DIECI ANNI DI “COLORS”

L’addio di Oliviero Toscani a Benetton con un libro e una mostra che racconta il mondo moderno come apparirebbe agli occhi di un extraterrestre, superando i confini tra ordinario e straordinario, tra gli oggetti di design e quelli di uso comune, tra l’alta moda e la quotidianità.

Torna sotto la luce dei riflettori la stazione Leopolda. E lo fa il

Oggetti a prima vista normali, ma che possono nascondere inaspettate particolarità. Tra tutti le carte da gioco con le figure raffiguranti personaggi di colore per le popolazioni afroamericane; la sveglia Azan per i musulmani che quando si avvicina il momento della preghiera le lunette rosse dentro i minareti del tempio iniziano a lampeggiare e una voce intona un melodico “Allah Akbar”, Dio è grande; un barattolo con delle pillole dietetiche per animali; una tunica bianca del Ku Klux Klan per far sfilare in casa i bambini degli adepti a questa setta dedita alla “salvaguardia della razza bianca”. Ma con il forte calo degli accoliti che in ottant’anni sono passati da cinque milioni a due e mezzo gli affari non vanno, però, così bene. Grazie a Dio. Ma,

Un appuntamento, quello del 22 sera, che vuole essere anche l’occasione per presentare il numero di Colors dedicato alla moda, il numero che, oltre tutto, festeggia i dieci anni di vita di questo magazine. Un magazine dallo stile particolare nel quale immagini, testi e grafica sono strettamente connessi. La moda, appunto, quel tema che secondo Toscani e Benetton non avrebbe mai dovuto trovare spazio all’interno della rivista.

Ma questa volta così non è stato, anche se è soltanto un pretesto per fare un viaggio nelle culture locali e per sottolineare il rifiuto dell’omologazione a una sola cultura e a un solo mondo. “Pret-à-porter: Extra/Ordinary fashion” – questo il titolo del numero nato in collaborazione con Pitti Immagine – è uno sguardo sul mondo e sui diversi mondi della moda attraverso gli occhi delle moderne tribù dell’immagine. 233 look per la nuova stagione indossati da 5.508 modelli in esclusiva per il magazine: militari in Colombia, carcerati a Phoenix, boyscout in Oman, guerrieri Wodaabe in Nigeria, nudisti durante una cerimonia di nozze a Puget-Theniers ed altro. Tutto questo e molto di più in duecento pagine di immagini dal resto del mondo nella consapevolezza che non esiste una sola moda e una cultura, ma che ogni cultura e ogni moda hanno la stessa dignità e lo stesso diritto di cittadinanza nel mondo. Nell’ultima pagina di Colors, trova spazio l’addio di Oliviero Toscani che ha smesso la collaborazione con il magazine.

Attualità

La Polonia potrebbe avere il suo primo presidente favorevole ai diritti LGBT: conosciamo Rafał Trzaskowski

E' Rafał Trzaskowski, già sindaco di Varsavia. Una possibile svolta per la Polonia omofoba che tristemente conosciamo.

di Alessandro Bovo