Donna, di colore e lesbica: è il sindaco di Cambridge

La cittadina del Massachusetts, omonima della più antica sede universitaria inglese, non è nuova a questi traguardi. Il predecessore di Denise Simmons, Ken Reeves, era un gay di colore.

La città si Cambridge, nela Massachussets, sta vivendo un passaggio storico dal momento che il consiglio comunale ha scelto Denise Simmons come sindaco. Denise è la prima sindaco donna, di colore e lesbica a capo di una città statunitense. La più famosa e omonima città inglese ha vissuto una svolta simile lo scorso anno quando a ricoprire il ruolo di sindaco è stata chiamata una donna diventata tale dopo essersi sottoposta all’operazione per il cambio di sesso. Gli attivisti gay negli Stati Uniti hanno plaudito alla decisione degli altri consiglieri di scegliere Mrs Simmons come sindaco. Il suo predecessore era un uomo di colore, Ken Reeves, gay anche lui.

Il ‘Gay and Lesbian Victory Fund, che si batte per incrementare il numero di persone LGBT elette, dichiara: "Siamo davvero molto orgogliosi del Sindaco Simmons. Come il Sindaco Reeves prima di lei, Denise fa da battistrada per la nostra comunità. E’ il caso di celebrare l’abbattimento di un’altra barriera".

La popolazione di Cambridge, 101.000 abitanti è se de di due dei migliori centri d’istruzione di tutti gli Stati Uniti: l’Università di Harvard e il Massachusetts Institute of Technology. Inoltre, il Massachusetts è l’unico stato degli USA in cui il matrimonio tra persone dello stesso sesso è legale. "E’ stata una bellissima sensazione- ha raccontato Denise Simmons al Cambridge Chronicle – quando per la prima volta ho messo piede allo ‘School Committee’. Una delle cose che ho sempre detto è che avrei voluto diventare sindaco".

Ti suggeriamo anche  Bailey Reeves è la 17esima donna transgender uccisa nel 2019 negli Stati Uniti

Omofobia

Russia, l’indecente spot che attacca le famiglie arcobaleno – video

Uno spot vergognoso, ovviamente consentito a dispetto di tutti i Pride, i film e le serie con personaggi LGBT al loro interno, da anni vietati in Russia perché colpevoli di "propaganda gay". Sulla propaganda sfacciatamente omotransfobica, invece, nulla da obiettare.

di Federico Boni