I sexy scatti per Cocksox del fotografo Jarred Matthew.

Il fotografo Jerrad Matthew ci presenta un altro adone, ma stavolta negli scatti dell’underwear Cocksox. In un mondo pieno di modelli lisci come una tavola da surf, questo adone ha le giuste pelurie laddove è necessario. Bellissimo sorriso, davvero sexy, a corredo di un corpo da urlo perfettamente inquadrato da Jerrad Matthew per Cocksox.

Chi ama i corpi sexy non avra’ da che ridire, una bellezza pulita ma con quell’accenno wild. C’è materiale anche per i feticisti, dalle foto con le scarpe da ginnastica alle foto a piedi nudi del giovane adone.

Hot!

Ti suggeriamo anche  BOYS! BOYS! BOYS! - Il nudo maschile in una mostra online per il Pride Month
Cocksox: scatti di Jerrad Matthew 1/8 Cocksox: scatti di Jerrad Matthew
Foto 1 - I sexy scatti per Cocksox del fotografo Jarred Matthew.
Cocksox: scatti di Jerrad Matthew 2/8 Cocksox: scatti di Jerrad Matthew
Foto 2 - I sexy scatti per Cocksox del fotografo Jarred Matthew.
Cocksox: scatti di Jerrad Matthew 3/8 Cocksox: scatti di Jerrad Matthew
Foto 3 - I sexy scatti per Cocksox del fotografo Jarred Matthew.
Cocksox: scatti di Jerrad Matthew 4/8 Cocksox: scatti di Jerrad Matthew
Foto 4 - I sexy scatti per Cocksox del fotografo Jarred Matthew.
Cocksox: scatti di Jerrad Matthew 5/8 Cocksox: scatti di Jerrad Matthew
Foto 5 - I sexy scatti per Cocksox del fotografo Jarred Matthew.
Cocksox: scatti di Jerrad Matthew 6/8 Cocksox: scatti di Jerrad Matthew
Foto 6 - I sexy scatti per Cocksox del fotografo Jarred Matthew.
Cocksox: scatti di Jerrad Matthew 7/8 Cocksox: scatti di Jerrad Matthew
Foto 7 - I sexy scatti per Cocksox del fotografo Jarred Matthew.
Cocksox: scatti di Jerrad Matthew 8/8 Cocksox: scatti di Jerrad Matthew
Foto 8 - I sexy scatti per Cocksox del fotografo Jarred Matthew.
Omofobia

Russia, l’indecente spot che attacca le famiglie arcobaleno – video

Uno spot vergognoso, ovviamente consentito a dispetto di tutti i Pride, i film e le serie con personaggi LGBT al loro interno, da anni vietati in Russia perché colpevoli di "propaganda gay". Sulla propaganda sfacciatamente omotransfobica, invece, nulla da obiettare.

di Federico Boni