Antonino: “Oggi ho il coraggio di essere chi sono!”

Antonino parla in esclusiva del suo disco "Nottetempo" e della sua nuova vita.

Antonino_Spadaccino_unioni_civili_nottetempo_nuovo_album_emma_marrone
6 min. di lettura

Diciamoci la verità: Antonino è Antonino. Il suo passato, sin troppo televisivo, non ha mai sporcato la sua identità artistica, anzi: spesso, se non sempre, accadeva esattamente il contrario. Dopo ogni sua apparizione ci si chiedeva come fosse possibile che Antonino, l’ex vincitore di Amici, non fosse riuscito a trovare una certa stabilità nel mercato discografico italiano. La voce c’era, la presenza scenica? Pure. E allora dov’era il problema? Quando incontro Antonino siamo a Roma. A pochi passi dal centro storico. E’ dimagrito molto ed è diventato ancora più bello di come l’avevo lasciato quando partecipò al talent di Rai1 La Pista. Ha poco tempo da dedicarmi perché sta girando l’Italia, in lungo e in largo, per promuovere Nottetempo, il suo ultimo lavoro discografico prodotto da Emma Marrone e distribuito dalla prestigiosa Universal Music.

Antonino_Spadaccino_unioni_civili_nottetempo_nuovo_album_emma_marronePosso dirle una cosa?

Prego..

Il suo ultimo disco è davvero un piccolo gioiello..

Sono davvero contento che le sia piaciuto. Ho lavorato moltissimo a questo album, ma probabilmente l’aspetto che mi ha dato più soddisfazione è l’evoluzione personale che ho fatto su me stesso. Con Nottetempo do’ finalmente voce a l’uomo che sono oggi.

Prima e dopo l’uscita di un progetto ci saranno senza dubbio delle aspettative. Lei, oggi, che aspettative ha?

L’aspettativa più grande, e per me più importante, è proprio che passi il messaggio di cui le parlavo poco fa.

“Un disco sincero che dice chi sono”. Quanto c’è di autobiografico dietro questo lavoro?

Ci sono tre anni di grande lavoro introspettivo e autobiografico. Ho rubato tempo alla notte, scrivendo e facendo luce su chi sono davvero oggi. E mi creda: non ho tralasciato nessun aspetto della mia vita.

Antonino_Spadaccino_unioni_civili_nottetempo_nuovo_album_emma_marroneHa fatto molto discutere il suo coming out fatto ai microfoni di Adnkronos. Lo sa che qualcuno, sui social, l’ha definita una scelta di marketing per il lancio del disco?

Ho deciso, in questo disco, di metterci la faccia, oltre alla voce. Durante la conferenza stampa è arrivata una domanda diretta in cui mi è stato chiesto, con estrema semplicità e naturalezza, quale fosse la mia posizione rispetto alle unioni civili. Sono anni che non nascondo il mio supporto alla causa e, con altrettanta semplicità e coerenza, ho risposto: ” Sono innamorato e spero di avere presto la possibilità di sposarmi, come tutti”. Non vedo nulla di male nell’essere se stessi e nell’esprimere una semplice opinione. Con tutto il rispetto, credo che le scelte di marketing siano ben altre. Ho risposto ad una domanda con successivi dieci secondi di silenzio ed emozione per tutti. È stato davvero bellissimo.

La settima traccia di Nottetempo è: “Bellissimo“. Un brano che sembra una vera e propria dichiarazione d’amore. E’ così, o mi sbaglio?

Penso sia una grande dichiarazione di coerenza e amore. Bellissimo è un inno all’amore contro chi, dell’amore, non ha capito proprio nulla. L’amore altrui non nega niente a nessuno. L’amore dona e arricchisce chi d’amore sa nutrirsi senza giudicare, ma dando valore all’unico sentimento in grado di cambiare il corso delle cose.

Si è mai chiesto come mai questa morbosità maniacale, da parte del pubblico, di voler indagare sempre e comunque nel privato degli artisti?

In tutta sincerità penso sia un aspetto più che normale. Specialmente in questi ultimi anni in cui i social hanno avvicinato il pubblico ai propri idoli. Non ci trovo nulla di male, purché venga rispettata la privacy e non si dia respiro ad episodi di invadenza gratuita. Personalmente ho un ottimo rapporto con i miei sostenitori e fans che trovo da sempre affettuosi, interessati, ma mai invadenti. Sono molto fortunato e li ringrazierò sempre.

Ha detto che le piacerebbe sposarsi. Pensa che il governo Renzi riuscirà nell’impresa dei Diritti Civili?

Francamente, e senza troppi giri di parole, penso che nessuno potrà mai impedire a due persone che si amano di unirsi tra di loro. E’ solo questione di tempo. Il vento è già cambiato e lo sanno tutti.

Ali Nere è andato molto bene, ora quale sarà il prossimo singolo?

Ali Nere è il brano che ho scelto per questo mio ritorno. Un brano che mi ha dato e mi sta dando grandissime soddisfazioni. Diciamo che, al momento, ci sono un po’ di idee in merito al secondo singolo; “Gira”, ad esempio, ha avuto un ottimo riscontro, quindi chissà..



  Passo a un altro brano: Stanotte. E’ cosi difficile ammettere d’aver sbagliato?

Stanotte è un brano che mi ha fatto riflettere molto, sin dal primo ascolto. Un brano che mi ha fatto a pezzi, per poi rimettermi insieme in modo migliore. E’ difficilissimo ammettere d’aver sbagliato, ma trovare il coraggio per farlo mi ha reso una persona migliore. Quanto vale un porto sicuro dove rifugiarsi, quando le cose non vanno esattamente come desideriamo? Quanto ci costa ammettere di aver sbagliato e trovare il coraggio di chiedere a chi vogliamo realmente bene: “Scusa, ho sbagliato, non voglio stare solo. Posso restare stanotte?”

Carpe Diem la settima traccia, è un invito a smetterla di nascondersi dietro a un display. Lei che rapporto ha con il cellulare?

( ride, ndr) Io ho un buon rapporto con il cellulare e con le nuove tecnologie. Lo ammetto: sono un po’ nerd. Di sicuro però non passo il tempo sempre attaccato ad un display.

L’ultima traccia del disco è Lontano Da Me. Un brano forte, crudo, che racconta il momento in cui si arriva a toccare il fondo. Lei pensa d’averlo mai toccato?

Nella vita di una qualsiasi persona penso ci siano periodi belli e altri meno. Mi è successo di passare momenti meno felici, ma con assoluta convinzione le dico che servono anche questi momenti, in modo da trovare, dentro di noi, la forza per rimettersi in piedi, più forti e sicuri di prima.

Amici, nella sua edizione, non aveva ancora un supporto così grande da parte delle case discografiche. Oggi, invece, per le case discografiche è quasi essenziale la presenza del talent. Come vive questo cambiamento?

Penso di aver vissuto sulla mia pelle tutto il cambiamento del rapporto fra talent e case discografiche. Ho vinto Amici nel 2005 ritrovandomi ad avere una popolarità indescrivibile, ma allo stesso tempo l’etichetta discografica di allora non aveva alcuna capacità di gestire il tutto perché eravamo nel pieno di questo cambiamento. Penso che oggi ci sia una sinergia molto efficiente tra talent e major e continuo a pensare che, ad ogni modo, sia sempre l’artista a fare la differenza. Altrimenti oggi, a dieci anni di distanza, non saremmo qui a parlarne, non trova?

Dietro il suo progetto c’è anche Emma Marrone. Quanto è stata importante la sua presenza nella realizzazione del suo nuovo album?

Io mi ritengo molto fortunato ad aver conosciuto Emma: in primis come persona, poi come artista. E’ una donna forte, determinata e dedita al lavoro come nessuna mai. Non trascura nessun aspetto della sua vita: dagli affetti, al profilo artistico fino allo strutturare una produzione discografica. Ho avuto l’opportunità di vederla all’opera da vicino e il privilegio di imparare tantissimo, posso solo che ringraziarla.
Antonino_Spadaccino_unioni_civili_nottetempo_nuovo_album_emma_marroneA chi si sente di dover dire: “Grazie”?

Di sicuro a Maria De Filippi perché Amici ha cambiato la mia vita e mi ha insegnato a lavorare, a credere in me stesso sempre e a non mollare mai. Grazie ad Emma Marrone e a Francesca Savini, per avermi seguito in questi anni e consigliato da vere amiche quali sono. Grazie a Luca Mattioni, il mio produttore, che ha seguito con estrema sensibilità e indiscutibile talento questo mio ritorno sulle scene musicali. Grazie alla Universal Music Italia per avermi accolto nella loro meravigliosa famiglia. Grazie alla mia famiglia che mi è sempre vicino, ai miei fans che mi sostengono dal 2005 e, infine, mi sento di dire grazie a me stesso.

A se stesso?

Si, perché ho imparato a guardarmi allo specchio e riconoscere una persona migliore. L’uomo che sono è l’artista che voglio essere da oggi in poi. Credo di essere cresciuto più negli ultimi tre anni che nei restanti trenta. E sa qual è la cosa che ho imparato in assoluto?

No..

Che sono le persone a fare la differenza.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
Mahmood Nei letti degli altri e l'amore gay

E fu così che Mahmood portò l’amore gay nel mainstream (e nei letti degli altri)

Musica - Mandalina Di Biase 19.2.24
adolescente-non-binari-aggressione-oklaoma (1)

USA, Nex Benedict, sedicenne non binariǝ, muore dopo un’aggressione transfobica a scuola

News - Francesca Di Feo 21.2.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
Paolo Camilli

Paolo Camilli: “La mia omosessualità? L’ho negata fino alla morte con me stesso” – intervista

Culture - Luca Diana 23.2.24

Continua a leggere

biancaneve

Biancaneve si salva da sola, senza nani né principe

Cinema - Emanuele Cellini 12.9.23
Amici 23, tutti gli allievi al Serale

Amici 23, da Dustin a Holden: tutti gli allievi al Serale

Culture - Luca Diana 25.2.24
Manuel Aspidi, l’ex cantante di Amici vittima di omofobia social: "Dovete crepare, fate vomitare" - Manuel Aspidi 2 - Gay.it

Manuel Aspidi, l’ex cantante di Amici vittima di omofobia social: “Dovete crepare, fate vomitare”

Musica - Redazione 19.9.23
San Valentio Queer

San Valentino, “lascia che ci pensi io” è il “ti amo” scritto coi petali di rosa

Culture - Emanuele Bero 12.2.24
Nicholas Borgogni

Chi è Nicholas Borgogni? Età, carriera e vita privata del ballerino di Amici 23

Culture - Luca Diana 1.10.23
Sanremo 2024

Amici di Maria De Filippi conquista la 74esima edizione del Festival di Sanremo

Culture - Luca Diana 26.1.24
Tutta questa inutile bellezza: siamo stati al concerto di Carmen Consoli ed Elvis Costello - Carmen Consoli - Gay.it

Tutta questa inutile bellezza: siamo stati al concerto di Carmen Consoli ed Elvis Costello

Musica - Federico Colombo 1.9.23
Amici 23

Amici 23, tutto quello che sappiamo sulla nuova edizione: concorrenti, insegnanti, regolamento e spot

Culture - Luca Diana 22.9.23