La storia di Juan e Christian: può nascere una famiglia LGBT su Grindr? Certo!

Grindr, lo sappiamo, si usa spesso e volentieri per incontri di piacere. Ma certe volte regala anche bellissime sorprese!

famiglia lgbt
2 min. di lettura

Conoscere un ragazzo. Sposarsi. Formare una famiglia. Insomma, la storia d’amore perfetta. E’ quello che è successo a Christian Ruiz Gómez e Juan Luis Fernández Masip. Entrambi di origini spagnole, sono due uomini di 40 anni che appena conosciuti hanno capito di essere fatti l’un per l’altro. Il classico e raro colpo di fulmine. E nel giro di pochi anni, è nata una meravigliosa famiglia LGBT.

E si sono conosciuti tramite l’app per incontri gay Grindr. L’applicazione più famosa quindi non serve solo a trovare il ragazzo più vicino per un’ora di piacere, ma si può trovare anche l’anima gemella.

Da una “non risposta” alla nascita di una famiglia LGBT

Come spesso accade, anche Juan e Christian hanno iniziato con un semplice “ciao” nella chat di Grindr. E’ stato Christian a iniziare la conversazione, ricevendo dall’altra parte una celebre “non risposta“. Quante volte sarà capitato, che pieno di buone intenzioni un utente cerca di aprire un dialogo con foto e complimenti, per scoprire poi che il messaggio è stato solamente visualizzato, senza rispondere nemmeno con un “no, grazie”? 

Christian però non si è perso d’animo, scrivendogli qualche giorno dopo, pensando fosse un nuovo utente (in realtà Juan aveva semplicemente cambiato la foto del profilo). Questa volta, la risposta è arrivata. Ed è stato l’inizio della loro storia.

I primi convenevoli, qualche foto, e la decisione di vedersi a cena. Era il 2011. L’anno dell’inizio della loro famiglia LGBT. Due anni dopo, però, Juan è dovuto andare in Australia per lavoro, iniziando una relazione a distanza con Christian, che invece era rimasto in Spagna. Ma l’amore non si è mai affievolito, fino al grande passo. Un giorno, Cristian ha preso l’aereo, si è fatto 60 ore di viaggio ed è arrivato in Australia, solo per mettere un anello al dito del suo ragazzo. In questo modo Christian ha chiesto al suo Jan di sposarlo.

E l’arrivo del bambino

Dopo le nozze presso l’ambasciata spagnola in Australia nel 2015, Juan e Christian iniziano hanno pensato che era il momento di mettere su una famiglia LGBT. L’adozione prevedeva tempi molto lunghi e il rischio di ricevere un rifiuto, quindi optano per una maternità surrogata, ma con paletti ben precisi: non vogliono che la loro felicità possa essere tristezza per qualcun altro. La donna insomma lo avrebbe fatto perché non poteva o voleva tenere il bambino.

Il primo bimbo è arrivato dopo che la situazione si era complicata, poiché l’inseminazione si è ripetuta più volte. Ma ne è valsa la pena, perché è nato Anxo, in Messico. Poco dopo, in Australia, è arrivato Atlas. Due bimbi sani e bellissimi. Per una stupenda e perfetta famiglia LGBT. 

I due papà hanno raccontato la loro storia su Instagram, condividendo decine di foto della loro bellissima famiglia.

https://www.instagram.com/p/B9NBeomI-c9/

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Royy Romeo 11.3.20 - 19:28

Faccii capire, ma chi caxxo pensi di essere che stai sempre a criticare tutto, Dio sceso in terra?

Trending

thailandia-matrimonio-egualitario

La Thailandia verso il matrimonio egualitario: approvazione del disegno di legge entro fine anno

News - Francesca Di Feo 19.2.24
Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24
GLORIA! (2024)

Le ragazze ribelli di Gloria! Tutto sul primo sovversivo film di Margherita Vicario

Cinema - Redazione Milano 22.2.24
adolescente-non-binari-aggressione-oklaoma (1)

USA, Nex Benedict, sedicenne non binariǝ, muore dopo un’aggressione transfobica a scuola

News - Francesca Di Feo 21.2.24
Marco Mengoni e Mahmood una canzone insieme

Marco Mengoni e Mahmood, una canzone insieme

Musica - Mandalina Di Biase 23.2.24
glaad-gaming-report

Il 17% dellǝ appassionatǝ di videogames è queer, ma l’industria ci rappresenta? Il rapporto di GLAAD

Culture - Francesca Di Feo 14.2.24

Leggere fa bene

Il 2023 di Grindr, quali sono i Paesi con più utenti attivi, passivi, versatili, twink e chi più ne ha più ne metta? - Grindr - Gay.it

Il 2023 di Grindr, quali sono i Paesi con più utenti attivi, passivi, versatili, twink e chi più ne ha più ne metta?

Corpi - Redazione 21.12.23
Padova, via alle cause contro le famiglie arcobaleno: "Sarà una battaglia di civiltà giuridica e umana" - Padova via alle cause contro le famiglie arcobaleno - Gay.it

Padova, via alle cause contro le famiglie arcobaleno: “Sarà una battaglia di civiltà giuridica e umana”

News - Redazione 14.11.23
Buone notizie Italia 2022 Gay.it

Corte di Appello di Brescia: i figli hanno il diritto a vedere riconosciuti entrambi i genitori

News - Redazione 9.2.24
Roma lgbtqia+

Roma non si arrende alla persecuzione delle coppie omogenitoriali, Gualtieri registra due bambine italiane nate in Spagna

News - Giuliano Federico 3.9.23
Foto di Max Böhme su Unsplash

La destra vorrebbe arrestarlo, ma a Trento diventa papà di suo figlio

News - Redazione Milano 4.9.23
Omar Ayuso - Gay.it

Arriva Elite 7 e Omar Ayuso è in mutande su Grindr per un motivo

Serie Tv - Gay.it 17.10.23
vannacci piedi feticisti

Feticisti dei piedi in delirio per Vannacci, diluvio trash sul generale dell’esercito amato dalla destra

News - Redazione Milano 6.10.23
famiglie non tradizionali studio bocconi università di trento professoressa romeo

Il contributo delle famiglie non tradizionali per affrontare la crisi demografica in Italia

News - Giuliano Federico 28.8.23