Omicidio Varani, confermati i 30 anni a Manuel Foffo

Manuel Foffo è stato ritenuto capace d’intendere e di volere al momento del fatto.

Facebook Twitter Messenger Whatsapp

La Corte d’Assise d’Appello di Roma ha confermato la condanna a 30 anni di reclusione nei confronti di Manuel Foffo, che il 4 marzo 2016 drogò e torturò insieme a Marco Prato il 23enne Luca Varani.

L’udienza di appello ha ribadito quanto già sentenziato dal processo di primo grado, svolto con rito abbreviato: omicidio volontario con l’aggravante della crudeltà. Foffo è stato quindi ritenuto capace d’intendere e di volere al momento del fatto. Marco e Manuel, come confermato da quest’ultimo appena portato in carcere, andarono letteralmente ‘a caccia’ di una vittima, prima di convincere Luca a raggiungerli.

Il povero Varani venne prima drogato e poi massacrato con 30 colpi tra martellate e coltellate da Foffo e Prato, suicidatosi in carcere l’estate scorsa poco prima della partenza del processo, durante un festino a base di alcool e droga andato avanti per giorni. Il giudizio di primo grado si era concluso con la condanne del gup Nicola Di Grazia.

Ti suggeriamo anche  Il Delitto Varani stasera in prime time su Tv8
Omofobia

Pillon, interrogazione parlamentare in difesa dell’avvocatessa che aveva detto “i gay sono malati”

Persino il consiglio dell’ordine degli avvocati di Mantova aveva preso le distanze dalla donna, che aveva scritto sui social "l’omosessualità è un disturbo psichiatrico e che chi ne è affetto non può lavorare a contatto con i minori, altrimenti questi disturbati trasmetteranno il disturbo nelle scuole".

di Federico Boni