Quando papà fa coming out in famiglia: la storia di Rachel

Far capire fin da piccoli che essere LGBT non significa essere innaturali è il primo passo per crescere una generazione aperta e inclusiva.

coming out in famiglia
3 min. di lettura

Capita a volte che sia un papà o una mamma a dire “sono gay” o “sono lesbica” ai propri figli. E’ un comunque un passo importante, complesso e delicato, che cambierà la vita di ogni membro della famiglia. Infatti, anche per un figlio può non essere facile accettare subito che un proprio genitore sia omosessuale. Quel che è certo, è che un genitore può fare molto per cresce un figlio educato, aperto mentalmente e che non discriminerà nessuno per via del colore della pelle, la religione o orientamento sessuale.

Quello raccontato dalla Rachel Diamond Hunter è la dimostrazione di come il padre ha fatto coming out, quando lei aveva 5 anni. Ha scritto una lunga lettera raccontando i passi successivi all’uscita del papà, pubblicata su The Guardian. Ma non si tratta semplicemente di un tenero racconto di un coming out finito bene, ma fa riflettere che anche l’educazione che Rachel ha ricevuto dal padre l’hanno aiutata a crescere rispettando gli altri. 

Coming out in famiglia. Quanto è cambiata la vita di Rachel e di papà? Zero

Rachel aveva 5 anni. Era un giorno come tanti altri, e tornando a casa aveva trovato il padre sulle scale. La stava aspettando. Come poche semplici parole, gli aveva detto di essere gay. Una bambina di 5 ani non ha ancora bene concepito cosa questo significhi. Ma non importava. Era felice, perché aveva un papà gay. Aveva fatto coming out con naturalezza. E lei, con quella stessa naturalezza, lo aveva accettato. 

Rachel sarà sempre grata al padre per averle detto subito del suo orientamento sessuale, perché così “avevo la gioia di vederlo davvero per quello che era. Ricorda ancora bene quel giorno, perché hanno parlato a lungo, affrontando non solo il fatto che ad alcuni piacciono persone dello stesso sesso, ma anche argomenti più delicati, come l’AIDS, l’amore gay e se due uomini o due donne possono avere dei bambini. E anche l’omofobia. L’odio verso una persona considerata diversa.

Tra Rachel e il padre è continuata anche l’educazione, come è normale per una bambina di 5 anni con un genitore.

Rachel e il mondo LGBT

Il coming out in famiglia è stato un momento molto dolce, ma è passato. Gli anni passano, e Rachel vuole conoscere tutto della comunità LGBT.

Era la Londra di Margaret Tatcher. Essere gay era innaturale. L’odio omofobico era sempre presente. Ma a Rachel non interessava, non si faceva contagiare dall’ignoranza. Ha passato molto tempo a Soho, il quartiere gay di Londra. I Pride della capitale e di Birmingham erano un appuntamento fisso. Nel giro di pochi anni, aveva letto e studiato tutto riguardo la comunità di cui il padre faceva parte.

A scuola, però, anche lei era un bersaglio, per avere un padre gay. I suoi compagni di classe non avevano avuto la fortuna di ricevere un’educazione libera e aperta. E questi erano i risultati. Ma ancora una volta, Rachel non se ne curava. Sapeva di essere dalla parte giusta. Il coming out in famiglia del padre è stato uno dei momenti più veri e belli della sua vita.

Attraverso il padre, Rachel ha capito un fatto molto importante: se fin da piccoli viene spiegato che avere un orientamento non eterosessuale non significa automaticamente essere sbagliati, si può iniziare a sperare di crescere una generazione aperta e inclusiva. 

La discriminazione all’interno della comunità stessa

Come già sappiamo, la comunità LGBT non è immune dalla discriminazione, anche quella interna. Anche Rachel, che negli anni ha realizzato di essere bisex, ha visto come la bisessualità era quasi nascosta e discriminata. Insomma, è venuta a contatto con la discriminazione della comunità stesa. In questo caso doppia, perché Rachel è di religione ebrea.

Questi due fattori l’hanno costretta a non comprendere subito la sua identità. E per questo motivo, nonostante il padre fosse gay, è riuscito a 20 anni a dirgli di essere bisessuale.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Svezia transizione 16 anni transgender

Svolta storica anche in Svezia, l’età per la transizione si abbassa a 16 anni, approvata la legge sull’autodeterminazione

News - Francesca Di Feo 18.4.24
FEUD 2: Capote Vs. The Swans arriva su Disney+. La data d'uscita della serie di Ryan Murphy e Gus Van Sant - Feud Capote vs. The Swans - Gay.it

FEUD 2: Capote Vs. The Swans arriva su Disney+. La data d’uscita della serie di Ryan Murphy e Gus Van Sant

Serie Tv - Redazione 19.4.24
Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido "fr*cio di merd*" - Federico Fashion Style - Gay.it

Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido “fr*cio di merd*”

News - Redazione 19.4.24
Sandokan, c'è anche Samuele Segreto nella serie Rai con Can Yaman, Ed Westwick e Alessandro Preziosi - Sandokan - Gay.it

Sandokan, c’è anche Samuele Segreto nella serie Rai con Can Yaman, Ed Westwick e Alessandro Preziosi

Serie Tv - Redazione 18.4.24
Close to You, recensione. Il ritorno di Elliot Page, tanto atteso quanto deludente - close to you 01 - Gay.it

Close to You, recensione. Il ritorno di Elliot Page, tanto atteso quanto deludente

Cinema - Federico Boni 19.4.24
Challengers Guadagnino Josh O Connor Mike Faist Zendaya

Challengers, lo sceneggiatore Justin Kuritzkes: “Il tennis è davvero omoerotico”

Cinema - Mandalina Di Biase 15.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

Pro Vita, un 2023 segnato dall'ossessione gender. Ripercorriamo 12 mesi di attacchi alla comunità LGBTQIA+ - 22I Figli non si comprano22 i manifesti di Pro Vita contro la GPA invadono le citta dItalia - Gay.it

Pro Vita, un 2023 segnato dall’ossessione gender. Ripercorriamo 12 mesi di attacchi alla comunità LGBTQIA+

News - Federico Boni 6.12.23
Taylor Fritz, accuse di omofobia social. Cosa è successo e la replica del tennista - Taylor Fritz 1 - Gay.it

Taylor Fritz, accuse di omofobia social. Cosa è successo e la replica del tennista

Corpi - Redazione 21.2.24
I giovani gay e bisessuali fumano e bevono più dei coetanei etero. Tutta colpa dell’omobitransfobia - I giovani gay e bisessuali fumano piu dei loro coetanei etero. Tutta colpa dellomobitransfobia - Gay.it

I giovani gay e bisessuali fumano e bevono più dei coetanei etero. Tutta colpa dell’omobitransfobia

News - Federico Boni 6.11.23
la-normalita-dell-amore

Il mio libro di risposta a Vannacci: “La normalità dell’amore”, così un ragazzo replica alle retoriche d’odio del generale

Culture - Francesca Di Feo 1.2.24
grande fratello anita olivieri froci

Grande Fratello, insulti omofobici? Anita ha detto “fr*ci”?

Culture - Redazione Milano 25.10.23
governo-sunak-lgbtqia

Regno Unito: come la destra del governo Sunak distrugge decenni di progressi LGBTIQ+

News - Francesca Di Feo 23.10.23
grecia-chiesa-ortodossa-scomunica-matrimonio-egualitario

Grecia, la Chiesa Ortodossa minaccia di scomunicare i parlamentari che hanno votato per il matrimonio egualitario

News - Francesca Di Feo 8.3.24
candidati lgbt USA

Le 10 città più e meno LGBTQIA+ friendly d’America

News - Federico Boni 8.11.23