FERRAGAMO, LE SCARPE DELLE STAR

Una mostra a Firenze al museo della calzatura. Regine, nobildonne, first ladies, ballerine, attrici di teatro e di cinema, messe in vetrina attraverso le loro scarpe. Da Gloria Swanson a Marilyn, da Audrey Hepburn a BB.

FERRAGAMO, LE SCARPE DELLE STAR - 0259 audreyhepburn - Gay.it
4 min. di lettura
FERRAGAMO, LE SCARPE DELLE STAR - 0259 gloriaswanson - Gay.it

Scarpe in vernice nera col tacco a stiletto, anfibi con la para a “carro armato”. Due tipi di scarpa completamente differenti amati da feticisti, etero e gay è indifferente, che usano questo accessorio per giochi erotici senza limiti.

Oggetti che da sempre hanno rappresentato un interesse, alle volte eccessivo, da parte di grandi donne dello spettacolo, della politica, del jet set internazionale. Un’arma per sconvolgere i sogni di tanti, tantissimi uomini. Un oggetto, che più di altri, ha sempre rispecchiato il carattere e la personalità di chi lo indossa.

Gloria Swanson e Claudette Colbert le sceglievano classiche. Marlene Dietrich chiedeva soltanto modelli di tendenza che indossava al massimo due volte. La duchessa di Windsor ogni anno ne ordinava bicolori per la primavera-estate e in un’unica tinta per l’autunno-inverno. Ingrid Bergman si sentiva a suo agio soltanto con i tacchi bassi. La ballerina Alicia Markova le portava esclusivamente con il tacco alto. Evita Péron le prediligeva in materiali preziosi, pellami esotici, soprattutto se provenienti dal suo paese, l’Argentina. Claretta Petacci le amava più di qualsiasi altro capo di abbigliamento. Marilyn Monroe indossava solo quelle con la punta sfilata e il tacco a spillo di 11 cm. Greta Garbo non sarebbe stata la stessa senza le scarpe di stile maschile che quasi sempre indossava. Ogni donna uno stile.

FERRAGAMO, LE SCARPE DELLE STAR - 0259 bb - Gay.it

Dopo quello di Audrey Hepburn, esaltato in una mostra a lei dedicata lo scorso anno, ecco che giovedì 25 maggio il museo della calzatura della Salvatore Ferragamo, in via de’Tornabuoni, inaugura un’altra affascinante esposizione dal titolo “Scarpe famose al museo”. Calzature storiche realizzate da quel “calzolaio delle dive” per personaggi molto diversi tra loro accomunati da un unico comun denominatore: la fantasia.

Regine, nobildonne, first ladies, ballerine, attrici di teatro e di cinema, messe in vetrina attraverso le loro scarpe. I loro gusti e la loro personalità indagati e raccontati attraverso quelle calzature che hanno indossato. Quasi mai la preferenza di un modello è dettata solo dalla necessità e dalla funzione. I tacchi alti, che mettono in risalto le caviglie e l’andatura, sottolineano la femminilità; quelli bassi indicano una vita dinamica e sportiva. C’è chi adotta gli uni e gli altri, c’è chi per tutta la vita sceglie sempre lo stesso tipo di calzatura. Ma in ogni caso nell’acquisto si riflette la personalità, le proprie emozioni, la propria indole caratteriali. Come quella australiana che nel 1956 commissionò a Ferragamo un sandalo in oro a 18 carati. Senza ombra di dubbio ricchissima, sicuramente volgare ed esibizionista.

La mostra allestita seguendo un ordine cronologico si apre con un’ampia sezione dedicata agli anni Venti e al cinema hollywoodiano. Sono i modelli più estrosi della collezione, prevalentemente sandali da sera, creati per le attrici del cinema muto. Il cinema inizia in quel periodo a rivestire un ruolo importante nel divulgazione della moda. Non esiste la televisione, ancora non tutte le donne leggono le riviste femminili, ma il cinema è già diventato un mezzo di comunicazione molto popolare, che aiuta a diffondere con grande velocità look e tendenze.

FERRAGAMO, LE SCARPE DELLE STAR - 0259 marilyn - Gay.it

Un percorso nella storia della vita di questa azienda che viene ripercorsa fino agli anni Sessanta e Settanta con modelli pensati per Brigitte Bardot, Claudia Cardinale, Virna Lisi e per la Casa reale inglese. Tra i modelli in esposizione sono le scarpe di “Evita” di Alan Parker e di “Ever after. A Cinderella story” di Andy Tennant insieme agli ultimissimi modelli indossati da Mel Gibson nel film di Wim Wenders “Million dollar hotel”.

La mostra resterà aperta al pubblico, fino al 2001, dal lunedì al venerdì con orario dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18. Ingresso via de’Tornabuoni 2, Firenze.

(Catalogo Electa)

SALVATORE FERRAGAMO

Salvatore Ferragamo inizia la sua attività a Santa Barbara in California. Il primo incarico lo riceve dalla America film Company che gli commissiona stivali per i primi Western. Ben presto passa alle calzature per le pellicole in costume e alle ordinazioni private di scarpe su misura da parte delle attrici. Si conquista subito il soprannome di “calzolaio delle dive”. Poco dopo trasferisce il suo nuovo negozio in Hollywood boulevard, l’”Hollywood boot shop”, alla cui festa di inaugurazione arrivano personaggi del calibro di Pola Negri, Mary Pickford, Rodolfo Valentino che insieme a molti altri mandano a Ferragamo fiori e biglietti di felicitazioni. Il successo è oramai esploso.

E’ Salvatore a inventare sempre nuovi modelli e a prendere le misure dei piedi delle sue clienti. E’ sempre lui a trasferirle sulle forme di legno che servono per la costruzione della scarpa. Nei pochi momenti liberi dal lavoro frequenta i corsi di anatomia all’università della California meridionale a Los Angeles. Il suo obiettivo è quello di aumentare la conoscenza sul piede umano per poter realizzare calzature non solo belle, ma anche confortevoli. Un aspetto che fino a quel momento non era stato mai considerato nella storia della scarpa.

Nella sua autobiografia – uscita nel 1957 – Salvatore Ferragamo divide le donne in tre categorie: Cenerentole, Veneri, Aristocratiche: “Le Cenerentole calzano sempre scarpe più piccole della misura 6. Le Veneri calzano taglia 6. Le aristocratiche il n.7. La Cenerentola è una persona essenzialmente femminile, amante dei gioielli e delle pellicce, che deve essere sempre innamorata per essere felice. La Venere è generalmente molto bella, affascinante e sofisticata, sebbene, sotto la scorza esteriore, sia spesso una donna di casa che ama le cose semplici della vita. Poiché queste due cose sono contraddittorie tra loro, la Venere è spesso mal compresa. La si accusa di amare troppo il lusso e la frivolezza. Le Aristocratiche sono sensibili, di umore variabile, ma hanno anche una profonda comprensione”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l'omofobia - Dennis Gonzalez - Gay.it

Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l’omofobia

Corpi - Redazione 13.6.24
Alex Wyse in concerto

Alex Wyse contro i pregiudizi: “Siate liberi di essere ciò che siete. Nessuno può porci confini”

Musica - Emanuele Corbo 13.6.24
Mahmood RA TA TA - Il velo e anche la tuta sono del brand palestinese Trashy Clothing

Mahmood fa “RA TA TA” con un velo palestinese che ha un significato

Musica - Mandalina Di Biase 13.6.24
Lo sportello Arcigay per studenti LGBTQIA+ ha il supporto di Sephora - Sephora bigmama - Gay.it

Lo sportello Arcigay per studenti LGBTQIA+ ha il supporto di Sephora

News - Gay.it 14.6.24
L'Amante dell'Astronauta, l'amore queer "spudoratamente felice" che abbatte limiti ed etichette - Lamante dellastronauta 05 - Gay.it

L’Amante dell’Astronauta, l’amore queer “spudoratamente felice” che abbatte limiti ed etichette

Cinema - Federico Boni 14.6.24
"C'è un attacco spietato e frontale alla comunità LGBTIAQ+", intervista al Torino Pride che scende in strada il 15 Giugno - Torino Pride 2023 - Gay.it

“C’è un attacco spietato e frontale alla comunità LGBTIAQ+”, intervista al Torino Pride che scende in strada il 15 Giugno

News - Francesca Di Feo 13.6.24

Hai già letto
queste storie?

Becoming Karl Lagerfeld, il full trailer italiano racconta anche la storia d'amore con Jacques de Bascher - Disney Becoming Karl Lagerfeld Daniel Bruhl Theodore Pellerin - Gay.it

Becoming Karl Lagerfeld, il full trailer italiano racconta anche la storia d’amore con Jacques de Bascher

Serie Tv - Redazione 26.4.24
#LevisPride - Queer Rodeo

Storia di quel Rainbow Rodeos tra cowboys, drag queen e anti-machismo

Culture - Riccardo Conte 7.6.24
The New Look, prime immagini della serie con Glenn Close e Ben Mendelsohn nel ruolo di Christian Dior - Apple TV The New Look key art graphic header 16 9 show home.jpg.large 2x - Gay.it

The New Look, prime immagini della serie con Glenn Close e Ben Mendelsohn nel ruolo di Christian Dior

Serie Tv - Redazione 15.12.23
Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24
CameraModaUnarAFG photo da IG: Tamu McPherson

Milano Fashion Week e lotta alla discriminazione, siglato accordo tra Unar e Camera della Moda

Lifestyle - Mandalina Di Biase 20.2.24
Gabriele Esposito, Giuseppe Giofrè e Simone Susinna - Foto: Instagram

18 bollenti mutande indossate per Calvin Klein

Lifestyle - Luca Diana 5.1.24
Sabato De Sarno direttore creativo Gucci - foto @tyrellhampton + @federicociamei

Sabato De Sarno non vuole controllare le emozioni

Culture - Riccardo Conte 26.3.24
Kaiser Karl, Daniel Brühl è Karl Lagerfeld nella prima immagine ufficiale - Kaiser Karl - Gay.it

Kaiser Karl, Daniel Brühl è Karl Lagerfeld nella prima immagine ufficiale

Serie Tv - Redazione 12.1.24