Papà uccide il figlio di 16 anni dopo il coming out

Picchiato fino alla morte.

Dopo Isauro Aguirre, l’uomo che ha torturato e ucciso il figlio di otto anni in California perché temeva fosse gay, arriva dal Brasile un altro allucinante episodio di violenza in famiglia.

Qualche giorno fa Gabryel Schneyder Ribeiro Magalhaes, sedici anni, è stato ucciso dal padre: le troppe botte seguite dopo il coming out si sono rivelate letali. La corsa in ospedale? Inutile, perché il ragazzo è morto poco dopo l’arrivo nella struttura. La vicenda, riportata da News Rondonia, ha avuto luogo a Tianguà, nel versante nord-orientale del Paese.

I parenti dell’adolescente hanno confermato alla polizia i rapporti già burrascosi tra il papà e il figlio.

Gabryel era un grande fan di Selena Gomez.

La nonna di Gabryel, nel frattempo, ha ricordato il nipote con un bel post su Facebook:

Ulteriori dettagli sulla vicenda sono al momento ignoti.

Condanna a morte per il patrigno che torturò il figlio perché temeva fosse gay

Ti suggeriamo anche  La Corte Suprema del Brasile: omofobia e transfobia sono reati da condannare
Lesbiche

Mamma organizza festa a sorpresa per la figlia trans di 6 anni: “Voleva tagliarsi la gola, ora è felice”

La commovente storia vera di Lynn e di sua figlia Avery, a 5 anni appena disperata perché consapevole di essere nata nel corpo sbagliato.

di Federico Boni