Cloe Bianco, la straziante solitudine di una donna trans* suicida: “Qui finisce tutto”

Drammatica la testimonianza pubblicata sul proprio blog, prima di togliersi la vita dando fuoco al camper in cui viveva.

ascolta:
0:00
-
0:00
Cloe Bianco, la straziante solitudine di una donna trans* suicida: "Qui finisce tutto” - Cloe Bianco - Gay.it
3 min. di lettura

Cloe Bianco, la straziante solitudine di una donna trans* suicida: "Qui finisce tutto” - Cloe Bianco 4 - Gay.it

Una storia di drammatica solitudine, finita mel peggiore dei modi. L’11 giugno in un bosco tra Auronzo e Misurina è stato trovato un camper totalmente divorato dalle fiamme. Al suo interno Cloe Bianco, ex insegnante di laboratorio dell’istituto Scarpa di San Donà di Piave. 58 anni di Marcon (Venezia), la donna è stata trovata carbonizzata all’interno del suo camper, suicidandosi, come annunciato sul suo blog. 7 anni fa, dopo essersi presentata in aula in abiti femminili e successivamente aver intrapreso il percorso di transizione, l’allontanamento forzato dall’insegnamento. Da allora lavorava nelle segreterie scolastiche. “Oggi la mia libera morte, così termina tutto ciò che mi riguarda“, il titolo dato al suo ultimo post. Gli inquirenti aspettano i risultati del DNA per avere la certezza assoluta che si tratti proprio di Cloe, ma ci sarebbero pochi dubbi a riguardo.

“Il possibile d’una donna brutta è talmente stringente da far mancare il fiato, da togliere quasi tutta la vitalità. Si tratta d’esistere sempre sommessamente, nella penombra. In punta di piedi, sempre ai bordi della periferia sociale, dov’è difficile guardare in faccia la realtà. Io sono brutta, decisamente brutta, sono una donna transgenere. Sono un’offesa al mio genere, un’offesa al genere femminile. Non faccio neppure pietà, neppure questo”.

Parole di profondo dolore, quelle scritte dalla 58enne, che nel suo ultimo giorno di vita ha “festeggiato con un pasto sfizioso e ottimi nettari di Bacco, gustando per l’ultima volta vini e cibi che mi piacciono”. “Subito dopo la pubblicazione di questo comunicato porrò in essere la mia autochiria, ancor più definibile come la mia libera morte. Questa semplice festa della fine della mia vita è stata accompagnata dall’ascolto di buona musica… Ciò è il modo più aulico per vivere al meglio la mia vita e concluderla con lo stesso stile. Qui finisce tutto”.

Una solitudine, quella vissuta a fatica dalla donna, che accomuna tante, troppe persone LGBTQ+, spesso ripudiate dai parenti, senza affetti al proprio fianco.  Una storia di sofferenza ed emarginazione, di diritti negati e profondo isolamento, che più volte era stata esplicitata sul blog: “Essere una persona fuori dai canoni diffusi, dai modi comuni del vivere, ossia fuori da quello ch’è ritenuto giusto in una data società in uno specifico periodo temporale“, scriveva Cloe, “vuol dire incarnare ciò che non si deve essere, con le fin troppo ovvie conseguenze di rifiuto date dalle scelte ritenute, dalle altrui persone, scandalose, inaccettabili, non condivisibili“.

“In Veneto mancano le tutele per le persone transessuali e la vicenda di Cloe, lasciata sola dalle istituzioni e dalla Regione di Luca Zaia, lo dimostra”, ha denunciato alla Nuova Venezia l’avvocata transgender Alessandra Gracis. “Purtroppo, per quanto riguarda la cura delle persone affette dalla disforia di genere, siamo all’anno zero. Il vero problema è che nel Veneto, nonostante le promesse di Zaia e i suoi obiettivi o tentativi di dar voce a un centro regionale che affronti questa tematica a fianco delle famiglie, non è stato fatto nulla. La legge regionale 22 del 1993 c’è, per tutta l’assistenza necessaria. È rimasta però una lettera morta, dato che la giunta avrebbe dovuto individuare i centri entro 30 giorni. Di giorni ne sono passati oltre 10 mila, senza i necessari adempimenti. Ora siamo davanti al suicidio di una persona transessuale”.

Il suicidio di Cloe segue il suicidio di un 15enne transgender di Catania, Sasha. La Regione Veneto ha istituito un numero verde (800.334.343) a cui possono rivolgersi le persone in difficoltà psicologica.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
donna-transgender-arrestata-hong-kong

Hong Kong, attivista transgender arrestata con un pretesto e detenuta in condizioni disumane

News - Francesca Di Feo 29.2.24
Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24
Eurovision 2024 Eden Golan October Rain

Boicottare Eurovision 2024 e la partecipazione di Israele? “October rain” di Eden Golan va esclusa?

Musica - Redazione Milano 27.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming

News - Federico Boni 26.2.24
Liarmouth, Aubrey Plaza di The White Lotus nel primo film di John Waters dopo 20 anni - Aubrey Plaza - Gay.it

Liarmouth, Aubrey Plaza di The White Lotus nel primo film di John Waters dopo 20 anni

Cinema - Redazione 28.2.24

Leggere fa bene

Isobel Jeffrey si è sottoposta ad un intervento chirurgico di riassegnazione di genere a 80 anni - Isobel Jeffrey - Gay.it

Isobel Jeffrey si è sottoposta ad un intervento chirurgico di riassegnazione di genere a 80 anni

News - Redazione 24.11.23
transgender allattamento seno

Le mamme transgender e i genitori AMAB possono allattare: lo dice la scienza

Corpi - Francesca Di Feo 22.2.24
@tracelysette

C’è possibilità per le attrici trans agli Oscar?

Cinema - Redazione Milano 29.9.23
Sono nata libera: intervista a Eva Robin’s - Sessp 39 - Gay.it

Sono nata libera: intervista a Eva Robin’s

Culture - Federico Colombo 23.2.24
thomas-insulti-social

Aggredito dal branco un anno fa, Thomas ora è vittima dell’omobitransfobia social

News - Francesca Di Feo 8.2.24
Martina Navratilova se la prende anche con la drag queen: "Patetica parodia delle donne" - Martina Navratilova - Gay.it

Martina Navratilova se la prende anche con la drag queen: “Patetica parodia delle donne”

Corpi - Redazione 6.10.23
transgender Harli Marten su Unsplash

Pazienti trans e gender diverse: le 10 Raccomandazioni Assisi per un’oncologia più inclusiva

Corpi - Francesca Di Feo 21.10.23
@vittoria_schisano

La storia di Vittoria Schisano, finalmente protagonista

Culture - Redazione Milano 18.10.23