DIVERGENTI 2020, il Festival Internazionale di Cinema Trans per la prima volta on line e gratuito

Incontri e convegni su Zoom ma anche undici titoli, di cui otto documentari e tre film di finzione, dal 26 al 28 novembre. Tutto on line, tutto gratuito.

DIVERGENTI 2020, il Festival Internazionale di Cinema Trans per la prima volta on line e gratuito - DIVERGENTI il Festival Internazionale di Cinema Trans - Gay.it
6 min. di lettura

Dopo due anni di pausa forzata torna dal 26 al 28 novembre Divergenti, il più longevo festival cinematografico d’Italia e tra i pochi in tutto il mondo interamente dedicato all’immaginario trans. Una decima edizione immancabilmente segnata dal Covid-19, tanto da andare in scena da Bologna online e gratuito, su docasa.it, la piattaforma creata dall’associazione DER – Documentaristi dell’Emilia Romagna, alla pagina dedicata festivaldivergenti.docacasa.it.

Madrina virtuale di questa edizione, l’attrice e performer Silvia Calderoni, che aprirà la manifestazione insieme ai video saluti dei due testimonials di quest’anno, il giornalista e scrittore Antonello Dose, voce storica del Ruggito del Coniglio su Radio 2 Rai, e l’avvocato Gianmarco Negri, primo sindaco trans d’Italia nel paese di Tromello.

Ideato e organizzato da M.I.T. – Movimento Identità Trans, con la direzione artistica di Nicole De Leo e Porpora Marcasciano, il festival propone quest’anno una selezione della migliore cinematografia e produzione audiovisiva a tematica trans, nazionale e internazionale, insieme a una serie di incontri e convegni, allo scopo di promuovere la conoscenza della questione transessuale/transgender nelle sue diverse declinazioni, contrastando le barriere e i pregiudizi e stimolando una narrazione diversa che vada al di là degli stereotipi.

Il tema della decima edizione è ‘migrazioni trans’, intese come spostamento e ricerca di luoghi meno ostili, esodo per sfuggire a fame, guerre e soprattutto pregiudizi transfobici, perché come spiega la co-direttrice Porpora Marcasciano nel suo libro Favolose Narranti, “noi trans siamo migranti in tutti i sensi, migranti di genere e in genere, verso un corpo più nostro, verso un paese più familiare, verso una terra meno ostile”.

Un fil rouge che attraversando le varie proiezioni e attività del Festival, sarà in particolar modo esplorato nel convegno “Migrazioni Trans: attivismo, accoglienza, ricerca”, in streaming su Zoom durante il festival, primo incontro di questo tipo in Italia dove si parlerà esplicitamente, oltre alle esperienze di accoglienza, del tema della tratta e sfruttamento delle persone trans, alla presenza di esperti e operatori del settore. L’altro momento di studio, scambio e riflessione è costituito dal seminario “Per un archivio di storia trans – Tavoli di studio ed elaborazione politica trans”, in streaming su Zoom il 20 novembre (dalle 15 alle 17.30), che affronterà invece il tema della costruzione di una narrazione propria, da sempre centrale nella storia dell’esperienza trans e del movimento che la rappresenta.

DIVERGENTI 2020, il Festival Internazionale di Cinema Trans per la prima volta on line e gratuito - AllahLovesEquality copia 1 - Gay.it

Gli undici film in concorso, tra documentari e opere di finzione, saranno valutati da una giuria di qualità composta dalla fotografa Lina Pallotta, dalla regista e attivista Giorgina Pi e dallo scrittore e giornalista Jonathan Bazzi, che assegnerà il premio al “Migliore Film” della X edizione di Divergenti. I film saranno visibili in streaming sulla piattaforma docacasa.it nel giorno di programmazione a partire dalle ore 10 per le 24 ore successive.

Novità dell’edizione 2020, il festival ospiterà, in aggiunta al concorso internazionale, una nuova e significativa sezione, quella dei Vlog, video blog, essenzialmente dei racconti, in forma di blog o diario, costituiti da filmati video. Il comitato di selezione del festival presieduto da Richard Thunder, tra i tanti lavori arrivati, ha scelto cinque racconti quotidiani, in formato video e a tema libero della durata massima di 5 minuti che saranno disponibili sul canale youtube dello stesso Richard Thunder durante i giorni del festival.

Come sempre, le giornate di Divergenti saranno animate da una serie di eventi e incontri speciali tra cui le proiezioni fuori concorso di I Am Who I Say I am – Lotta o Fuga (giovedì 26 novembre) di Jayne Rowlands e Flavio Ferrari, una video intervista a Mazen Masoud, attivista transfemminista membro direttivo del MIT e rifugiato politico, realizzata nell’ambito del progetto Sogica (Sexual Orientation and Gender Identity Claims of Asylum) volto a esplorare l’esperienza dei richiedenti asilo che presentano domanda di protezione internazionale in Europa in ragione del loro orientamento sessuale o della loro identità di genere; e Divieto di transito (giovedì 26 novembre) di Roberto Cannavo’, uno studio (in forma di intervista) sul personaggio di Porpora Marcasciano, dalle sue radici nel sud Italia all’approdo a Bologna. A queste due proiezioni si collega l’incontro in streaming su Zoom di giovedì 26 novembre alle 18.30, con le due direttrici artistiche che dialogano con Mazen Masoud, Roberto Cannavo’ e i produttori di Divieto di Transito. Infine, a chiudere il festival, la premiazione dei film vincitori, in streaming su Zoom sabato 28 novembre alle 20, alla presenza della giuria e dello staff direttivo del festival.

La decima edizione di Divergenti presenta undici titoli, di cui otto documentari e tre film di finzione, con due prime assolute e un’anteprime italiana. In anteprima assoluta debuttano al festival due documentari: I Tanti Triangoli Rosa (venerdì 27 novembre) del fotografo e filmmaker spagnolo Luca Gaetano Pira, un film nato dall’omonimo progetto fotografico, che racconta le storie di alcuni componenti della comunità LGBTQI+ che hanno subito persecuzione, carcere e torture a causa della loro condizione sessuale sotto le dittature militari di Spagna, Cile, Argentina e Uruguay; e Amaranto (sabato 28 novembre) della videomaker Noemi Mariluongo, un’indagine sull’emergenza Covid tra le sex workers trans nel territorio bolognese, per conoscere e raccontare l’impatto che l’epidemia e le conseguenti disposizioni ministeriali atte a contrastarla, possano aver avuto per le lavoratrici ed i lavoratori.

DIVERGENTI 2020, il Festival Internazionale di Cinema Trans per la prima volta on line e gratuito - 1 Ti gars One of the Guys 300dpi copia 1 - Gay.it

Sempre nell’ambito dei documentari di denuncia, arriva Allah Loves Equality (sabato 28 novembre) del regista pakistano, italiano di adozione, e attivista dei diritti umani Wajahat Abbas Kazmi, un lavoro realizzato grazie a un crowdfunding e sostenuto dal patrocinio di Amnesty International che dà voce al mondo LGBTQI+ nella Repubblica islamica del Pakistan, uno dei paesi islamici più integralisti al mondo. Ancora tra i documentari, l’anteprima italiana di Ti-Gars (venerdì 27 novembre) della filmmaker canadese Doris Buttignol, che segue il percorso di Vincent Lamarre, uno dei primi soldati transgender ad uscire allo scoperto e iniziare la transizione di genere mentre presta servizio attivo nell’esercito canadese.

Dal festival di Cannes 2019, dove ha debuttato, arriva invece Indianara (venerdì 27 novembre) di Aude Chevalier-Beaumel e Marcelo Barbosa, un film importante, che racconta il periodo tra l’interim di Michel Temer seguito al golpe contro Dilma Rousseff e l’avvento al potere di Jair Bolsonaro attraverso il ritratto di Indianara Siqueira, militante transfemminista, sex worker, anarchica, vegana, consigliera comunale insieme a Marielle Franco a Rio de Janeiro. La serie di ritratti prosegue con altri tre documentari: con La Tarantina (giovedì 26 novembre) il regista Fortunato Calvino omaggia il femminiello che ammaliò Fellini, dal suo arrivo a Napoli, subito dopo la guerra, alla sua partenza per Roma fino ai giorni nostri, raccontando i momenti più duri della sua vita, le violenze subite, le perdite di tante amiche, lo sfruttamento; Bixa Travesty (venerdì 27 novembre) di Kiko Goifman e Claudia Priscilla, presentato alla Berlinale 2018, è invece la storia dell’attivista e performer trans Linn da Quebrada, artista carismatico che riflette sul genere e ha una presenza scenica straordinaria. È un ritratto potente e singolare anche quello di Sydney and friends (sabato 28 novembre), il pluripremiato documentario di Tristan Aitchison che racconta con efficacia e con immense qualità artistiche e visive la realtà quotidiana della comunità intersessuale e trans del Kenya, paese noto per i pregiudizi e le discriminazioni verso la popolazione LGBTI.

Tre le opere di finzione che completano il programma del concorso internazionale, a cominciare dal frizzante Alice Junior (giovedì 26 novembre) di Gil Baroni, film rivelazione della Berlinale 2020 e fresco vincitore di tre premi all’ultimo Lovers Film Festival, che racconta con leggerezza, ironia e un linguaggio capace di rivolgersi ad un pubblico giovane, la storia di Alice Júnior una studentessa transgender, interpretata dalla nota blogger e youtuber trans brasiliana Anne Celestino Mota, alla prese con i pregiudizi e le discriminazioni omofobiche della nuova scuola in cui si è trasferita. Dal Brasile ci spostiamo all’America di Trump con Lingua Franca (sabato 28 novembre) della nota filmmaker trans filippina Isabel Sandoval, presentato alla Mostra del Cinema di Venezia 2019 il film segue le vicende di un’immigrata filippina senza Green Card, che vive nella costante sensazione di terrore di essere rimpatriata. Infine arriviamo alla Cina dei nostri giorni con Sunken Plum (Prugna d’acqua dolce) di Xu Xiaoxi e Roberto F. Canuto, storia di una donna transgender che lavora in una discoteca di Chengdu, sullo sfondo di una società chiusa e contraria alla diversità e all’individualità come quella cinese.

Venerdì 20 novembre in occasione del TDOR – Transgender Day Of Remembrance, giornata mondiale in ricordo delle vittime transessuali, Divergenti presenta il Seminario “Per un archivio di storia trans – Tavoli di studio ed elaborazione politica trans”, nato dall’idea di costruire un archivio sull’esperienza trans, un progetto che sta prendendo forma attraverso un bando dell’UNAR vinto dal MIT. Durante il seminario, si discuterà anche della mostra per i 50 anni della nascita del movimento LGBTQI italiano, per la quale insieme ad altre associazioni, il MIT fornirà materiali, saperi e conoscenze. Il seminario prevede tre tavoli tematici presieduti da espert* testimon* e attivist*, che saranno moderati da Simone Cangelosi e Porpora Marcasciano. Venerdì 20 novembre, dalle 15 alle 17.30, su Zoom.

DIVERGENTI 2020, il Festival Internazionale di Cinema Trans per la prima volta on line e gratuito - Divergenti 2020 manifestocopia - Gay.it

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Franco Cicconini 17.11.20 - 21:05

Iniziativa interessante, ma i link non sembrano funzionare

Trending

10 anni fa Xavier Dolan travolgeva e incantava Cannes con Mommy - ecnv mommy - Gay.it

10 anni fa Xavier Dolan travolgeva e incantava Cannes con Mommy

Cinema - Federico Boni 24.5.24
Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24
BigMama date estive

BigMama parte per il “Pride Tour”: tutte le date per un’estate nel segno dell’orgoglio

Musica - Emanuele Corbo 24.5.24
Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

Erika Hilton è la seconda deputata trans del Brasile.

“Avete il potenziale per cambiare”, così parla Erika Hilton, deputata trans* del Brasile

News - Redazione Milano 5.12.23
Monkey Man e gli hijra, Dev Patel e il terzo genere indiano: "Un inno per i senza voce, gli emarginati" - dev - Gay.it

Monkey Man e gli hijra, Dev Patel e il terzo genere indiano: “Un inno per i senza voce, gli emarginati”

Cinema - Redazione 9.4.24
20.000 specie di Api, recensione. Tra identità, corpo e genere, tu chiamala con il suo vero nome - AH 20000speciediapi foto3 - Gay.it

20.000 specie di Api, recensione. Tra identità, corpo e genere, tu chiamala con il suo vero nome

Cinema - Federico Boni 7.12.23
Jonathan Bailey a difesa delle persone trans* (Foto: ES Magazine)

Jonathan Bailey a difesa dellə adolescenti trans*: “Oggi più urgente che mai”

Cinema - Redazione Milano 18.12.23
stati-uniti-carolina-del-sud-terapie-affermative-minori

Triptorelina, prima di accedervi bisognerà sottoporsi a una terapia riparativa?

Corpi - Francesca Di Feo 17.4.24
papa francesco e comunità lgbtq

Papa Francesco: “L’ideologia gender è diversa da omosessuali e transessuali, che devono essere accettati e integrati”

News - Redazione 3.5.24
roma-svastica-locandina-manifestazione-trans

Roma, svastica sulla locandina della manifestazione trans* del 18 maggio

News - Francesca Di Feo 14.5.24
A Rimini, domenica 7 aprile, l'evento "Ci vediamo al parco", per celebrare il TDOV - arcigay rimini trans tdov2024 1 - Gay.it

A Rimini, domenica 7 aprile, l’evento “Ci vediamo al parco”, per celebrare il TDOV

News - Gio Arcuri 5.4.24