Claudio Sona: cori omofobi in discoteca contro l’ex tronista di Uomini e Donne

Nel locale ha fatto finta di nulla, poi ha svelato tutto su Instagram: “Sono persone infelici”.

Facebook Twitter Messenger Whatsapp

Claudio Sona vittima di omofobia in discoteca: a raccontarlo lui stesso, su Instagram.

Claudio Sona continua a far parlare di sé: dopo le polemiche scatenate con le dichiarazioni del presunto ex fidanzato Juan Fran Sierra, il primo tronista gay di Uomini e Donne si trovava in una discoteca bergamasca per una serata quando lo speaker ha annunciato il suo nome.

Tra i ragazzi del pubblico, all’istante, s’è levato qualche coro omofobo. Al momento Sona ha fatto finta di nulla, ma in una stories su Instagram ha poi raccontato tutta la vicenda: “Ci sono stati alcuni momenti dove fischi e altre parole potevano portarmi via dal locale, ma io non ho paura e non ho assolutamente timore di queste persone”.

L’indifferenza, secondo lui, è l’arma migliore: “Non diamo spazio alla violenza verbale, all’omofobia e all’ignoranza. Sono persone infelici: dobbiamo essere indifferenti e far vedere loro che le persone intelligenti sono molte di più”.

Ti suggeriamo anche  Then & Now: il progetto di Ard Gelinck sulle star ieri e oggi. Ed ecco le icone LGBT
Omofobia

Pillon, interrogazione parlamentare in difesa dell’avvocatessa che aveva detto “i gay sono malati”

Persino il consiglio dell’ordine degli avvocati di Mantova aveva preso le distanze dalla donna, che aveva scritto sui social "l’omosessualità è un disturbo psichiatrico e che chi ne è affetto non può lavorare a contatto con i minori, altrimenti questi disturbati trasmetteranno il disturbo nelle scuole".

di Federico Boni