L’incubo dei ‘coming out obbligati’ all’Università: il racconto di uno studente trans

Le difficoltà di una persona transessuale in fase di transizione, che cerca di vivere la propria vita.

studente trans
2 min. di lettura

Quando si è studenti, far capire a professori e colleghi che si è in fase di transizione per il cambio di sesso può non essere sempre semplice. E’ quello che potuto sperimentare uno studente trans  (FtM) all’Università di Trento. Tramite la pagina Facebook “Spotted UniTN” – in cui gli studenti possono ricercare un collega che ha attirato la loro attenzione, denunciare fatti poco piacevoli legati al mondo universitario o episodi divertenti – ha voluto ringraziare i professori per la loro comprensione e gentilezza, nonostante non abbia ancora un documento d’identità aggiornato.

Discrezione, educazione e tatto. Queste le qualità dei docenti universitari, i quali non hanno creato problemi allo studente trans in questa situazione non facile. Il post che ha voluto pubblicare sulla pagina di “Spotted UniTN” riporta infatti:

Vorrei ringraziare i professori dell’Università di Trento per la loro umanità. Come studente transessuale ancora privo di documenti “ufficiali”, l’università è un’umiliante odissea di coming out obbligati a ogni singolo appello. Nonostante il mio rammarico (credevo e speravo che UniTN avesse delle carriere alias attivabili) e il mio timore, ho finora trovato solo professori comprensivi, attenti e incredibilmente gentili; e non parlo solo di professori giovani, ma anche –e forse soprattutto– quelli più avanti con l’età. Grazie per aver reso meno mortificante una situazione non facile, gestendola con tutto il tatto che si possa desiderare.

La burocrazia, la lentezza per l’approvazione dei nuovi documenti e gli ostacoli che ha trovato e che continua a trovare sono stati terribili. E sarebbero stati peggiori senza l’aiuto da parte dei docenti.

Il ringraziamento dei professori, ma anche le difficoltà per uno studente trans

Lo studente ha però voluto fare una piccola critica all’Università di Trento, uno degli atenei migliori in Italia. Per chi sta seguendo l’iter per il cambio di genere, l’Università mette a disposizione un documento specifico, che  riporta “Lo studente ABC ha una diagnosi di disturbo dell’identità di genere, si prega di chiamarlo XYZ in seduta d’esame“. Si creerebbe quindi un Alias, un nome con il quale lo studente può essere riconosciuto.

Il problema si incontra il giorno dell’esame. Essendo obbligatorio identificare chi si ha di fronte, il docente controllerà i documenti ufficiali dello studente, che riportano il vecchio nome. L’Alias, quindi, risulta inutile. Qui si aprono due strade. Essere costretti a “fare coming out“. Spiegare che si sta facendo la transizione, che si preferirebbe essere chiamato con un nome maschile (in questo caso) e sperare nella comprensione del professore. Altrimenti, la seconda strada, in cui il docente compila i documenti con il nome femminile, utilizzando i pronomi sbagliati durante l’esame.

Devi solo affidarti alla comprensione dei professori, che potrebbero davvero rovinarti la vita universitaria chiamandoti ABC invece di XYZ all’appello. O mettendo il nome ABC sui risultati affissi online. O chiamarti con i pronomi sbagliati a lezione (perché tanto loro sanno sia il tuo nome anagrafico che il tuo sesso biologico).

Servizio Alias non funzionante per problemi tecnici

Il giornale online Il Dolomiti ha chiesto informazioni alla pro-rettrice alle politiche di equità e diversità, Barbara Poggio. Da quanto si apprende dalla professoressa Poggio, l’Università di Trento dispone di questa servizio, ed l’ateneo è stato uno dei primi a introdurre il doppio libretto. Ma il processo di informatizzazione dell’intero sistema è stato più lungo e complesso del previsto, con il conseguente ritardo nella riattivazione del servizio. Con aggiornamenti e innovazioni, il sistema sarà presto disponibile, spiega la professoressa, consentendo “alle persone interessate di poter fruire di maggiori tutele, anche sul piano del rispetto e della riservatezza“.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
queer palm, festival di cannes, i vincitori

Festival di Cannes. Tutti i film vincitori della Queer Palm dal 2010 ad oggi

Cinema - Gio Arcuri 17.5.24
Giornata omobitransfobia Girogia Meloni

Giornata contro l’omobitransfobia, le parole di Meloni e il post propaganda di Atreju

News - Giuliano Federico 17.5.24
Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Beatrice Quinta, da X Factor al primo EP

Beatrice Quinta: “Parlo sempre di sesso perché ho scoperto che posso godere” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24

Leggere fa bene

The People's Joker (2024)

Joker transgender è reale! Guarda il trailer della rivoluzionaria parodia di Vera Drew, VIDEO

Cinema - Redazione Milano 7.3.24
papa francesco e comunità lgbtq

Papa Francesco: “L’ideologia gender è diversa da omosessuali e transessuali, che devono essere accettati e integrati”

News - Redazione 3.5.24
Lia Thomas trascina in tribunale World Aquatics. È una donna trans e vuole nuotare a livello agonistico - Lia Thomas - Gay.it

Lia Thomas trascina in tribunale World Aquatics. È una donna trans e vuole nuotare a livello agonistico

Corpi - Federico Boni 26.1.24
iraq-donne-trans (2)

Iraq, la strage silenziosa delle donne trans, uccise dai loro familiari per “onore”

Corpi - Francesca Di Feo 20.5.24
deumanizzat-bambin-trans-ideologia

Deumanizzatǝ: quando la vita di unǝ bambinǝ trans vale meno della propaganda di potere

Corpi - Francesca Di Feo 10.4.24
Elliot Page: "Hollywood è tossica. La comunità LGBTQIA+ non è una nicchia" - close to you 01 - Gay.it

Elliot Page: “Hollywood è tossica. La comunità LGBTQIA+ non è una nicchia”

Cinema - Redazione 19.3.24
Francesco Cicconetti, l'Università di Urbino gli riconosce l'identità di genere anche sul diploma - Francesco Cicconetti - Gay.it

Francesco Cicconetti, l’Università di Urbino gli riconosce l’identità di genere anche sul diploma

News - Redazione 17.5.24
18-maggio-manifestazione-trans

Contro la violenza istituzionale sui corpi trans*: perché la comunità T scende in piazza il 18 maggio

News - Francesca Di Feo 16.5.24