“GOHATTO”: MA COME FANNO I SAMURAI

Formalmente ineccepibile ma un po’ ingessato il ritorno al cinema del grande Nagisa Oshima che dopo 'Furyo' affronta di nuovo una storia di omosessualità militaresca. Al tempo dei samurai.

"GOHATTO": MA COME FANNO I SAMURAI - 0248 tabou - Gay.it
2 min. di lettura
"GOHATTO": MA COME FANNO I SAMURAI - 0248 gohatto - Gay.it

Magisa Oshima, il grande regista giapponese autore di indiscussi capolavori come ‘L’impero dei sensi’ e ‘Furyo’ era attesissimo sulla Croisette al festival di Cannes che si è appena concluso: non faceva film da quattordici anni (‘Max mon amour’). E assistendo alla proiezione di ‘Gohatto’ sembrava di essere davanti a ‘Furyo 2 – cento anni prima’: nuovamente Kitano in una storia di omosessualità militaresca, al tempo dei samurai invece che durante la seconda guerra mondiale, di nuovo Sakamoto qui impegnato nella colonna sonora. Siamo nel 1865 e un giovane samurai efebico e bellissimo (Ryuhei Matsuda) entra a far parte della Shinsen-gumi, manipolo di combattenti al servizio degli shogun. Da dodici anni il commodoro Perry ha aperto i porti del Giappone alle merci americane e l’imperatore sta minacciando il potere degli stessi shogun. Il nuovo samurai non è tra l’altro un

"GOHATTO": MA COME FANNO I SAMURAI - 0248 gohatto2 - Gay.it

ramoscello indifeso: imperturbabile e dallo sguardo glaciale, è abilissimo nell’uso della scimitarra e non esita minimamente a decapitare un collega fedifrago. La sua frangetta galeotta fa velocemente stuoli di vittime: uno alla volta capitolano i suoi colleghi di ventura, dal più giovane (Tadanobu Asano) al maturo capitano (Takeshi Kitano) che riuscirà a controllare la passione e ristabilire l’ordine.

Formalmente ineccepibile e indubbiamente affascinante – grande fotografia, magnifica la colonna sonora di Sakamoto che crea una continua tensione nella storia – soffre un po’ di una sorta di ingessatura teatrale della vicenda (Kitano è una maschera tragica perturbata dai suoi caratteristici tic, la staticità della messa in scena dopo un po’ annoia). Bellissimo il finale onirico con metaforica sciabolata terminale.

Il ‘Gohatto’ del titolo è il severo codice penale dei samurai e il film è tratto da un libro di Ryotaro Shiba. Curiosa e ben girata l’unica scena di sesso esplicito gay di tutto il festival di Cannes 2000 – e in cui il giovane protagonista non muove nemmeno un sopracciglio.

Oshima ha anche spiegato che ‘in giapponese non esiste una parola per esprimere il concetto di ‘omosessualità’ né di ‘ironia’ e che fra i samurai l’omosessualità non è un tabù’. Ha comunque aggiunto: ‘Io solo però l’ho affrontata.’

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Taylor Swift per THE TORTURED POETS DEPARTMENT (2024)

Il nuovo album di Taylor Swift: no, non è Patti Smith (ma lei lo sa già)

Musica - Riccardo Conte 22.4.24
Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri sono diventati genitori di Mia e Sun: "Un sogno diventato realtà" - Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri genitori - Gay.it

Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri sono diventati genitori di Mia e Sun: “Un sogno diventato realtà”

Culture - Redazione 23.4.24
Omosessualità Animali Gay

Animali gay, smettiamola di citare l’omosessualità in natura come sostegno alle nostre battaglie

Culture - Emanuele Bero 18.4.24
chat gay grindr

Grindr sotto accusa: avrebbe condiviso con terze parti lo status HIV di migliaia di utenti

News - Francesca Di Feo 22.4.24
BigMama a Domenica In

BigMama: “Prima di Lodovica nascondevo la mia sessualità, non pensavo di meritare amore”

Musica - Emanuele Corbo 22.4.24
Priscilla

Priscilla, 30 anni dopo arriva il sequel della Regina del Deserto

Cinema - Redazione 22.4.24

Hai già letto
queste storie?

Emma Stone in Poor Things (2023)

Emma Stone difende le scene di sesso in Povere Creature

Cinema - Redazione Milano 19.1.24
Golden Globe 2024, pioggia di nomination LGBTQIA+. Da Compagni di Viaggio a Barbie, Rustin e Maestro - golden globe 2024 - Gay.it

Golden Globe 2024, pioggia di nomination LGBTQIA+. Da Compagni di Viaggio a Barbie, Rustin e Maestro

Cinema - Federico Boni 12.12.23
Oscar 2024, trionfa Oppenheimer. Miglior attrice Emma Stone, 2a statuetta per Billie Eilish. Tutti i vincitori - cover Oscar 2024 - Gay.it

Oscar 2024, trionfa Oppenheimer. Miglior attrice Emma Stone, 2a statuetta per Billie Eilish. Tutti i vincitori

Cinema - Federico Boni 11.3.24
Doi Boy, l'acclamato film queer tailandese arriva in Italia. Ecco dove e quando - Trailer, sinossi e foto - DOI BOY 3 - Gay.it

Doi Boy, l’acclamato film queer tailandese arriva in Italia. Ecco dove e quando – Trailer, sinossi e foto

Cinema - Redazione 3.11.23
Parenti Serpenti, il capolavoro di Mario Monicelli dal 1° dicembre finalmente in streaming - Parenti Serpenti 1 - Gay.it

Parenti Serpenti, il capolavoro di Mario Monicelli dal 1° dicembre finalmente in streaming

Cinema - Federico Boni 28.11.23
I film LGBTQIA+ della settimana 22/28 gennaio tra tv generalista e streaming - film lgbtqia gennaio 2024 - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 22/28 gennaio tra tv generalista e streaming

Cinema - Federico Boni 22.1.24
Dopo Oliver - Good Grief, primo trailer italiano del dramedy con Dan Levy in lutto per la morte di suo marito Luke Evans - Good Grief n 00 10 58 04r - Gay.it

Dopo Oliver – Good Grief, primo trailer italiano del dramedy con Dan Levy in lutto per la morte di suo marito Luke Evans

Cinema - Redazione 7.12.23
Lilly_wachowski_GLAAD_2016

Trash Mountain, Lilly Wachowski torna alla regia con un film queer

Cinema - Redazione 14.2.24