Addio Urvashi Vaid: vita e imprese di una grande attivista intersezionale

Urvashi ci ha lasciati lo scorso 14 maggio a 63 anni: il suo contributo all'attivismo LGBTQ+ rimane indelebile.

ascolta:
0:00
-
0:00
Urvashi Vaid Gay.it
3 min. di lettura

Dai quartieri di Nuova Delhi, dove nacque nel 1958, alle strade di Washington, Urvashi Vaid ha fatto dell’attivismo la sua vocazione, lottando per i diritti LGBTQ+ e mettendo la politica e i multimiliardari di fronte ai loro doveri e responsabilità attraverso le sue parole e i suoi gesti di protesta.

Avvocato, scrittrice e attivista, Urvashi Vaid ci ha lasciati lo scorso 14 maggio dopo una battaglia contro il cancro, ma la sua eredità nella lotta per l’uguaglianza rimane più viva che mai. Il suo lavoro e i suoi scritti hanno lasciato un segno indelebile, rendendola una delle attiviste più influenti del nostro tempo. Il suo impegno si è svolto su più fronti, e partiva sempre dalla sua esperienza di donna lesbica immigrata dall’India.

Urvashi Vaid Gay.it
Urvashi Vaid, classe 1958, è stata una nota e autorevole attivista LGBTQ+

Inutile sottolineare come spesso, all’inizio della sua carriera, si trovasse ad essere l’unica donna coinvolta nelle discussioni con politici e uomini d’affari, che tentavano di minare la sua autorità. Ma senza farsi mai smuovere, e con un pensiero avanti di decenni, Urvashi parlava già negli anni Ottanta di classe e di razza, di genere e sessualità come di un tutt’uno: non si poteva lottare per uno dimenticando gli altri. Parlava già di intersezionalità, in un momento in cui molti non sapevano nemmeno cosa significasse.

E che momento! Dal 1989 al 1992 è stata la prima direttrice donna della National Gay and Lesbian Task Force, proprio quando l’epidemia di AIDS stava decimando la comunità LGBTQ+, l’intimità omosessuale era minacciata dalle leggi e il matrimonio egualitario ancora non esisteva. Proprio negli anni Novanta il suo attivismo si concentra sulla causa dell’AIDS, spingendo la politica a finanziare la comunità medica e la ricerca affinché si arrivasse ad una cura.

Urvashi Vaid Gay.it
Urvashi Vaid contro George H.W. Bush

Soprattutto all’inizio, il virus veniva soprannominato “la peste gay”: altamente stigmatizzato, non meritava di essere studiato. Così, quando nel 1990 il Presidente H.W. Bush diede ilo suo primo discorso sull’epidemia da quando era stato eletto l’anno prima, Urvashi era fermamente convinta che il suo appello alla compassione sarebbe dovuto arrivare prima. Il suo cartellone con scritto “Talk Is Cheap, AIDS Funding Is Not” risultò nella sua rimozione dalla sala e nel non essere più invitata alla Casa Bianca per altre manifestazioni a favore dei diritti gay.

Così come venne arrestata durante una protesta fuori la Corte Suprema che manifestava per il diritto all’aborto, tema oggi tornato più attuale che mai. Per questo l’autore Mark Harris l’ha così ricordata con un messaggio su Twitter:

«Poteva sedersi con un gruppo di multimilionari e miliardari e persuaderli, convincerli, pungere le loro coscienze e far loro capire che avevano il dovere e l’opportunità di migliorare il mondo. Ma era altrettanto a casa – molto di più, in effetti – quando si metteva in strada a parlare con un pubblico di due persone che poi diventavano quattro, otto, sedici, e all’improvviso era un raduno»

Urvashi Vaid Gay.it
Una foto d’epoca di Urvashi Vaid

Partecipò attivamente alle proteste contro la guerra in Vietnam e lavorò con diverse organizzazioni LGBTQ+ nel Paese, come la Gay Community News di Boston e l’American Civil Liberties Union’s National Prison Project, in cui si occupò di garantire un migliore trattamento ai detenuti malati di HIV.

L’intera comunità si è mossa per ricordarla in questi giorni, ripercorrendo le sue battaglie, i suoi traguardi e l’impronta che ha lasciato nell’attivismo LGBTQ+ degli Stati Uniti. Ma il ricordo più bello arriva dal nipote Vaid-Menon, artista gender-nonconforming, che ha affidato a Instagram il suo pensiero.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da ALOK (@alokvmenon)

 

«Non sarei vivə oggi se non fosse per lei. Prima che avessi il coraggio per descrivere chi ero, Urvashi mi ha vistə. […] Urvashi mi ha fattə sentire come se potessi crescere e diventare l’adultə che sono ora. Mi ha mostrato che la vita queer era possibile… e bella»

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
iraq-donne-trans (2)

Iraq, la strage silenziosa delle donne trans, uccise dai loro familiari per “onore”

Corpi - Francesca Di Feo 20.5.24
Mahmood: "Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi"

Mahmood: “Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi”

Musica - Emanuele Corbo 22.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24
Billie Eilish, è uscito il nuovo album "Hit Me Hard and Soft"

Billie Eilish ritrova se stessa e plasma di nuovo il pop alla sua (gigante) maniera

Musica - Emanuele Corbo 21.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

Brittney Griner, dalla prigione russa al primo figlio con sua moglie Cherelle. Il dolce annuncio social - Brittney - Gay.it

Brittney Griner, dalla prigione russa al primo figlio con sua moglie Cherelle. Il dolce annuncio social

News - Redazione 18.4.24
Tutto ciò che accade è umano: intervista a Donatella Di Pietrantonio - Sessp 15 - Gay.it

Tutto ciò che accade è umano: intervista a Donatella Di Pietrantonio

Culture - Federico Colombo 1.1.24
bandiera progress pride

Le conquiste internazionali sui diritti LGBTQIA+ del 2023

News - Federico Boni 19.12.23
Corita Kent Padiglione Vaticano Biennale 2024

Biennale di Venezia, Papa Francesco omaggerà Corita Kent, la suora queer che fuggì con la sua amante

Culture - Mandalina Di Biase 14.3.24
cgil-tesseramento-alias

Anche CGIL apre al tesseramento alias: “L’accoglienza delle tante diversità non è un qualcosa di facoltativo, ma necessario”

News - Francesca Di Feo 21.1.24
Reneé Rapp in Mean Girls (2024)

Regina George di Mean Girls è queer? Risponde Reneé Rapp

Cinema - Redazione Milano 16.1.24
Romania, il premier Ciolacu chiude alle unioni civili: "La nostra società non è pronta" - Marcel Ciolacu - Gay.it

Romania, il premier Ciolacu chiude alle unioni civili: “La nostra società non è pronta”

News - Redazione 24.11.23
Giornata della Visibilità Lesbica: perché ricordarla

Giornata della Visibilità Lesbica: perché ricordarla

Culture - Riccardo Conte 26.4.24