La storia di Juan e Christian: può nascere una famiglia LGBT su Grindr? Certo!

Grindr, lo sappiamo, si usa spesso e volentieri per incontri di piacere. Ma certe volte regala anche bellissime sorprese!

famiglia lgbt
2 min. di lettura

Conoscere un ragazzo. Sposarsi. Formare una famiglia. Insomma, la storia d’amore perfetta. E’ quello che è successo a Christian Ruiz Gómez e Juan Luis Fernández Masip. Entrambi di origini spagnole, sono due uomini di 40 anni che appena conosciuti hanno capito di essere fatti l’un per l’altro. Il classico e raro colpo di fulmine. E nel giro di pochi anni, è nata una meravigliosa famiglia LGBT.

E si sono conosciuti tramite l’app per incontri gay Grindr. L’applicazione più famosa quindi non serve solo a trovare il ragazzo più vicino per un’ora di piacere, ma si può trovare anche l’anima gemella.

Da una “non risposta” alla nascita di una famiglia LGBT

Come spesso accade, anche Juan e Christian hanno iniziato con un semplice “ciao” nella chat di Grindr. E’ stato Christian a iniziare la conversazione, ricevendo dall’altra parte una celebre “non risposta“. Quante volte sarà capitato, che pieno di buone intenzioni un utente cerca di aprire un dialogo con foto e complimenti, per scoprire poi che il messaggio è stato solamente visualizzato, senza rispondere nemmeno con un “no, grazie”? 

Christian però non si è perso d’animo, scrivendogli qualche giorno dopo, pensando fosse un nuovo utente (in realtà Juan aveva semplicemente cambiato la foto del profilo). Questa volta, la risposta è arrivata. Ed è stato l’inizio della loro storia.

I primi convenevoli, qualche foto, e la decisione di vedersi a cena. Era il 2011. L’anno dell’inizio della loro famiglia LGBT. Due anni dopo, però, Juan è dovuto andare in Australia per lavoro, iniziando una relazione a distanza con Christian, che invece era rimasto in Spagna. Ma l’amore non si è mai affievolito, fino al grande passo. Un giorno, Cristian ha preso l’aereo, si è fatto 60 ore di viaggio ed è arrivato in Australia, solo per mettere un anello al dito del suo ragazzo. In questo modo Christian ha chiesto al suo Jan di sposarlo.

E l’arrivo del bambino

Dopo le nozze presso l’ambasciata spagnola in Australia nel 2015, Juan e Christian iniziano hanno pensato che era il momento di mettere su una famiglia LGBT. L’adozione prevedeva tempi molto lunghi e il rischio di ricevere un rifiuto, quindi optano per una maternità surrogata, ma con paletti ben precisi: non vogliono che la loro felicità possa essere tristezza per qualcun altro. La donna insomma lo avrebbe fatto perché non poteva o voleva tenere il bambino.

Il primo bimbo è arrivato dopo che la situazione si era complicata, poiché l’inseminazione si è ripetuta più volte. Ma ne è valsa la pena, perché è nato Anxo, in Messico. Poco dopo, in Australia, è arrivato Atlas. Due bimbi sani e bellissimi. Per una stupenda e perfetta famiglia LGBT. 

I due papà hanno raccontato la loro storia su Instagram, condividendo decine di foto della loro bellissima famiglia.

https://www.instagram.com/p/B9NBeomI-c9/

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Royy Romeo 11.3.20 - 19:28

Faccii capire, ma chi caxxo pensi di essere che stai sempre a criticare tutto, Dio sceso in terra?

Trending

Omofobia Marcon coppia gay vende appartamento parla avvocato

“Fr*c* di m*rda, vergognatevi”: coppia gay costretta a vendere casa, l’avvocata spiega tutto a Gay.it

News - Giuliano Federico 25.7.24
Marco Mengoni Marco Torino Greco Vacanza Pantelleria

Marco Mengoni “con il suo migliore amico” Marco Torino Greco secondo i media

Musica - Mandalina Di Biase 24.7.24
Parigi 2024, hanno bloccato Grindr nel villaggio Olimpico? - grindr olympic - Gay.it

Parigi 2024, hanno bloccato Grindr nel villaggio Olimpico?

News - Redazione 24.7.24
Simone Nolasco Intervista Gay.it

Simone Nolasco: “Così è nata la scena hot con Troye Sivan. Le critiche? Sul palco si porta la vita” – Intervista

Culture - Emanuele Corbo 25.7.24
Vladimir Luxuria

Vladimir Luxuria ricoperta d’insulti per le foto in bikini: “Frustrati, io vivo la vita reale”. Poi rimprovera il governo

News - Emanuele Corbo 25.7.24
Roberto Bolle

Roberto Bolle lo ha fatto di nuovo: lo spettacolo con i suoi “friends” conquista l’Arena di Verona – FOTO

Culture - Emanuele Corbo 25.7.24

Leggere fa bene

Venerdì 5 aprile ore 12 a Roma flashmob contro il DDL Varchi "GPA reato universale" del governo Meloni - famiglie arcobaleno parlamento - Gay.it

Venerdì 5 aprile ore 12 a Roma flashmob contro il DDL Varchi “GPA reato universale” del governo Meloni

News - Redazione 4.4.24
famiglie arcobaleno

Famiglie Arcobaleno e Rete Lenford da oggi in Corte d’Appello in difesa dei diritti dei minori

News - Redazione 10.6.24
Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri sono diventati genitori di Mia e Sun: "Un sogno diventato realtà" - Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri genitori - Gay.it

Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri sono diventati genitori di Mia e Sun: “Un sogno diventato realtà”

Culture - Redazione 23.4.24
William Wragg - Grindr

Da Grindr a Whatsapp, l’assedio gay al parlamento britannico ha nome e cognome

News - Mandalina Di Biase 9.4.24
mammeamodonostro-intervista

Il viaggio di Giada e Iris continua: benvenuto Giulio, il fiore più bello sbocciato nelle avversità

News - Francesca Di Feo 7.2.24
Foto: MARTIN BUREAU

Grindr si fa più inclusivo per le persone trans* (ma è già polemica!)

News - Redazione Milano 8.2.24
Famiglie Arcobaleno dopo la sentenza della Corte d'Appello: "Ci vuole una legge, è palese discriminazione omofobica" - Famiglie Arcobaleno Sentenza Cassazione - Gay.it

Famiglie Arcobaleno dopo la sentenza della Corte d’Appello: “Ci vuole una legge, è palese discriminazione omofobica”

News - Federico Boni 6.2.24
Roma, Gualtieri insiste e trascrive altri 3 certificati di nascita per 2 bambini e una bambina con 2 mamme - Roberto Gualtieri - Gay.it

Roma, Gualtieri insiste e trascrive altri 3 certificati di nascita per 2 bambini e una bambina con 2 mamme

News - Redazione 4.7.24