“Visioni”, le tele di Amanda Lear esposte a Milano

Si inaugura oggi alla Milano Art Gallery una personale della musa di Salvador Dalì. "Mi ha colpito la spontaneità espressiva di Amanda Lear" spiega l'organizzatore Salvo Nugnes. Fino al 24 agosto.

"Visioni", le tele di Amanda Lear esposte a Milano - learartistaBASE 1 - Gay.it
2 min. di lettura

Si definisce “una pittrice che fa anche spettacolo”, quasi a ribadire fermamente che la sua attività principale della sua ennesima vita si colloca fra tele e pennelli, mentre quelle precedenti – e quante: modella, cantante, presentatrice, attrice, eccetera – sono diventate un corollario artistico a cui non dà più molta importanza. Amanda Lear è oggi una splendida settantatreenne e quella torbida ambiguità sessuale che ne costruì il mito durante lo sfrenato sodalizio con Dalì, contribuendo non poco a crearne l’immagine glitter di icona gay, ha lasciato spazio a nuove esigenze espressive. L’occasione per (ri)scoprire le opere pittoriche della Lear è la mostra Visioni a ingresso libero che si inaugura oggi alla “Milano Art Gallery” in via Alessi 11 con un vernissage a cui sono stati invitati, tra gli altri, Jean-Paul Gaultier, Paco Rabanne e Bob Sinclair.

Oli, gouaches, disegni a china di volti sfuggenti o paesaggi dal taglio impressionista, opere strabordanti sensualità e vitalità, dai colori vivaci (prevalgono il rosso e il blu notte), quali un San Sebastiano postmoderno con frecce segnaletiche o un Re Mida adone seduttivo che trasforma in oro la tela stessa con liberatorie pennellate golden che paiono “sporcare” la sua classicità da kouros apollineo.

L’organizzatore Salvo Nugnes, direttore di Promoter Arte, spiega così la scelta di dedicare alla Lear una personale: «Di Amanda mi hanno colpito la spontaneità espressiva e il camaleontico e poliedrico trasformismo nella ricerca stilistica, che la rendono eclettica e originale. Poi apprezzo molto l’appassionata voglia di mettersi in gioco, poiché da tutti è conosciuta come la musa e icona ispiratrice del grande maestro Dalì, ma ha voluto affermarsi anche come talentuosa artista, evidenziando un altro interessante aspetto della sua significativa presenza nel mondo dell’arte per regalarci piacevoli e sorprendenti emozioni».

«Amanda è un’artista speciale, una donna con una carica vitale incredibile – continua Nugnes – dalle mille risorse e capace di affrontare la vita al motto di testa alta e profumo francese. Questa mostra sarà un’ottima occasione per i suoi numerosi estimatori di apprezzarne le spiccate doti e virtù pittoriche».

Riguardo all’influenza artistica del grande maestro surrealista, di cui era considerata la musa, Amanda spiega: «Di recente ho visitato la mostra dedicata a Dalì, al Museo Pompadour di Parigi, la stessa allestita qualche anno fa a Palazzo Reale a Milano. Al mio arrivo, mi sono sentita osservata dai presenti, come se mi considerassero la vedova simbolica di Dalì. Nonostante avesse trent’anni più di me, era un uomo talmente creativo, divertente ed estroso, che non mi sono mai annoiata insieme a lui. Per certi versi ha rappresentato anche una figura paterna, ma il nostro rapporto è sempre stato stimolante e frizzante».

La mostra “Visioni” è visitabile fino al 24 agosto.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
Justin Timberlake Arrestato Ubriaco Gossip Droghe

Justin Timberlake arrestato, guidava ubriaco. Il gossip impazza: “Popper e Truvada nel sangue”. Ma è davvero così?

Musica - Emanuele Corbo 19.6.24
kyiv-pride-2024

Ucraina, perché il primo Kiev Pride dall’inizio dell’invasione russa è durato solo 30 minuti

News - Francesca Di Feo 18.6.24
X Factor 2024

X Factor 2024 è una bomba, abbiamo visto le audition: le nostre prime impressioni

Culture - Luca Diana 19.6.24
Carmine Alfano, le frasi choc del candidato sindaco di Torre Annunziata: "I ricchi*ni nel forno crematorio" - Carmine Alfano - Gay.it

Carmine Alfano, le frasi choc del candidato sindaco di Torre Annunziata: “I ricchi*ni nel forno crematorio”

News - Redazione 18.6.24
11 sportivi lgbt

Sport e comunità LGBTIQ+: 14 storie che devi conoscere

News - Gio Arcuri 18.6.24

Leggere fa bene

Michele Bravi ritratto da Mauro Balletti per 'Tu cosa vedi quando chiudi gli occhi?'

L’atlante di Michele Bravi, tra poesie e pornostar – l’intervista

Musica - Riccardo Conte 9.4.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
Biennale Arte Venezia 2024 - Foreign Everywhere by Adriano Pedrosa

Siamo ovunque: cosa aspettarci dalla Biennale queer e decolonizzata di Adriano Pedrosa

Culture - Redazione Milano 2.2.24
ARIA! di Margherita Vicario

Mani in ARIA! insieme a Margherita Vicario, ascolta il nuovo singolo dal film GLORIA! – VIDEO

Musica - Redazione Milano 28.3.24
whereupon-turmoil-allen-frame

Prima e dopo l’hiv, quegli anni tra fine ’70 e ’90 a New York: “Whereupon”, rivoluzione e tragedia negli scatti di Allen Frame

Culture - Francesca Di Feo 6.6.24
Miranda July (Vogue, 2020)

Miranda July, amarsi senza cadere a pezzi – intervista

Culture - Riccardo Conte 4.3.24
Resistenza, malattia e vita: abbiamo intervistato Ivonne Capece, a teatro con Thinking Blind - Matteo B Bianchi 2 - Gay.it

Resistenza, malattia e vita: abbiamo intervistato Ivonne Capece, a teatro con Thinking Blind

Culture - Federico Colombo 20.4.24
Foto: Matteo Gerbaudo

Giada Biaggi non si sente più in colpa: ‘Abbi l’audacia di un maschio bianco’, l’intervista

Culture - Riccardo Conte 18.3.24