Siena: il circolo gay e il nuovo centro islamico

Protocollo d’intesa sulla nuova Moschea di Siena: accettati i principi di non discriminazione richiesti dal Centro Gay di Siena.

COLLE VALDELSA (SI) – La convenzione firmata questa mattina tra l’ “Ass. dei Musulmani di Siena e provincia” ed il Comune di Colle, la prima ‘intesa’ tra un’istituzione della Repubblica italiana ed un’associazione religiosa islamica, si ispirerà anche ai principi di uguaglianza, di non discriminazione e di pari opportunità propri della Costituzione europea e soprattutto della Carta europea dei diritti (Carta di Nizza), così come richiesto dal Centro Gay di Siena.

Il protocollo, che dovrà regolare la vita del nuovo Centro islamico e della edificanda Moschea (la più grande della toscana), che grazie al terreno donato dal Comune di Colle val d’Elsa ed agli’ingenti contributi della Fondazione Monte dei Paschi di Siena avrà sede nella nostra provincia, recepisce, nel suo preambolo, in particolare, i principi ed i valori della Carta Dei Diritti Fondamentali Dell’Unione Europea.

Ti suggeriamo anche  La discriminazione tra i giovani: l'odio verso gay, ebrei e cinesi in Italia
Omofobia

Russia, l’indecente spot che attacca le famiglie arcobaleno – video

Uno spot vergognoso, ovviamente consentito a dispetto di tutti i Pride, i film e le serie con personaggi LGBT al loro interno, da anni vietati in Russia perché colpevoli di "propaganda gay". Sulla propaganda sfacciatamente omotransfobica, invece, nulla da obiettare.

di Federico Boni