Prima unione civile in carcere: Camilla e Adriana staranno in cella insieme

Il Ministero ha deciso di non separarle.

Facebook Twitter Messenger Whatsapp

Camilla e Adriana ieri si sono unite civilmente nel carcere di Rebibbia, dove entrambe sono detenute per questioni di droga. A celebrare l’unione il vicesindaco di Roma Daniele Frongia. La storia tra le due ragazze è nata dietro alle sbarre: all’inizio condividevano la cella con altre recluse ed erano solo amiche, poi è nato l’amore.

Adriana è originaria della Polonia ma i suoi si sono stabiliti nel Lazio: sapeva già di essere lesbica quando è entrata in carcere e la sua pena finirà l’anno prossimo. Camilla invece sudamericana e rimarrà a Rebibbia fino al 2019, anche se ormai, già da qualche tempo, esce durante il giorno per lavorare.

La loro ottima condotta è stata uno dei motivi che hanno portato gli psicologi e gli educatori a sostenere la loro relazione e ad aiutarle a mettere in atto il loro sogno di unirsi civilmente. Non è mancato niente durante la cerimonia: fori, regali, bomboniere torta nuziale e fedi con incise i loro nomi. Presenti, oltre ai genitori, un ventina di invitate del braccio femminile, le agenti, le operatrici e la direttrice.

È la prima volta che due detenute si uniscono civilmente in carcere e che hanno la possibilità di vivere insieme. Condividevano già la cella e separarle ora, hanno fatto presente dal Ministero, sarebbe una cattiveria inutile e senza motivo.

Ti suggeriamo anche  Sara Gilbert di Pappa e Ciccia divorzia dalla moglie dopo 5 anni

Il dibattito in tema di riforma dell’ordinamento penitenziario – anche sull’affettività dei detenuti – è in corso da diverso tempo. In particolare, il progetto, già in fase avanzata, sulla questione degli incontri tra persone unite o sposate, una delle quali sia detenuta, ha buone possibilità di concretizzarsi: al Ministero si sta valutando di creare degli ambienti nelle strutture penitenziarie per consentire momenti di intimità.

La vicenda di Camilla e Adriana apre dunque uno scenario nuovo e importante nell’ambiente carcerario, dove le sezioni sono rigidamente separate per genere. Le cose dovranno necessariamente cambiare: se l’unione fosse stata tra eterosessuali la separazione sarebbe inevitabilmente avvenuta un minuto dopo il sì.

Fonte: Repubblica

Omofobia

Pillon, interrogazione parlamentare in difesa dell’avvocatessa che aveva detto “i gay sono malati”

Persino il consiglio dell’ordine degli avvocati di Mantova aveva preso le distanze dalla donna, che aveva scritto sui social "l’omosessualità è un disturbo psichiatrico e che chi ne è affetto non può lavorare a contatto con i minori, altrimenti questi disturbati trasmetteranno il disturbo nelle scuole".

di Federico Boni