Studio Ipsos, per il 45% degli italiani le persone transgender dovrebbero poter adottare

Il sorprendente risultato arriva da uno studio condotto insieme a The Williams Institute e Buzzfeed News.

Facebook Twitter Messenger Whatsapp

Buone notizie per la comunità LGBT: secondo un noto istituto demoscopico il 59%degli italiani chiede più tutele per i transgender.

Anche per le persone transgender il clima nel nostro Paese potrebbe essere cambiato. A darne notizia una ricerca condotta da Ipsos su 27 diversi paesi, a cui hanno partecipato circa 20mila persone, di cui un migliaio dall’Italia. Un campione questo, ritenuto sufficientemente rappresentativo del Paese secondo il centro di ricerca.

I risultati ci fanno ben sperare, perché inseriscono l’Italia nel lotto dei paesi più inclusivi al fianco di Spagna, Francia e Germania, con solo l’11% di persone che ritiene la transessualità un peccato o una forma di infermità psichica. Male invece Polonia, Ungheria, Serbia e sorprendentemente gli Stati Uniti, dove ben il 32% degli intervistati ritiene che sia una violazione dei dogmi religiosi.

Si attesta al 24% la quota di italiani preoccupata dalla possibile influenza delle persone trans sui bambini, un dato più alto del precedente, ma comunque a metà del guado tra i paesi campionati. Se Germania e Giappone ottengono i risultati migliori, sono ancora una volta Serbia, Ungheria e Stati Uniti ad occupare il fondo della classifica con dati superiori al 40%.

Migliorano nel complesso i consensi quando si parla di diritti LGBT: in Italia il 75% degli intervistati è a favore di politiche antitransfobia e il 66% ritiene che debbano potersi sposare con persone del proprio sesso se lo desiderano. Nemmeno un divieto dal servizio militare di stampo trumpiano avrebbe la maggioranza, il 59% degli intervistati sostiene la possibilità che i transgender servano nelle forze armate. 

Omofobia

Pestato a sangue mentre gli gridano ‘fr*cio’, ma i colpevoli sono già fuori di prigione

La polizia ha identificato i due sospetti responsabili. Arrestati per aggressione, sono stati rilasciati. Ecco perché.

di Federico Boni