I bordelli di Proust in una mostra fotografica a Parigi

Nella galleria parigina 'Au bonheur du jour' un curioso allestimento sui bordelli gay frequentati da Proust. La curatrice Nicole Canet ha anche pubblicato un libro illustrato in edizione limitata.

I bordelli di Proust in una mostra fotografica a Parigi - HotelMarignyBASE - Gay.it
3 min. di lettura

I bordelli di Proust in una mostra fotografica a Parigi - HotelMarignyF1 - Gay.it

Nell’immaginifico Sodoma e Gomorra, il quarto volume della monumentale Recherche proustiana, il genio letterario francese verga alcune tra le migliori pagine mai scritte sull’amore gay, "fecondo in senso morale" poiché "quaggiù ogni essere può dare a qualcuno la sua musica, la sua fiamma o il suo profumo". Tratteggiando il regno incantato degli ‘uomini-donne’ attraverso lunghe e memorabili metafore naturalistiche su orchidee e calabroni, Primulae veris ermafrodite e lumache feconde, Marcel Proust fece allora scandalo per la passionalità esplicita dell’"inumano mondo del piacere", in particolare per quel magnifico personaggio del barone di Charlus i cui riverberi grotteschi (è esemplare quanto Proust fu stregato dalla magica congiunzione tra il barone e il gracile Jupien) scatenarono l’irrefrenabile furia di Gide, ferito come omosessuale e come esteta.

I bordelli di Proust in una mostra fotografica a Parigi - HotelMarignyF2 - Gay.it

Per comprendere meglio da dove nacque l’ispirazione che portò alla realizzazione di questo capolavoro senza tempo, non si perda la mostra fotografica in corso alla galleria parigina Au bonheur du jour al numero undici della stretta rue Chabanais, quasi dirimpetto al leggendario bar lesbico Le Champmeslé. Si intitola Hôtels garnis. Garçons de joie. Prostitution masculine – Lieux et fantasmes à Paris de 1860 à 1960 ed è curata dalla titolare della galleria, Nicole Canet, autrice di un omonimo ricco libro illustrato in edizione limitata che ricostruisce l’universo clandestino della prostituzione maschile dalla Belle Époque agli anni Sessanta. Vengono recensiti circa trenta indirizzi di luoghi celebri dedicati all’amore mercenario gay, dall’istituzionale Hôtel Marigny in rue de l’Arcade, dove Proust si recava regolarmente per assistere a sedute voyeuriste e sadomaso (si pensi alla celebre scena del bordello in cui il narratore osserva in un occhio di bue il barone di Charlus legato al letto e torturato farsescamente da Jupien), al frequentatissimo Hôtel du Saumon nel secondo arrondissement passando per il "Madeleine" di Pigalle.

I bordelli di Proust in una mostra fotografica a Parigi - HotelMarignyF3 - Gay.it

Il proprietario del Marigny, tale Albert Le Cuziat (1881-1938), bretone trapiantato a Parigi come "troisième valet de pied" del principe Radziwill, poi passato alle dipendenze della contessa Grefulhe e del principe Orloff, è il principale ispiratore del personaggio di Jupien. "Un bretone biondo, privo di eleganza, con occhi blu freddi come quelli di un pesce – gli occhi della sua anima – e che rifletteva nei suoi occhi l’inquietudine del suo mestiere". Così lo descrive malignamente Céleste Albaret, governante e fedele assistente di Proust fino alla sua morte. Le Cuziat divenne confidente intimo di Proust e, dietro cospicui compensi, gli raccontò i più gustosi aneddoti e pettegolezzi sull’ambiente gay parigino che alimentarono i passaggi più omosex della Recherche. Lo stesso Proust lo definiva "il mio Gotha vivente" e gli fornì aiuto economico per aprire nel 1913 una delle prime saune gay parigine, i "Bains de Cuziat" e, nel ’17, al fine di agevolare l’acquisto del Marigny, prestandogli persino i mobili di sua madre per arredarlo, quelli che nella Ricerca del Tempo Perduto sono della zia Léonie del Narratore.

I bordelli di Proust in una mostra fotografica a Parigi - HotelMarignyF4 - Gay.it

Nella curiosa mostra è possibile ammirare fotografie rare, disegni inediti, persino verbali della Polizia che testimoniano le frequenti retate in bordelli, saune, vespasiani e bar per soli uomini. In uno di questi documenti tratti dagli archivi della Prefettura di Polizia, datato 11 gennaio 1918, si legge proprio il nome di Marcel Proust, "46 anni, redditiero, 102 boulevard Haussmann", sorpreso – non in pose equivoche, ma semplicemente a un tavolo con bottiglie di champagne – in compagnia di Le Cuziat, del soldato di fanteria Léon Pernet e del caporale André Brouillet. In una stanza della galleria è persino ricostruito un camerino segreto di un bordello per uomini.

Come spiega la curatrice Canet, "allo svoltare di una strada o nell’intimità di una camera, vi sembrerà di incrociare le ombre di Marcel Proust o di Jean Genet, di Roland Barthes o di Pier Paolo Pasolini".
Fino al 27 ottobre.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Beatrice Quinta, da X Factor al primo EP

Beatrice Quinta: “Parlo sempre di sesso perché ho scoperto che posso godere” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
queer palm, festival di cannes, i vincitori

Festival di Cannes. Tutti i film vincitori della Queer Palm dal 2010 ad oggi

Cinema - Gio Arcuri 17.5.24
Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Beatrice Quinta, da X Factor al primo EP

Beatrice Quinta: “Parlo sempre di sesso perché ho scoperto che posso godere” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24

Hai già letto
queste storie?

Corita Kent Padiglione Vaticano Biennale 2024

Biennale di Venezia, Papa Francesco omaggerà Corita Kent, la suora queer che fuggì con la sua amante

Culture - Mandalina Di Biase 14.3.24
Foto: Matteo Gerbaudo

Giada Biaggi non si sente più in colpa: ‘Abbi l’audacia di un maschio bianco’, l’intervista

Culture - Riccardo Conte 18.3.24
Resistenza, malattia e vita: abbiamo intervistato Ivonne Capece, a teatro con Thinking Blind - Matteo B Bianchi 2 - Gay.it

Resistenza, malattia e vita: abbiamo intervistato Ivonne Capece, a teatro con Thinking Blind

Culture - Federico Colombo 20.4.24
Max Peiffer Watenphul. Dal Bauhaus all'Italia

Max Peiffer Watenphul e la scena queer mai più dimenticata della scuola Bauhaus

Culture - Redazione Milano 30.11.23
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
Andrea Tarella - Gay.it intervista

Le creature fantastiche di Andrea Tarella “Ho galline in giardino, un fagiano, un’iguana, un drago barbuto, e tanti acquari intorno a me”

Culture - Riccardo Conte 20.2.24
Michele Bravi ritratto da Mauro Balletti per 'Tu cosa vedi quando chiudi gli occhi?'

L’atlante di Michele Bravi, tra poesie e pornostar – l’intervista

Musica - Riccardo Conte 9.4.24
Safffo, a Roma la 3a edizione del Festival che promuove l’espressione artistica LGBTQIA+ indipendente - SAFFFO 2024 - Gay.it

Safffo, a Roma la 3a edizione del Festival che promuove l’espressione artistica LGBTQIA+ indipendente

Culture - Redazione 15.5.24