“Quel trans che ispirò Battiato”, Valérie Taccarelli condanna il misgendering sul Fatto Quotidiano

La donna evidenza l'errore nell'uso dei pronomi in un articolo dedicato alla genesi di Alexander Platz, nata sull'esperienza di "Valery".

"Quel trans che ispirò Battiato", Valérie Taccarelli condanna il misgendering sul Fatto Quotidiano - AlexandrPlatzGayit - Gay.it
Alexander Platz Gay.it Battiato Il Fatto Quotidiano
3 min. di lettura

Se i critici della lingua italiana inclusiva condannano l’uso potenziale della schwa come desinenza che superi i confini dei generi, c’è ancora chi non comprende, tra i professionisti della scrittura, il tradizionale binarismo grammaticale da applicare al termine “transgender“. La indichiamo in apertura, una norma linguistica limpida come l’acqua di montagna: femminile per chi si identifica come donna, maschile per chi si identifica come uomo (se gli individui in questione si riconoscono nello spettro binary). Facile, eh? Ma il misgendering imperversa, con l’ultimo caso sulla carta stampata apparso nelle scorse ore, sulle colonne de Il Fatto Quotidiano. Protagonista Valérie Taccarelli.

“Quel trans che ispirò Battiato”, il titolo scelto dal quotidiano per il lancio di un articolo sulla storia di Alexander Platz, capolavoro della discografia di Milva, frutto della collaborazione con il cantautore siciliano. Firmato da Stefano Mannucci, il Doctor Mann di Radiofreccia, l’articolo ripercorre la genesi del brano, nato nel 1982 dal riadattamento di un’altra canzone. Il titolo del pezzo originario era Válery, scritto da Alfredo Cohen, che dedicò la canzone a una ragazza transessuale con cui conviveva a Roma, Valérie Taccarelli. Poi l’arrivo di Battiato, della neve di Berlino, delle frontiere e di Schubert, che relegò la canzone in disco destinato a un misero successo.

Se nell’articolo si menziona la protagonista del brano anche con il pronome femminile, il titolo e alcuni pronomi nel corpo del testo manifestano una scarsa attenzione all’uso corretto della desinenza, evidenziato con forza polemica anche dalla stessa su Facebook:

Oh mamma mia che brutto articolo! Ancora nel 2021 mi tocca insegnare l’abc ad un giornale e a un giornalista. Eppure le associazioni trans, in collaborazione con UNAR, hanno tenuto specifici corsi sull’argomento. Io sono una transessuale e cioè MtF (da maschio a femmina) quindi l’articolo deve essere al femminile, se si vuole parlare di me. Se si tratta di un transessuale FtM (da femmina a maschio) allora l’articolo è al maschile. […] Stefano Mannucci non solo non ha capito la differenza tra FtM e MtF, ma neanche che sono napoletana e non romana. Eppure oggi siete molto avvantaggiati con le ricerche… Ah no, dimenticavo che vi limitate a fare qualche telefonata. Se non ho concesso un’intervista al signor Stefano un motivo evidentemente c’era. Che triste tutto ciò…

Valérie Taccarelli, oltre a sottolineare il fatto di non aver voluto contribuire con orgoglio alla scrittura dell’articolo, ha espresso un certo sdegno per le parole scelte da Stefano Mannucci per tratteggiare il ritratto di Alfredo Cohen, tra i primi attori e cantanti del panorama italiano dichiaratamente gay, in attività dal 1974 fino agli anni Novanta. “Di Alfredo conservo il pensiero del soggiorno torinese, prima che si stabilisse a Roma per fare il regista e l’attore. Capivo il pericolo che avrebbe corso lì. Esagerava con il bicchiere“, le parole riportate, pronunciate dall’amico e compagno Angelo Pezzana. Che stando alla critica di Valérie, non consegnerebbero ai lettori l’immagine fedele dell’uomo che compose il brano che la vedeva come musa:

È aberrante leggere le parole attribuite a Pezzana da cui sembrerebbe solo un alcolizzato. Arrivò a Torino, dove vivevano le sorelle, a metà anni ’60 per iscriversi all’università facendo l’operaio in fabbrica per mantenersi agli studi. Insegnò a Torino nei primi anni ’70, utilizzando un metodo innovativo che usciva dai soliti schemi antiquati. I suoi allievi lo adoravano. […] Una cosa mi chiedo: ma a voi giornalisti non insegnano come si scrive un articolo?

Se per la rappresentazione fornita di Cohen tocca mettere in campo la sospensione del giudizio, palla al centro fra le due versioni, non si può di certo soprassedere sulla continua mancanza di attenzioni nell’uso dei pronomi corretti. Una triste abitudine, che non deve smettere di generare indignazione. Arriverà il momento dell’auf Wiedersehen per questa forma di vera e propria violenza verbale?

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Studente delle Filippine sgrida il Papa: "Smetta di usare un linguaggio omofobo. Fa male" (VIDEO) - Papa Francesco e Jack Lorenz Acebedo Rivera - Gay.it

Studente delle Filippine sgrida il Papa: “Smetta di usare un linguaggio omofobo. Fa male” (VIDEO)

News - Redazione 21.6.24
Carmine Alfano sospeso dall'Università dopo le frasi omofobe si ritira dal ballottaggio di Torre Annunziata - Carmine Alfano 2 - Gay.it

Carmine Alfano sospeso dall’Università dopo le frasi omofobe si ritira dal ballottaggio di Torre Annunziata

News - Redazione 21.6.24
Front Runners Milano Prima Running Community LGBTQIA+ in Italia

Cagliari calcio e i suoi tifosi premiati da Arcigay Sport: “Italia in Campo contro l’Omobitransfobia 2024”

Corpi - Francesca Di Feo 22.6.24
Ivan Codrian per @theshamelessfund

Jonathan Bailey lancia l’associazione di beneficenza LGBTQ+ “The Shameless Fund”

Culture - Luca Diana 21.6.24
Calciatori Gay Coming Out - Rosario Coco di Out Sport spiega perché non bisogna forzare

Calciatori gay in Nazionale, calciatori gay ovunque: perché non bisogna forzare

Lifestyle - Giuliano Federico 20.6.24
Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

News - Francesca Di Feo 22.6.24

Continua a leggere

Milano, il Comune riconosce la carriera alias ai suoi dipendenti - Carriera Alias - Gay.it

Milano, il Comune riconosce la carriera alias ai suoi dipendenti

News - Redazione 27.12.23
Tommy Dorfman ha sposato l'amata Elise: "Celebriamo l'amore trans e queer con il mondo" - Tommy Dorfman ha sposato lamata Elise - Gay.it

Tommy Dorfman ha sposato l’amata Elise: “Celebriamo l’amore trans e queer con il mondo”

Culture - Redazione 6.5.24
Baby Reindeer, Nava Mau e la rappresentazione trans nella nuova serie crime Netflix di cui tuttə parlano - Baby Reindeer n S1 E2 00 20 42 07 - Gay.it

Baby Reindeer, Nava Mau e la rappresentazione trans nella nuova serie crime Netflix di cui tuttə parlano

News - Redazione 19.4.24
messico-violenza-persone-trans

Messico, è un massacro: quattro gli omicidi di persone trans documentati dall’inizio dell’anno

News - Francesca Di Feo 18.1.24
stati-uniti-ban-terapie-affermative

Stati Uniti, continuano i ban alle terapie affermative per i minori: 100.000 lǝ adolescenti abbandonatǝ a loro stessǝ

Corpi - Francesca Di Feo 17.4.24
afghanistan-persone-transgender

L’Afghanistan a 3 anni dall’ascesa dei talebani: stupri, torture e violenze all’ordine del giorno per le persone transgender

News - Francesca Di Feo 2.4.24
Teansgender Carcere Europa

Nelle carceri europee le persone transgender subiscono intimidazioni e violenze

News - Redazione Milano 26.4.24
Tutto ciò che accade è umano: intervista a Donatella Di Pietrantonio - Sessp 15 - Gay.it

Tutto ciò che accade è umano: intervista a Donatella Di Pietrantonio

Culture - Federico Colombo 1.1.24