Cremona, drag queen leggono favole ai bimbi: l’attacco della Lega

Alessandro Zagni, consigliere leghista, all’attacco del Comune di Cremona, che ha patrocinato un evento con due drag narratrici di favole.

Chi ha paura delle drag queen? Furenti e assurde polemiche a Cremona per un evento andato in scena all’Arci Festa, nella serata di ieri, con il patrocinio e la collaborazione del Comune, guidato dal sindaco di centrosinistra Gianluca Galimberti.

Racconti senza barriere’ il titolo dello spettacolo, con due drag queen, Priscilla e La Notte Brilla, chiamate a narrare storie per i bambini.

Apriti cielo. Alessandro Zagni, consigliere comunale della Lega, ha sparato a zero sui social: «Una drag queen intrattiene i bambini con i racconti senza barriere, il tutto con il patrocinio e la collaborazione del Comune. Sono questi i riferimenti della sinistra per la crescita dei nostri figli? Non ho nulla contro le persone in questione, ci mancherebbe. E nemmeno critico l’organizzazione che liberamente organizza l’evento. Io critico la scelta dell’amministrazione comunale di contribuire a sostenere questo tipo di momento educativo per i nostri figli».

Detto dall’esponente di un partito politico il cui leader, nonché ministro e vicepremier, è stato ritratto a petto nudo in spiaggia, con la lingua di fuori davanti a succinte cubiste che danzavano sulle note dell’inno di Mameli, fa alquanto ridere. Per non dire piangere.

Omofobia

Borja Iglesias, unghie smaltate e insulti omofobi: la replica dell’attaccante del Betis

Il calciatore spagnolo si è dipinto le unghie di nero per ricordare George Floyd, ucciso da un poliziotto negli Usa. "Fr*cio", gli hanno scritto sui social.

di Federico Boni