Indigna l’omotransfobia andata in onda a Non è la D’Urso ma Canale 5 festeggia “l’ottima performance”

Rita dalla Chiesa, Claudio Sona, il Lovers Film Festival, Aurelio Mancuso e Fabrizio Marrazzo all'attacco della trasmissione di Canale 5, dove il direttore Giancarlo Scheri applaude.

Indigna l'omotransfobia andata in onda a Non è la D'Urso ma Canale 5 festeggia "l'ottima performance" - Non è la DUrso - Gay.it
2 min. di lettura

La puntata di Live – Non è la D’Urso andata in onda ieri sera ha scatenato un putiferio, a causa del delirio transomofobo creato da Vittorio Feltri e Vittorio Sgarbi, ospiti di una conduttrice silente e all’attacco di Vladimir Luxuria.

Il Lovers Film Festival – Torino Lgbtqi Visions, da quest’anno diretto proprio da Vladimir, ha voluto esprimere sui social “la propria solidarietà alla sua direttrice, in relazione ai gravi insulti omofobi e omotransfobici ricevuti ieri sera da Vittorio Sgarbi durante la trasmissione televisiva “Live-non è la D’Urso” e condanna fermamente chi li ha pronunciati e chi ha permesso che questo avvenisse svilendo, ancora una volta, la televisione a strumento per diffondere odio, mala informazione e volgarità“.

Sui social centinaia e centinaia di tweet hanno travolto la trasmissione Mediaset e la sua conduttrice, Barbara d’Urso, apparsa quasi divertita dallo svolgimento di una diretta che ha presto preso la strada dell’insulto inaccettabile. Persino Rita dalla Chiesa, ex collega Mediaset, ha tuonato via social: “Profondamente a disagio per quello che stasera è stato fatto a Vladimir Luxuria. Andava protetta e difesa. L’abbraccio davvero con moltissimo affetto. Qualche volta la voglia di fare spettacolo a tutti costi diventa solo un’infinita tristezza“. Claudio Sona, ex tronista di Uomini e Donne, ha rilanciato su Instagram.

Ieri, durante la trasmissione “Live non è la D’Urso”, è stato trasmesso l’esempio più becero di aggressione ai diritti delle minoranze senza che, nemmeno uno dei presenti e in primis la conduttrice, si attivasse per riportare la discussione nei confini di un civile confronto. Che sia stata Vladimir Luxuria – verso cui va la mia stima per il coraggio e per l’impegno profuso a favore dei diritti della comunità Lgtb – oppure uno sconosciuto ragazzo di periferia, a dover sopportare il peso di questo duro attacco discriminatorio, poco importa; quello che rileva è l’aggressione consumata, con violenza verbale incontrollata, nei confronti di una persona considerata diversa. Aggressione che in nessun paese, definito evoluto, si dovrebbe tollerare o permettere.
Non basta sfilare oppure fare grandi dichiarazioni d’intenti, il rispetto e la difesa dei diritti di ciascuno in nessun caso possono prescindere da una pubblica condanna di attacchi consumati a danno delle minoranze… nemmeno quando si è alla ricerca del facile consenso!

Fabrizio Marrazzo, portavoce Gay Center, ha attaccato: Sgarbi e Feltri ieri dalla D’urso hanno messo in atto lo show dell’omofobia e della transfobia. Molto triste che questo accada in una trasmissione televisiva vista da milioni di italiani. Tutta la mia solidarietà a Vladimir Luxuria e a tutte le persone LGBT che hanno assistito a questo ignobile teatrino”.

Aurelio Mancuso, via Twitter, ha continuato: “Che Barbara D’Urso sia pessima non è una novità, che strumentalizzi battaglie come il contrasto della violenza sulle donne o i diritti lgbt è evidente. Cara Vladimir, ti capisco, ma esser offesa da quei due orribili figuri non è spettacolo”.

Dai vertici Mediaset, incredibile ma vero, sono invece arrivati i complimenti del direttore di Canale 5 Giancarlo Scheri: “Ascolti record e rinnovata supremazia sui social confermano l’ottima performance di Live – Non è la D’Urso“.  Dati alla mano, per completezza di informazioni, la puntata ha registrato 2.532.000 spettatori, con il 15.14% di share. Perché a Mediaset tutto fa evidentemente buon brodo, pur di arrivare a determinati ascolti.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
bacibaci 19.11.19 - 22:42

Io non vi capisco, ma lo capite ora che siamo tutti carne da macello? Questa è la tv da decenni, oggi un po' peggio di ieri, ma quando si comincia con la droga non è che si torna indietro tanto facilmente. La nostra droga sono sciacallaggio e trash. Se c'è una rapina bisogna dire che è colpa del governo che non tutela i cittadini, sta cosa le tv di Berlusconi la fanno da 30 anni, se c'è uno stupro, ora si guarda al colore della pelle dello stupratore, se è nero allora apriti cielo, ecco che la destra attacca, mentre se avete la sfiga che vi stupra un bianco a Salvini non gliene frega una mazza, noi siamo solo carne da macello, che si tratti di una trans o di una stuprata o di un rapinato o di bambini seviziati. Tutto ciò accade perché noi come cittadini abbocchiamo a questo sciacallaggio. Panem e circenses ? Esatto , la versione aggiornata del panem è la spesa pubblica sempre più grossa, tutti che vogliono più spesa pubblica, la versione aggiornata dei giochi circensi è il trash televisivo+ lo sciacallaggio mediatico. Tanto prima o poi cappottiamo, siamo troppo rincitrulliti.

Trending

Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24
Bari, il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme: "Solo l'amore conta" - Bari il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme - Gay.it

Bari, il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme: “Solo l’amore conta”

News - Redazione 24.5.24
10 attori e attrici trans ad hollywood

10 star della comunità trans* che stanno rivoluzionando Hollywood

Cinema - Gio Arcuri 23.5.24
"È importante votare, e non accettare le altrui decisioni come accade in Cina": storia di unə rifugiatə LGBTQIA+ scappatə dalle persecuzioni del governo di Xi Jinping - cina intervista rifugiat lgbtqia 1 - Gay.it

“È importante votare, e non accettare le altrui decisioni come accade in Cina”: storia di unə rifugiatə LGBTQIA+ scappatə dalle persecuzioni del governo di Xi Jinping

News - Francesca Di Feo 24.5.24
triptorelina-famiglie-incatenate-sede-aifa

Triptorelina, le famiglie si incatenano sotto la sede dell’AIFA per protestare il tavolo tecnico e la sua composizione

News - Francesca Di Feo 24.5.24
Sabrina Salerno, Ruby Sinclair e Milly Carlucci, L'Acchiappa Talenti

La Drag Queen Ruby Sinclair conquista il palco de “L’Acchiappa Talenti”

Culture - Luca Diana 25.5.24

Continua a leggere

Vladimir Luxuria, Isola dei Famosi 2024

L’Isola dei Famosi 2024 è un flop: il reality show fa acqua da tutte le parti

Culture - Luca Diana 7.5.24
Piero Chiambretti torna in Rai con Donne sull'orlo di una crisi di nervi: "Spero di trovare ancora qualcuno" - Piero Chiambretti torna in Rai con Donne sullorlo di una crisi di nervi - Gay.it

Piero Chiambretti torna in Rai con Donne sull’orlo di una crisi di nervi: “Spero di trovare ancora qualcuno”

Culture - Redazione 24.4.24
C'è Posta per Te e l'ostinata omofobia di una mamma che non accetta l'omosessualità di sua figlia - VIDEO - ce posta per te - Gay.it

C’è Posta per Te e l’ostinata omofobia di una mamma che non accetta l’omosessualità di sua figlia – VIDEO

Culture - Federico Boni 14.1.24
Maria De Filippi, Amici 23

Amici 23, chi sono i finalisti del talent show di Canale 5?

Culture - Luca Diana 13.5.24
Maria De Filippi, Amici 23

Amici 23, le pagelle di Gay.it della quinta puntata del Serale

Culture - Luca Diana 21.4.24
Sanremo 2024, Lorella Cuccarini: "Mia figlia Chiara dice quello che pensa e che prova. La amo e sono con lei" - Lorella Cuccarini - Gay.it

Sanremo 2024, Lorella Cuccarini: “Mia figlia Chiara dice quello che pensa e che prova. La amo e sono con lei”

Culture - Redazione 29.1.24
Affari Tuoi, storica prima coppia gay in gara vince 30.000 euro nel sabato di Pasqua (di TeleMeloni) - Affari Tuoi storica prima coppia gay in gara vince 30.000 euro nel sabato di Pasqua - Gay.it

Affari Tuoi, storica prima coppia gay in gara vince 30.000 euro nel sabato di Pasqua (di TeleMeloni)

Culture - Redazione 1.4.24
Pietro Fanelli, Isola dei Famosi 2024

Pietro Fanelli, chi è il naufrago dell’Isola dei Famosi 2024?

Culture - Luca Diana 10.4.24