Papa Francesco: “gli omofobi non hanno un cuore umano”

Bergoglio ha sorpreso un concorrente di un programma inglese, arrivato in Vaticano dopo aver a lungo sofferto l’omofobia.

Stephen Kehinde Amos è un cabarettista britannico di 51 anni, gay dichiarato e ateo, che ha partecipato a Pilgrimage: The Road To Rome, programma in cui alcuni personaggi famosi percorrono l’antica Via Francigena, che inizia a Canterbury e finisce a Roma, in 15 giorni. Un pellegrinaggio che ha visto Amos sbarcare in Vaticano, al cospetto di Papa Francesco, come documentato dalla BBC.

Dinanzi al pontefice il comico, inizialmente restio all’incontro, ha posto dei quesiti, sottolineando l’omofobia spesso veicolata dalla stessa Chiesa cattolica. Ed è qui che è arrivata la spiazzante risposta di Bergoglio.

Chi rifiuta gli omosessuali non ha un cuore umano. Dare più importanza all’aggettivo ‘gay’ che al sostantivo ‘uomo’ non è buono. Siamo tutti esseri umani, abbiamo dignità, se una persona ha una tendenza o un’altra, questo non toglie la sua dignità di persona. Quindi ripeto che le persone che decidono di rifiutare gli altri per un aggettivo, sono persone che non hanno un cuore umano. Non importa chi tu sia o come viva la tua vita. Tu non perdi comunque la tua dignità.

Amos, sorpreso, è tornato in patria stravolto dalle parole del Papa:Abbiamo scoperto nel penultimo giorno che lo avremmo incontrato. Ho detto no. Poi ho detto che sarei andato se avessimo potuto fare domande. I produttori hanno chiesto, beh, che tipo di domande? Perché non vogliamo scatenare un incidente diplomatico.  Così abbiamo fatto alcune domande e la risposta data dal Vaticano è stata che il Papa avrebbe risposto a tutte le nostre domande. Ha cambiato la mia vita, mi ha dato fiducia negli esseri umani, mi ha aperto gli occhi sul non giudicare le persone religiose sulla base delle mie esperienze negative. Quando me ne sono andato, ho sentito la gioia nel mio cuore”.

Ti suggeriamo anche  Arcigay, sì allo Ius Soli: "Unanime sostegno al ddl"