovata al fine di consolidare il percorso verso l’autonomia completa degli utenti.

“C’era bisogno di garantire supporto e sostegno per ricostruire la propria esistenza a tutti coloro che vivono una doppia discriminazione legata non solo al proprio orientamento sessuale od identità di genere, ma anche alla condizione sociale, all’etnia, all’età – scrive Piero Pirotto, volontario e orientatore professionale dell’associazione Quore, sul sito web di TO Housing – Supportare chi è doppiamente vulnerabile oggi, significa andare contro corrente, significa attirare gli sguardi indignati di chi pensa che “prima venga sempre qualcun altro” (il miglior metodo in realtà per nascondere il proprio egoismo di non voler far niente), ma significa soprattutto dimostrare con i fatti che sostenere chi rimane indietro è il modo migliore per andare avanti tutti quanti”.

Quore fa parte del Coordinamento Torino Pride, organizzazione a rappresentanza di varie associazioni operanti in Piemonte per la tutela dei diritti LGBTQIA+. Collabora anche con UNAR (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali) e ILGA (International Lesbian and Gay Association).

Il progetto è stato sviluppato grazie al supporto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, della Regione Piemonte, del Consiglio Regionale del Piemonte e del Comune di Torino, nonché dell’ATC – Agenzia Territoriale per la Casa del Piemonte Centrale.

© Riproduzione riservata.