Shari Siadat, l’attivista persiana che difende il monociglio

Eliminare la tossicità dall'industria del beauty. "Ci insegnano che il rossetto va sulle labbra e il blush va sulle guance, ma se voglio mettere il rossetto sulla nuca o il glitter sui piedi, lo posso fare".

Shari Siadat, l’attivista persiana che difende il monociglio - Shari Siadat 1 - Gay.it
Shari Siadat
3 min. di lettura

Siamo tutti unici e belli, con le nostre imperfezioni e peculiarità che ci rendono speciali per quel che siamo. È qualcosa che ripetiamo sempre, anche se gli standard di bellezza che regnano oggi vogliono ancora farci credere il contrario. Nell’era di Instagram e photoshop, fra trucco perfetto, filtri e corpi a cui tutti dovremmo aspirare, quegli standard diventano prigioni. E nonostante alcuni media cerchino di muoversi ancora in quella vetusta direzione, sono ormai tante le realtà, le persone e gli account che si battono per un’accettazione di tutta la bellezza. Anche quella che va fuori dai canoni che siamo abituati a vedere. Oggi voglio parlarvi di Shari Siadat.

Nata in una famiglia di immigrati provenienti dall’Iran, Sharareh Siadat (abbr: Shari Siadat) appartiene alla prima generazione della sua famiglia cresciuta negli Stati Uniti, in una piccola città del New England. La sua è stata un’infanzia comune a quella di molti stranieri negli States. Ora, però, Shari sta facendo la storia con la sua battaglia proprio contro l’idea di perfezione da molti ritenuta irraggiungibile. Lei, che a quegli standard non si è mai piegata, per ragioni oggettive come colore della pelle e dei capelli, e per ragioni di scelta estetica, come il monociglio e i peli sulle braccia. Come tante, anche lei racconta di essere spesso stata fatta oggetto di prese in giro e sguardi torvi, e ha trascorso anni a depilarsi e ad usare il fondotinta come fosse una seconda pelle.

Shari Siadat Gay.it
Shari Siadata, attivista e modella persiana, in difesa di tutte le bellezze

Il monociglio è sempre stato considerato stravagante e fuori dagli schemi. Frida Khalo aveva il monociglio, ma lei era un’artista eccentrica e andava bene. Se però qualcuno la emulava, il lasciapassare non era così scontato. Tuttavia, anche lei negli anni è stata presa ad esempio da tante, considerata paladina da cui si può solo imparare a non curarsi di ciò che gli altri pensano sul proprio aspetto fisico. La strada per abbattere quegli standard di bellezza ha fatto passi da giganti, e tante attiviste come Shari Siadat ci mostrano come l’inclusività sia la base da cui ripartire.

Oggi Shari è la fondatrice di TooD Beauty, una linea di make up gender-neutral e vicina all’ambiente, ultimo traguardo di una lotta contro il body shaming iniziata dopo la nascita della sua terza figlia. È stato proprio grazie alle sue figlie, guardandole e vedendo sempre più la somiglianza con lei, che ha capito di avere un compito: insegnare loro a non nascondersi, ad abbracciare le loro origini persiane e a non vergognarsi del proprio corpo. E del proprio monociglio. Detto fatto, Shari ha interrotto i suoi ritocchi estetici. Il monociglio è ricresciuto e non lo nasconde più, dopo aver realizzato che non ce n’era mai stato motivo. Certo, sui social è piovuta una cascata di insulti per il suo aspetto, ma ha imparato a non curarsene. Sono arrivate le prime proposte per posare come modella. Ha scritto un libro per bambini in cui anche il protagonista ha un monociglio come il suo: del resto, ai più piccoli non risulterà strano tutto ciò che è semplicemente naturale. Quella natura che anche Shari protegge, da surfista impegnata nella difesa dell’ambiente. E infatti la sua linea utilizza prodotti non tossici, senza l’uso di agenti chimici o microplastiche, e anche il packaging è realizzato con materiali riciclati e riciclabili.

Shari Siadat Gay.it

Il suo obiettivo è semplice e chiaro: ripulire l’industria della bellezza dalla tossicità che la pervade, letteralmente e figurativamente. «Ci insegnano che il rossetto va sulle labbra e il blush va sulle guance, ma se voglio mettere il rossetto sulla nuca o il glitter sui piedi, lo posso fare». La sua filosofia è quanto mai libera e inclusiva. Non ci sono limiti di genere o etnia dentro il suo brand, e le sue piattaforme social sono uno spazio per celebrare anche corpi come il suo. Quella bellezza che finora non è mai stata considerata tale.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming

News - Federico Boni 26.2.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
Da sinistra: Douglas Carolo (foto da TikTok), Andrea Bossi (foto SKYtg24) e Michele Caglioni (foto Instagram)

Perché Andrea Bossi sarebbe stato ucciso da Douglas Carolo e Michele Caglioni?

News - Redazione Milano 29.2.24
Liarmouth, Aubrey Plaza di The White Lotus nel primo film di John Waters dopo 20 anni - Aubrey Plaza - Gay.it

Liarmouth, Aubrey Plaza di The White Lotus nel primo film di John Waters dopo 20 anni

Cinema - Redazione 28.2.24

Hai già letto
queste storie?

Patriarcato - Unsplash+ In collaborazione con Pablo Merchán Montes

#NotAllMen e la resistenza del patriarcato: uno schiaffo schiocca su un altro rintocco

News - Francesca Di Feo 22.11.23
giacomo cavalli gay.it

Giacomo Cavalli, dal surf alle luci della moda: ecco tutto quello che sappiamo su di lui

Lifestyle - Luca Diana 20.9.23
Cristóbal Balenciaga, il primo trailer della serie che esploderà l'identità queer dello stilista - Balenciaga - Gay.it

Cristóbal Balenciaga, il primo trailer della serie che esploderà l’identità queer dello stilista

Serie Tv - Redazione 18.12.23
OFFICIAL CROP_SHOT 5

Perché non smettiamo di pensare a Paul Mescal

Cinema - Redazione Milano 20.10.23
"Ora non ho più paura", Elodie presenta il suo nuovo progetto "Red Light" - Screenshot 2023 10 05 14 54 29 38 1c337646f29875672b5a61192b9010f9 - Gay.it

“Ora non ho più paura”, Elodie presenta il suo nuovo progetto “Red Light”

Musica - Redazione Milano 5.10.23
aberrcrombie Mike Jeffries bbc

Giovani ragazzi ignari da sfruttare sessualmente: Mike Jeffries ex CEO di Abercrombie&Fitch accusato

News - Francesca Di Feo 16.10.23
hermes-nicolas-peuch-adotta-tuttofare

Nicolas Peuch, erede di Hermès, adotta il suo tuttofare per lasciargli un patrimonio di 10 miliardi di euro

News - Francesca Di Feo 5.12.23
@bellaramsey

Bella Ramsey presta il volto alla linea di moda per persone non binarie

Culture - Redazione Milano 8.11.23