Arcigay: finanziare consultori per coppie gay

L’Arcigay chiedera’ nei prossimi mesi alle Regioni di finanziare consultori per le coppie gay. Lo ha annunciato, in una nota, Aurelio Mancuso, segretario nazionale dell’Arcigay.

AOSTA – L’Arcigay chiedera’ nei prossimi mesi alle Regioni di finanziare consultori per le coppie gay. Lo ha annunciato, in una nota, Aurelio Mancuso, segretario nazionale dell’Arcigay.

"Non c’e’ dubbio – dichiara Mancuso nel comunicato – che per il nostro Paese le coppie gay siano invisibili: non sono riconosciute da alcuna legge, a differenza di molti Stati europei, non sono censite e, a eccezione di alcune Regioni (Valle d’ Aosta, Emilia Romagna e Toscana) non possono accedere in quanto tali ad alcun contributo o servizio sociale. E’ quindi necessario che le famiglie gay vengano aiutate a emergere a diventare soggetti di diritto".

"Per tutte queste ragioni – prosegue la nota – l’ Arcigay promuovera’ dall’ autunno la costituzione di consultori, o rafforzera’ quelli gia’ esistenti, che si occupino di sostenere legalmente e psicologicamente le coppie gay o le persone che intendono formare un gruppo familiare. Come gia’ avviene nei confronti dei consultori privati gestiti dalle organizzazioni cattoliche, l’ Arcigay chiedera’ a Regioni, Comuni e Province di finanziare questo nuovo servizio sociale che ha tra i suoi scopi il benessere psicofisico delle persone e lo sviluppo di una tipologia di famiglia stabile e integrata nella societa’".

Ti suggeriamo anche  Dopo 9 famiglie, coppia gay adotta un ragazzo 17enne tramite Zoom
Attualità

Prima casa insieme dopo aver finto per 13 anni di essere cugini, la gioia del regista indiano e del fidanzato

Per non suscitare clamore tra i vicini e non avere problemi con l'affitto, Apurva Asrani e Siddhant Pilla hanno finto di essere cugini per 13 anni. Ora, finalmente, possono presentarsi a tutti come fidanzati.

di Federico Boni