“Visioni”, le tele di Amanda Lear esposte a Milano

Si inaugura oggi alla Milano Art Gallery una personale della musa di Salvador Dalì. "Mi ha colpito la spontaneità espressiva di Amanda Lear" spiega l'organizzatore Salvo Nugnes. Fino al 24 agosto.

"Visioni", le tele di Amanda Lear esposte a Milano - learartistaBASE 1 - Gay.it
2 min. di lettura

Si definisce “una pittrice che fa anche spettacolo”, quasi a ribadire fermamente che la sua attività principale della sua ennesima vita si colloca fra tele e pennelli, mentre quelle precedenti – e quante: modella, cantante, presentatrice, attrice, eccetera – sono diventate un corollario artistico a cui non dà più molta importanza. Amanda Lear è oggi una splendida settantatreenne e quella torbida ambiguità sessuale che ne costruì il mito durante lo sfrenato sodalizio con Dalì, contribuendo non poco a crearne l’immagine glitter di icona gay, ha lasciato spazio a nuove esigenze espressive. L’occasione per (ri)scoprire le opere pittoriche della Lear è la mostra Visioni a ingresso libero che si inaugura oggi alla “Milano Art Gallery” in via Alessi 11 con un vernissage a cui sono stati invitati, tra gli altri, Jean-Paul Gaultier, Paco Rabanne e Bob Sinclair.

Oli, gouaches, disegni a china di volti sfuggenti o paesaggi dal taglio impressionista, opere strabordanti sensualità e vitalità, dai colori vivaci (prevalgono il rosso e il blu notte), quali un San Sebastiano postmoderno con frecce segnaletiche o un Re Mida adone seduttivo che trasforma in oro la tela stessa con liberatorie pennellate golden che paiono “sporcare” la sua classicità da kouros apollineo.

L’organizzatore Salvo Nugnes, direttore di Promoter Arte, spiega così la scelta di dedicare alla Lear una personale: «Di Amanda mi hanno colpito la spontaneità espressiva e il camaleontico e poliedrico trasformismo nella ricerca stilistica, che la rendono eclettica e originale. Poi apprezzo molto l’appassionata voglia di mettersi in gioco, poiché da tutti è conosciuta come la musa e icona ispiratrice del grande maestro Dalì, ma ha voluto affermarsi anche come talentuosa artista, evidenziando un altro interessante aspetto della sua significativa presenza nel mondo dell’arte per regalarci piacevoli e sorprendenti emozioni».

«Amanda è un’artista speciale, una donna con una carica vitale incredibile – continua Nugnes – dalle mille risorse e capace di affrontare la vita al motto di testa alta e profumo francese. Questa mostra sarà un’ottima occasione per i suoi numerosi estimatori di apprezzarne le spiccate doti e virtù pittoriche».

Riguardo all’influenza artistica del grande maestro surrealista, di cui era considerata la musa, Amanda spiega: «Di recente ho visitato la mostra dedicata a Dalì, al Museo Pompadour di Parigi, la stessa allestita qualche anno fa a Palazzo Reale a Milano. Al mio arrivo, mi sono sentita osservata dai presenti, come se mi considerassero la vedova simbolica di Dalì. Nonostante avesse trent’anni più di me, era un uomo talmente creativo, divertente ed estroso, che non mi sono mai annoiata insieme a lui. Per certi versi ha rappresentato anche una figura paterna, ma il nostro rapporto è sempre stato stimolante e frizzante».

La mostra “Visioni” è visitabile fino al 24 agosto.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24
Roberto Vannacci

Roberto Vannacci avrebbe truffato lo Stato secondo l’indagine della procura militare

News - Giuliano Federico 24.2.24
John Cena è su Only Fans?

Ma John Cena è davvero su Only Fans?

Culture - Riccardo Conte 23.2.24
Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote - Angelina Mango - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote

News - Redazione 23.2.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24

Continua a leggere

Max Peiffer Watenphul. Dal Bauhaus all'Italia

Max Peiffer Watenphul e la scena queer mai più dimenticata della scuola Bauhaus

Culture - Redazione Milano 30.11.23
(variety)

Emerald Fennell vuole provocarci (senza farci vergognare)

Cinema - Riccardo Conte 16.11.23
Andrea Tarella - Gay.it intervista

Le creature fantastiche di Andrea Tarella “Ho galline in giardino, un fagiano, un’iguana, un drago barbuto, e tanti acquari intorno a me”

Culture - Riccardo Conte 20.2.24
Transatlantic bridges: Corrado Cagli, 1938-1948

Corrado Cagli, l’artista queer che voltò le spalle al regime fascista, in mostra a New York – GALLERY

Culture - Redazione Milano 9.11.23
i want you to know my story di Jess Dugan

Tra nuovi sguardi e corpi fuori dagli schemi: benvenutə al Gender Bender 2023!

Culture - Riccardo Conte 24.10.23
Cate Blanchett insieme a Coco Francini e la Dott.ssa Stacy L. Smith (Good Morning America)

Cate Blanchett a sostegno dellə cineastə donne, trans, e non binary

Cinema - Redazione Milano 19.12.23
c'è ancora domani

Per fortuna c’è ancora Paola Cortellesi

Cinema - Riccardo Conte 14.11.23
Photograph: EPA (THE GUARDIAN)

Patti Smith su sessualità e genere: “Non importano le etichette, quello che conta è la libertà”

Musica - Redazione Milano 3.10.23