Irlanda del Nord, l’Alta Corte dice no ai matrimoni gay

Occhi puntati su Theresa May. I due uomini, pur sconfitti, non si arrendono: “Valuteremo il da farsi con il nostro team legale”.

Poche ore fa l’Alta Corte di Belfast ha detto no ai matrimoni gay, con una sentenza attesissima da attivisti e comuni cittadini dell’unica parte del Regno Unito dove ancora sono illegali.

Uno dei due casi in questione riguardava una coppia di uomini, sposatasi in Inghilterra e appellatasi alla Corte dopo il rifiuto dello Stato a riconoscere il matrimonio contratto all’estero. Il giudice, Justice O’Hara, non ha però ritenuto violati i loro diritti umani. “Non è difficile capire come gay e lesbiche soffrano per le barriere che ancora non consentono loro di sposarsi legalmente qui in Irlanda del Nord, ma io non posso fare una scelta sociale: devo fare una scelta basata sulla legge”.

In un comunicato rilasciato dall’avvocato della coppia si legge: “Siamo delusi. Serve altro lavoro per spiegare a tutti la verità: due uomini o due donne che si amano non minacciano la società”. Ma non si arrendono: “Discuteremo con il nostro team legale cosa è possibile fare”.

Gli occhi, a questo punto, sono tutti puntati sul primo ministro britannico, Theresa May, che recentemente si era espressa a favore del matrimonio egualitario. Prenderà ancora posizione?

Ti suggeriamo anche  Matrimonio egualitario, perché in Italia non ne parla più nessuno?
Attualità

Prima casa insieme dopo aver finto per 13 anni di essere cugini, la gioia del regista indiano e del fidanzato

Per non suscitare clamore tra i vicini e non avere problemi con l'affitto, Apurva Asrani e Siddhant Pilla hanno finto di essere cugini per 13 anni. Ora, finalmente, possono presentarsi a tutti come fidanzati.

di Federico Boni