Venezia 76: Il Queer Lion Award 2019 va a ‘El Príncipe’ di Sebastián Muñoz

La vita carceraria per un prigioniero gay: il regista Sebastián Muñoz ha saputo trasmettere la vera sofferenza di quegli anni in Cile.

queer lion award
< 1 min. di lettura

Il 13esimo Queer Lion Award, il premio collaterale di Venezia 76, è stato assegnato al film “El Príncipe” di Sebastián Muñoz (Cile, Argentina, Belgio). Ecco parte del comunicato della giuria, che motiva così la sua decisione:

El Príncipe è un accorato spaccato della vita in una prigione cilena, alla vigilia dell’ascesa al potere di Allende nel 1970, nel quale gli intensi rapporti emotivi tra prigionieri fanno da contrappunto alla selvaggia brutalità della vita carceraria.

Guidato da un eccezionale Alfredo Castro, l’eccellente cast offre interpretazioni emozionanti partendo dalla potenza di una sceneggiatura, in grado di trasmettere la paradossale accettazione di affetti gay in ambito carcerario, in un periodo nel quale ciò non era socialmente accettabile.

Il debutto alla regia di Sebastián Muñoz è un’esplorazione, audace e dalla forte carica erotica, della storia recente che mette a nudo un’anima di inattesa tenerezza.

Il Queer Lion Award verrà consegnato al regista Sebastián Muñoz, venerdì 6 settembre, ore 18:00, presso lo spazio Italian Pavilion, Sala Tropicana, Hotel Excelsior.

La giuria era composta da:

  • Brian Robinson (Regno Unito – British Film Institute)
  • Giacomo S. Pistolato (Italia – Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani)
  • Federico Boni (Italia – scrittore, giornalista, critico)

I film in concorso erano in tutto 9:

  • El Príncipe di Sebastián Muñoz (Cile, Argentina, Belgio)
  • Rialto di Peter Mackie Burns (Regno Unito, Irlanda)
  • House of Cardin di P. David Ebersole, Todd Hughes (Usa, Francia)
  • Bombay Rose di Gitanjali Rao (Regno Unito, India, Francia, Qatar)
  • Moffie di Oliver Hermanus (Sud Africa, Regno Unito)
  • Barn di Dag Johan Haugerud (Norvegia, Svezia)
  • Lingua Franca di Isabel Sandoval (Usa, Filippine)
  • Psykosia di Marie Grahtø (Danimarca, Finlandia)
  • Ema di Pablo Larraín (Cile)

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Mahmood è in tour in Europa per presentare l'album "Nei letti degli altri"

Mahmood più libero che mai sul palco, il suo tour strega l’Europa e “Tuta gold” conquista il triplo disco di platino

Musica - Emanuele Corbo 9.4.24
Raffaella Carrà - la sua casa a Via Nemea 21 a Roma è in vendita

La casa di Raffaella Carrà a Roma Nord è in vendita, ma nessuna piazza ha il suo nome

Musica - Mandalina Di Biase 11.4.24
Angelina Mango è pronta per l'Eurovision Song Contest che si terrà a maggio in Svezia

Perché Angelina Mango può vincere Eurovision 2024

Musica - Emanuele Corbo 11.4.24
GialappaShow, Gigi è Mahmood con i ballerini cileni (VIDEO) - Gigi e Mahmood - Gay.it

GialappaShow, Gigi è Mahmood con i ballerini cileni (VIDEO)

Culture - Redazione 11.4.24
Ciao Maschio 2024, intervista alle Karma B: "Caro Salvini le facciamo questa domanda...." - Karma B Ciao Maschio 4 - Gay.it

Ciao Maschio 2024, intervista alle Karma B: “Caro Salvini le facciamo questa domanda….”

Culture - Federico Boni 12.4.24
Papa Francesco Dignitas Infinita - Chiesa Cattolica - Vaticano

Il documento del Vaticano che mette l’intera comunità LGBTI ai margini: teoria gender, surrogata, bambini e altre mistificazioni reazionarie

Culture - Giuliano Federico 8.4.24

Hai già letto
queste storie?