Gay accoltellato trova alloggio e lavoro a Torre del Lago

Paolo Brunetto, il ragazzo accoltellato dal padre perché gay, ha trovato lavoro e alloggio in un noto locale di Torre del Lago. Non appena terminerà la sua convalescenza cambierà pagina alla sua vita

Grazie alla solidarietà di un famosissimo locale gay di Torre del Lago, Paolo Brunetto, il figlio "disonorevole" per quel padre che tentò di accoltellarlo, volterà pagina nella sua vita dolorosamente cambiata dopo quanto accaduto in famiglia con un nuovo alloggio e un lavoro nella friendly Toscana.

"Sono felice di iniziare una nuova vita" ha detto Paolo all’Adn Kronos. «Certo sarà difficile ricominciare in un posto nuovo, dove non conosco nessuno e sarò solo, ma non ho paura. È da un po’ che pensavo di lasciare Palermo. Questa città mi sta stretta, c’è ancora chi ti guarda in maniera strana perché sei gay, ma forse è una cosa che capita ovunque".

E a proposito del padre Paolo dice: «Non mi ha chiesto scusa né ha cercato di avere mie notizie tramite mia madre. Non mi ha mai capito».

Paolo, 18 anni, raggiungerà Torre del Lago tra una decina di giorni, non appena terminerà la sua convalescenza.

Ti suggeriamo anche  Torre del Lago, flashmob al Mamamia per riavere la spiaggia gay -video
Attualità

Prima casa insieme dopo aver finto per 13 anni di essere cugini, la gioia del regista indiano e del fidanzato

Per non suscitare clamore tra i vicini e non avere problemi con l'affitto, Apurva Asrani e Siddhant Pilla hanno finto di essere cugini per 13 anni. Ora, finalmente, possono presentarsi a tutti come fidanzati.

di Federico Boni