Kosovo, il cammino di un paese a maggioranza musulmana verso i diritti LGBTQIA+

Da "paese più omofobo dei balcani" a primo stato a maggioranza mussulmana a considerare la legalizzazione del matrimonio egualitario: la strada del Kosovo verso l'uguaglianza, tra luci e ombre.

ascolta:
0:00
-
0:00
kosovo-diritti-lgbt
4 min. di lettura

Nel 2008, terminava la lunga e sanguinosa guerra che portò il Kosovo a costituirsi come nazione indipendente dalla Serbia.

Lo stesso anno, il neonato paese promulgava la sua moderna Costituzione, contenente tutele contro la discriminazione per l’orientamento sessuale, nonché una formula che avrebbe permesso, in futuro, di legalizzare con più facilità il matrimonio egualitario quando fosse stato il momento.

kosovo-diritti-lgbt
Nel 2008, l’allora presidente kosovaro Fatmir Sejdiu firmò la Costituzione del Kosovo. Al suo interno, tutele contro la discriminazione verso l’orientamento sessuale.

Un inizio apparentemente promettente per la comunità LGBTQIA+ kosovara, da sempre costretta a sopravvivere in uno dei paesi più omofobi della regione balcanica – influenzato da un pervasivo integralismo religioso che lascia poco spazio a tutto ciò che si discosta dalla tradizione.

Secondo uno studio compilato nel 2020 dall’Università di Boston, meno dell’1% degli abitanti si dichiara infatti ateo, mentre più del 90% della popolazione è di religione musulmana.

Il percorso del Kosovo verso una società più inclusiva verso la diversità è stato, e continua ad essere, irto di ostacoli e ambiguità. Da una parte, i governi progressisti che si sono susseguiti a partire dall’acquisizione dell’indipendenza hanno sempre, in qualche modo, tentato di rispondere alle istanze della comunità LGBTQIA+.

Dall’altra, una popolazione tradizionalista, diffidente e ancora traumatizzata da anni di conflitti e instabilità, ha sempre relegato il discorso sulle questioni LGBTQIA+ a un’istanza marginale.

Un tira e molla che ha rallentato i progressi in questo senso – in Kosovo non è ancora legale il cambio di documenti per le persone trans* – ma che non cancella i grandi passi avanti compiuti dal Kosovo in ambito di diritti civili.

All’inizio del 2023, il primo ministro progressista e socialdemocratico Albin Kurti ha infatti annunciato un possibile spiraglio per l’effettiva legalizzazione del matrimonio egualitario, in un paese in cui oggi non esistono ancora neanche le unioni civili – un tentativo di introdurle fallì nel 2022.

Se il disegno di legge dovesse passare, il Kosovo diventerebbe il primo paese a maggioranza musulmana a disporre di una simile tutela.

Le prospettive appaiono rosee: ne è passata di acqua sotto i ponti da quando, nel 2015, uno studio del National Democratic Institute (NDI) definiva il Kosovo il paese più omofobo dei Balcani. Un lavoro iniziato nel 2013 ha scosso la società civile kosovara dalle fondamenta, aprendo nuove prospettive per i diritti LGBTQIA+.

Emblematico fu, nel 2014, il primo rudimentale Pride in un paese a maggioranza musulmana, che assunse i connotati di una marcia contro l’omofobia in occasione del 17 maggio. Vi parteciparono diversi esponenti del parlamento kosovaro e diplomatici, incluso l’ambasciatore britannico Ian Cliff. L’evento fu accolto con favore dall’UE e costituì un ulteriore tassello per l’ingresso del Kosovo, oggi ancora in sospeso, nell’Unione.

Nel 2017, Pristina ospitò primo Pride ufficiale tenutosi nel paese.

kosovo-diritti-lgbt (2)
Nel 2017, il primo Pride ufficiale in Kosovo nella città di Pristina

Anche se dal 2021 il percorso verso l’acquisizione di diritti fondamentali quali il matrimonio e l’autodeterminazione di genere ha subito un significativo rallentamento a causa della posizione pavida – anche se non in diretta opposizione – del parlamento, la comunità LGBTQIA+ kosovara è riuscita a cavalcare la rinnovata ondata progressista che aveva travolto il paese dal 2014 in poi.

Le organizzazioni a supporto delle identità e degli orientamenti non conformi sono fiorite, sostenute – seppur con sforzi altalenanti – dai governi. Tanto che, nel giugno 2023, Kurti marciò fianco a fianco con il collettivo organizzatore del Pride di Pristina.

kosovo-diritti-lgbt

E si arriva a settembre 2023, con l’inaugurazione del primo Pristina Queer Festival per la celebrazione della cultura queer.

Una kermesse moderna, che quest’anno giunge alla sua seconda edizione e promette tre spumeggianti giorni di eventi, workshop, convegni, concerti e proiezioni, tutti incentrati non solo sulla celebrazione della diversità, ma anche e soprattutto sulla riscoperta di una storia solo in apparenza dimenticata.

Dan Sokoli, attivista di Dylberizm, piattaforma di supporto per la comunità LGBTQIA+ attiva in Albania e Kosovo, nonché organizzatore dell’evento, spiega: “La cosa più bella è che siamo riusciti a mostrare che la comunità queer in Kosovo ha una tradizione profonda, radicata nel folklore e nella musica popolare. Per molto tempo si è creduto che le persone queer fossero comparse improvvisamente dopo la guerra, alla fine degli anni ’90, e che prima non esistessero. Abbiamo voluto dimostrare che siamo esistiti prima della guerra, durante la guerra, e che esistiamo adesso”.

Nonostante le battute d’arresto e le resistenze culturali, la lotta per i diritti LGBTQIA+ in Kosovo continua, dimostrando che anche nei contesti più impensabili, con perseveranza e dialogo, il cambiamento è possibile.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Lo sportello Arcigay per studenti LGBTQIA+ ha il supporto di Sephora - Sephora bigmama - Gay.it

Lo sportello Arcigay per studenti LGBTQIA+ ha il supporto di Sephora

News - Gay.it 14.6.24
Niente Olimpiadi di Parigi 2024 per Lia Thomas, la decisione del CAS contro la nuotatrice trans - Lia Thomas - Gay.it

Niente Olimpiadi di Parigi 2024 per Lia Thomas, la decisione del CAS contro la nuotatrice trans

Corpi - Redazione 14.6.24
Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l'omofobia - Dennis Gonzalez - Gay.it

Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l’omofobia

Corpi - Redazione 13.6.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Maluma, Leto, Scilla, Ghali, Mendes e tanti altri - specchio specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Maluma, Leto, Scilla, Ghali, Mendes e tanti altri

Corpi - Redazione 14.6.24
L'Amante dell'Astronauta, l'amore queer "spudoratamente felice" che abbatte limiti ed etichette - Lamante dellastronauta 05 - Gay.it

L’Amante dell’Astronauta, l’amore queer “spudoratamente felice” che abbatte limiti ed etichette

Cinema - Federico Boni 14.6.24
Tiziano Ferro ospite di Voci Parallele

Giuni Russo “Voci Parallele”: Tiziano Ferro, Irene Grandi e tutti gli ospiti del concerto in ricordo di un’artista immensa

Musica - Emanuele Corbo 12.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

Marilena Grassadonia Intervista Elezioni Europee 2024 Verdi e Sinistra Italiana

Europee 2024, intervista a Marilena Grassadonia: “Pace, ambiente, battaglie transfemministe e del movimento LGBTQIA+”

News - Federico Boni 16.5.24
Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24
Unione Europea, aumentano le violenze contro le persone LGBTIQ, i dati preoccupanti a pochi giorni dalle elezioni - europa dark - Gay.it

Unione Europea, aumentano le violenze contro le persone LGBTIQ, i dati preoccupanti a pochi giorni dalle elezioni

News - Federico Boni 16.5.24
Unione Europea Diritti Transgender

L’Unione Europea verso il riconoscimento del cambio di genere in tutti gli Stati membri

News - Francesca Di Feo 7.5.24
Omosessuale- Oppressione e Liberazione

Perché leggere oggi “Omosessuale: Oppressione e Liberazione”, un classico della Gay Liberation, intervista a Lorenzo Bernini

Culture - Alessio Ponzio 4.4.24
I prigionieri che indossano triangoli rosa sulle loro uniformi vengono fatti marciare all'aperto dalle guardie naziste a Sachsenhausen.

Il Giorno della Memoria: un’occasione per rompere il silenzio

Culture - Alessio Ponzio 24.1.24
Elezioni europee: "Io Voto! E porto la comunità LGBTIQ+ al voto", la campagna di Arcigay

Elezioni europee: “Io Voto! E porto la comunità LGBTIQ+ al voto”, la campagna di Arcigay

News - Gay.it 28.5.24
Carolina Morace Movimento 5 Stelle Elezioni Europee

Carolina Morace candidata alle Europee con il M5S parla di matrimonio egualitario e calciatori gay

News - Redazione Milano 30.4.24