La vita davanti a sé, la recensione: Sophia Loren è una Madame Inclusione da Oscar

La leggendaria attrice negli abiti di un'ex prostituta sopravvissuta ai campi di concentramento nella Bari di oggi. Dal 13 novembre su Netflix.

La vita davanti a sé, la recensione: Sophia Loren è una Madame Inclusione da Oscar - Sophia Loren - Gay.it
3 min. di lettura

La vita davanti a sé, la recensione: Sophia Loren è una Madame Inclusione da Oscar - 
La vita davanti a se - Gay.it

Undici anni dopo Nine, deludente musical firmato Rob Marshall ispirato a 8 e 1/2 d Federico Fellini, Sophia Loren è tornata sul set grazie al figlio Edoardo Ponti, con il quale aveva già girato il corto La Voce umana, per un nuovo adattamento di “
La vita davanti a sé“, romanzo di Romain Gary visto al cinema nel 1977 grazie a Moshé Mizrahi, che vinse l’Oscar come miglior film straniero, e con Simone Signoret in trionfo sia ai David che ai Cesar come miglior attrice.

In arrivo su Netflix il prossimo 13 novembre, 
La vita davanti a sé è ambientato a Bari e racconta la storia di Madame Rosa, anziana ebrea ed ex prostituta che per sopravvivere negli ultimi anni della sua vita ospita nel suo piccolo appartamento bimbi in difficoltá. Tra questi, anche se inizialmente riluttante, un turbolento dodicenne di strada di origini senegalesi, di nome Momò, che la rapina al mercato. I due sono agli antipodi, per età, etnia, carattere e religione. Una relazione da subito conflittuale che presto si trasformerà in una profonda amicizia, perché sotto sotto anime affini…

La vita davanti a sé, la recensione: Sophia Loren è una Madame Inclusione da Oscar - la vita davanti a se - Gay.it

Un adattamento volutamente e orgogliosamente inclusivo, quello sceneggiato da Ponti, che sposta le vicende narrate nel capolavoro di Gary dalle banlieu di Belleville alla Bari di oggi, contemporanea, tra quegli ’emarginati’ che la società spesso tiene volutamente ai margini, alimentando una discriminazione che non conosce fine. La migliore amica di Madame Rosa, Lola, è una donna trans, una mamma costretta a prostituirsi per guadagnarsi da vivere e mantenere il figlio. Una donna ripudiata dalla famiglia proprio perché transessuale, che l’anziana Rosa, donna dal passato doloroso e indimenticato, tosta e diretta, aiuta come può, badando al piccolo.  Tra le due c’è un’amicizia sincera, un affetto duraturo, un rispetto totale. Una Loren che non fugge dai suoi 86 anni splendidamente portati, con capelli d’argento e rughe segnate da un Olocausto marchiato a vita sul braccio.

La vita davanti a sé, la recensione: Sophia Loren è una Madame Inclusione da Oscar - 
La vita davanti a se 2 - Gay.it

Una donna stanca ma ancora battagliera, fragile e orgogliosa, non a caso benvoluta dall’intero quartiere, che paga sempre più gli anni che passano con pericolosi vuoti di memoria, che inevitabilmente la riportano con i ricordi all’infanzia passata sotto le bombe, tra i campi di concentramento. C’è una scena particolarmente drammatica, ambientata sulla terrazza di un palazzo condita dai panni stesi, in omaggio al capolavoro di Ettore Scola Una Giornata Particolare, che vede madame Rosa sotto il diluvio, seduta, con gli occhi a fissare il vuoto, un vuoto chiamato Olocausto.  Sophia Loren, nel 1962 premio Oscar come miglior attrice grazie a La Ciociara, punta ad una nomination dopo 55 anni d’attesa (Matrimonio all’italiana, 1965, sconfitta da Julie Andrews con Mary Poppins), e a 30 anni esatti dalla statuetta alla carriera ricevuta nel 1991.

La vita davanti a sé, la recensione: Sophia Loren è una Madame Inclusione da Oscar - 
La vita davanti a se 4 - Gay.it

Un monolite del cinema italiano e internazionale tornata sul set per interpretare un ruolo tanto impegnativo quanto impeccabilmente indossato, con efficacia emotiva e interpretativa. Il film di Edoardo Ponti, che fatica inizialmente a carburare, paga un’evoluzione esageratamente rapida, un coming-of-age lampo del giovanissimo co-protagonista (il bravo ed esordiente Ibrahima Gueye), che in 90 minuti passa troppo rapidamente dalla criminalità di strada condita da un carattere introverso e aggressivo ad una bontà d’animo finalmente svelata, a lungo nascosta da un volto volutamente teso, restio ai sorrisi.

Eppure anche se imperfetto come adattamento, è praticamente impossibile non farsi trascinare dall’emotività e dalla tenerezza del terzo e ultimo atto, che vede queste due anime tanto distanti avvicinarsi, abbracciarsi, aiutarsi a vicenda, volersi profondamente bene. Un’opera che guarda alla tolleranza, al perdono, all’amore, all’inclusione totale, con la voce di Laura Pausini ad accompagnare i titoli di coda grazie al brano portante Io Sì (Seen), scritto per lei da Diane Warren e in odore di nomination Academy.

 

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
iraq-donne-trans (2)

Iraq, la strage silenziosa delle donne trans, uccise dai loro familiari per “onore”

Corpi - Francesca Di Feo 20.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: "Sottolineavano ovunque quanto fossi diventata grassa" - Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni - Gay.it

Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: “Sottolineavano ovunque quanto fossi diventata grassa”

Culture - Redazione 22.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24

Continua a leggere

Grecia, l'Alessandro Magno bisessuale di Netflix finisce in parlamento: "Deplorevole, inaccettabile e antistorico" - Alessandro Magno - Gay.it

Grecia, l’Alessandro Magno bisessuale di Netflix finisce in parlamento: “Deplorevole, inaccettabile e antistorico”

Serie Tv - Redazione 21.2.24
Gianna Nannini: "Carla mi ha salvata, l'unica persona che in tutta la mia vita mi ha sempre sostenuto" - Sei nellanima foto Ralph Palka SNA 491A7764 - Gay.it

Gianna Nannini: “Carla mi ha salvata, l’unica persona che in tutta la mia vita mi ha sempre sostenuto”

Culture - Federico Boni 24.4.24
CoComelon Lane, conservatori omofobi contro il cartoon Netflix: "Due papà gay e un bambino in tutù". VIDEO - CoComelon Lane - Gay.it

CoComelon Lane, conservatori omofobi contro il cartoon Netflix: “Due papà gay e un bambino in tutù”. VIDEO

Serie Tv - Redazione 22.12.23
Baby Reindeer, Nava Mau e la rappresentazione trans nella nuova serie crime Netflix di cui tuttə parlano - Baby Reindeer n S1 E2 00 20 42 07 - Gay.it

Baby Reindeer, Nava Mau e la rappresentazione trans nella nuova serie crime Netflix di cui tuttə parlano

News - Redazione 19.4.24
Chi è Eliot Sumner, figliə non-binary di Sting che interpreta Freddie Miles in Ripley - eliot sumner freddie ripley - Gay.it

Chi è Eliot Sumner, figliə non-binary di Sting che interpreta Freddie Miles in Ripley

Serie Tv - Redazione 8.4.24
Heartstopper 3, Olivia Colman non ci sarà: "Non ho potuto girarla, ci sto malissimo" - Olivia Colman - Gay.it

Heartstopper 3, Olivia Colman non ci sarà: “Non ho potuto girarla, ci sto malissimo”

Serie Tv - Redazione 29.3.24
Sei nell'Anima, data d'uscita e primo teaser trailer del film dedicato alla vita di Gianna Nannini - Gianna Nannini SEI NELLANIMA. Il biopic 1 - Gay.it

Sei nell’Anima, data d’uscita e primo teaser trailer del film dedicato alla vita di Gianna Nannini

Cinema - Redazione 1.2.24
Il regista Ary Zara potrebbe fare la storia agli Oscar 2024 con il corto An Avocado Pit - Il regista trans Ary Zara potrebbe fare la storia agli Oscar 2024 con il corto An Avocado Pit - Gay.it

Il regista Ary Zara potrebbe fare la storia agli Oscar 2024 con il corto An Avocado Pit

Cinema - Redazione 10.1.24