Da dove viene la parola “gay”?

Dal significato originale di 'allegro', la storia di un termine che è arrivato a identificare la comunità omosessuale. E che ora sta venendo in parte soppiantato da altri termini.

Da dove viene la parola "gay"? - Gay etimologia - Gay.it
4 min. di lettura

Vorresti capire da dove deriva la parola “Gay” per definire persone omosessuali? Sei nel posto giusto, del resto il nostro sito si chiama orgogliosamente così.

Termine divenuto d’uso comune negli Stati Unici ma di adozione globale da decenni, gay è considerato un sinonimo di omosessuale, ed è utilizzato in misura maggiore per uomini attratti da altri uomini, è corretto anche per ragazze attratte da altre ragazze, ma non è sempre stato così. È un termine neutro, che non connota in modo negativo, ma anche questo aspetto in passato era diverso.

Gay è la seconda lettera dell’acronimo LGBTQ+, anche se fino agli anni 90 veniva per primo (GLBT), per poi cedere cavallerescamente il primo posto alle signore.

In questi anni venti del ventunesimo secolo, la parola “gay” sta gradualmente divenendo desueta, o viene comunque affiancata da altre definizioni percepite come più contemporanee: cresce infatti l’utilizzo di termini come queer, non-binary che rappresentano la volontà di superare una terminologia che è percepita come figlia di una visione machista e patriarcale, che perpetua lo stesso vizio che si vorrebbe superare.

Ma è certamente ancora oggi il termine più utilizzato in relazione al mondo omosessuale: scopriamo da dove deriva la parola “gay”.

La parola Gay: le origini

La radice di questa parola è quella dell’antico francese (più esattamente, provenzale) gai: “allegro”, “gaio”, “che dà gioia” (come “lo gai saber”, “la gaia scienza”, che è la scienza d’Amore) che passò in inglese come gay. In questa lingua la parola acquisì nel Settecento secolo il senso di “dissoluto”, “anticonformista” (come in “allegro compare”).
Il significato peggiorò ancora nell’Ottocento, fino a  voler dire “lussurioso”, “depravato”.
Ecco perché, nell’Inghilterra dell’Ottocento, una gay woman era esattamente quel che in italiano è “una donnina allegra”, cioè una prostituta, mentre una gay house (letteralmente “casa allegra”) era  un bordello.
Come si vede l’omosessualità, in questa fase della lingua, non c’entrava ancora nulla.

Gay come sinonimo di omosessuale negli Stati Uniti degli anni ’20

L’omosessualità entra in ballo solo nell’inglese parlato negli Usa, prima del 1920, anno dal quale iniziano a moltiplicarsi le attestazioni dell’uso di gay col significato di “‘omosessuale” (riferito ai soli uomini, e non senza uno sfottente parallelo con la gay woman), anche nel gergo della sottocultura statunitense.
Nel 1938 “gay” era già compreso dalla massa dei parlanti americani col senso di “omosessuale”: lo rivela un film di quell’anno, Bringing up baby (in italiano, Susanna), nel quale l’attore Cary Grant è sorpreso, per un malinteso comico, in vesti femminili. A chi gli chiede il perché, risponde stizzito: “Because I just went gay all of a sudden“, “Perché sono appena diventato gay tutto d’un tratto!”.

Il termine Gay in politica e nei movimenti

Il “grande salto” nell’uso di questo termine avvenne comunque solo nel 1969, con la nascita negli Usa del nuovo movimento di liberazione omosessuale.
I nuovi militanti rifiutarono i termini usati fin lì, come omosessuale e soprattutto “omofilo“.
Non volendo più essere definiti con le parole usate dagli eterosessuali, spesso ingiuriose, gli omosessuali che scesero in piazza ribellandosi scelsero di auto-definirsi (come già avevano fatto i neri, che avevano rifutato negro preferendogli black) usando un termine del loro stesso gergo: gay.
Era nato il “Gay liberation front”, abbreviato in “Gay lib“.
Sull’esempio americano gay si diffuse nel mondo ovunque esistesse un movimento di liberazione omosessuale.

Il termine Gay in Italia

La diffusione in Italia di questa parola attraverso il movimento di liberazione gay, dal quale passò  al linguaggio generale, data dal 1969-1971. Non senza qualche divertente (e vana) protesta in Piemonte, dove sono numerosi coloro che portano il cognome provenzale “Gay”.
La parola era comunque già apparsa negli anni Cinquanta e Sessanta sulla bocca degli omosessuali che viaggiavano o frequentavano turisti americani. Lo testimonia un libro di Giò Stajano che l’adopera, come termine straniero, già nel 1959:

Poi, una sera, al bar del Flora, conobbi Charly, un ricco americano quarantenne e, naturalmente, ricco e “gay“.
(Giò Stajano, Roma capovolta, Quattrocci, Roma 1959, p. 254).

In Italia “gay” si rivela abbastanza radicato anche fra gli etero a partire dal 1985 circa.

Oggi è ormai entrato a far parte dell’italiano corrente, ed è compreso da tutti nel significato di “omosessuale”.
Si noti però che dal significato originario di “omosessuale orgoglioso e militante” (contrapposto all'”omosessuale” vecchio stile) oggi gay è passato a indicare semplicemente la persona omosessuale in quanto tale, indipendentemente dalle sue idee politiche.
Si noti che negli anni Settanta il movimento lesbico-separatista scelse di proporre la parola “lesbica” al posto del generico (e “maschile”) “gay”.
Una chiara conseguenza di tale proposta si ha nell’esistenza, in Italia, di un “Arcigay” e di un'”Arcilesbica” ben separati anche da punto di vista della terminologia.
Oggi però, fra le generazioni più giovani e meno politicizzate, “lesbica” viene a volte sentito come parola troppo “connotante”, cosicché alcune donne si autodefiniscono “gay” ed altre “lesbiche“.

Gay: Good As You

Il fastidio provato da una generazione di giovani omosessuali non politicizzati e spesso nemici di qualunque “movimentismo”, ha favorito la diffusione negli Usa di una “leggenda urbana” secondo cui gay nascerebbe come acrostico (cioè sigla) delle parole Good As You (“buono/valido quanto te”).
Questa falsa spiegazione serve solo a nascondere e cancellare le origini “politiche” e “di sinistra” della parola, e del movimento che l’ha imposta.
Good as you è però ormai il titolo d’una canzonetta di Geri Halliwell, e in Italia è il titolo d’uno spettacolo teatrale, oltre che il nome d’una trasmissione televisiva settimanale romana mirata ai gay.
Ciò non toglie che la spiegazione legata a questa frase sia una “leggenda urbana”, e basta.

Gay come espressione gergale senza alcun legame con l’omosessualità

Ancora più interessante è notare come l’uso di gay come termine comune per “omosessuale” abbia sottoposto questa parola alla stessa usura che in passato ha trasformato a ripetizione gli eufemismi (come “omosessuale” o “invertito“)  in insulti.
Oggi i ragazzini scrivono sui muri “Tizio è gay“, esattamente come dieci o vent’anni anni fa scrivevano “Tizio è culo” o “ricchione”.
I termini sono cambiati, ma i preconcetti che sottintendono, no.
Negli Usa lo scivolamento di significato è stato particolarmente accentuato, al punto che “gay” è diventato un sinonimo colloquiale di lame, boring, bad, cioè di “mediocre”, “noioso”, “brutto”, “schifoso / cattivo”.
“Il film che ho visto ieri sera is so gay“, cioè “fa schifo, è noioso”.
Il fenomeno è talmente diffuso che John Caldwell ne ha scritto preoccupato sul mensile gay “Advocate” del 25/3/2003.
E secondo l’enciclopedia online Wikipedia, “in alcune parti degli Stati Uniti questo uso gergale è talmente comune tra i ragazzini che molti lo usano senza nemmeno sapere a cosa si riferisca la parola“, come in effetti dimostra un esempio divertente di tale uso: “my computer is acting gay“, “il mio computer funziona male” (ma letteralmente: “si comporta da gay”!).
Per chi si dedica alle gioie degli mp3 c’è infine da segnalare la produzione degli Anal cunt, complesso punk non gay, che in alcuni titoli di canzoni liquidano come “gay” tutti coloro o tutto ciò che non amano (da Bill Gates alla ceramica ai loro fans), o Frank Zappa, che nel 1997 ha prodotto una canzone intitolata “He’s so gay”…

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
Sergio Mattarella 17 maggio giornata internazionale contro omofobia transfobia bifobia

17 maggio, Mattarella contro l’omobitransfobia: “Non è possibile accettare di rassegnarsi alla brutalità”

News - Redazione 17.5.24
Sara Drago

Sara Drago: “La realtà è piena di diversità, sarebbe bellissimo interpretare un uomo” – intervista

Cinema - Luca Diana 11.5.24
Andrew Scott per Quinn (2024)

Andrew Scott presta la voce ad un’app di racconti erotici

Culture - Redazione Milano 16.5.24
parma pride 2024 intervista

Intervista a Parma Pride 2024: “Nutriamo l’amore! Le unioni civili sono un ripiego”

News - Gio Arcuri 14.5.24

Hai già letto
queste storie?

Resistenza, malattia e vita: abbiamo intervistato Ivonne Capece, a teatro con Thinking Blind - Matteo B Bianchi 2 - Gay.it

Resistenza, malattia e vita: abbiamo intervistato Ivonne Capece, a teatro con Thinking Blind

Culture - Federico Colombo 20.4.24
Sanremo 2024, -1. Stasera il red carpet dei 30 BIG in diretta su Rai1 con il PrimaFestival di Paola & Chiara - Sanremo 2024 - Gay.it

Sanremo 2024, -1. Stasera il red carpet dei 30 BIG in diretta su Rai1 con il PrimaFestival di Paola & Chiara

Culture - Redazione 5.2.24
@mattheperson

Una chiacchierata con Matt Taylor, tra TikTok e queerness

Culture - Riccardo Conte 13.2.24
Vittorio Menozzi e Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, Vittorio Menozzi e Federico Massaro sono più uniti che mai

Culture - Luca Diana 23.12.23
Sanremo 2024, Mahmood super favorito secondo i bookmakers potrebbe riscrivere la storia del Festival - Sanremo 2024 Mahmood - Gay.it

Sanremo 2024, Mahmood super favorito secondo i bookmakers potrebbe riscrivere la storia del Festival

Culture - Redazione 4.12.23
Giovanni Donzelli foto instagram @giovadonze

Giovanni Donzelli di Fratelli d’Italia, outing di sua moglie che spiega “È un marito etero”

Culture - Mandalina Di Biase 9.4.24
Miguel Bernardeau

Miguel Bernardeau, chi è l’attore spagnolo che interpreterà Diego de la Vega?

Culture - Luca Diana 26.4.24
Corita Kent Padiglione Vaticano Biennale 2024

Biennale di Venezia, Papa Francesco omaggerà Corita Kent, la suora queer che fuggì con la sua amante

Culture - Mandalina Di Biase 14.3.24