SOPRA LA SABBIA

Emoziona il nuovo, toccante film di François Ozon 'Le temps qui reste' su un fotografo di moda gay a cui viene diagnosticato un cancro fulminante. Eccellenti Melvil Poupaud e Jeanne Moreau.

SOPRA LA SABBIA - tempsquiresteBASE - Gay.it
3 min. di lettura
SOPRA LA SABBIA - tempsquiresteF1 - Gay.it

Il nuovo, emozionante film di François Ozon ‘Le temps qui reste’ (‘Il tempo che resta’), presentato fuori concorso al Togay, avrebbe potuto chiamarsi ‘Sopra la sabbia’, quasi un contraltare simmetrico del suo capolavoro ‘Sotto la sabbia’: anche qui c’è una morte, ma in questo caso non misteriosa e inspiegabile ma annunciata (per un tumore) e un’elaborazione del lutto (ma non della moglie, del protagonista stesso). Ne è una versione al maschile e in chiave gay, non a caso considerato dall’autore stesso il secondo episodio di una ‘trilogia del dolore’. Qui non c’è Charlotte Rampling che non accetta la sparizione del marito forse annegato in mare ma il bravo Melvil Poupaud nei panni di Romain, un fotografo di moda omosessuale a cui viene diagnosticato una forma non curabile di cancro che gli dà solo qualche mese di vita. Non un personaggio simpatico, anzi: costantemente isterico, fa uso massiccio di cocaina (persino nel bagno dei genitori quando va a trovarli), bisticcia con la sorella che non sopporta, ha una storia con un angelico ragazzo biondo che però non funziona.
L’unica persona con cui ha un buon rapporto e a cui rivela
Continua in seconda pagina^d

SOPRA LA SABBIA - tempsquiresteF2 - Gay.it

L’unica persona con cui ha un buon rapporto e a cui rivela la sua malattia è l’amorevole nonna, una deliziosa Jeanne Moreau, che purtroppo non ha potuto essere al Festival perché impegnata su un set in Québec. Ha però inviato una lettera autografa in cui si legge: “Non ho il dono dell’ubiquità, ma mi dispiace molto non poter partecipare a questo festival e soprattutto non passare qualche giorno a Torino, città misteriosa e accogliente”. Contrappuntato dai toccanti ricordi di un’infanzia felice, ‘Le temps qui reste’ sa essere contemporaneamente un film duro e commovente capace di incendiarsi in tre belle scene di sesso esplicite e realistiche: Romain fa violentemente l’amore col fidanzato e gli rivela di non amarlo; osserva poi in un sex club un ragazzo che gli assomiglia e si fa fistare su uno sling mentre in sottofondo si ode musica classica. Partecipa infine a un torrido triangolo con una coppia etero per dare un figlio a lei (Valeria Bruni-Tedeschi, perfetta nei panni della cameriera quasi impacciata nel chiedergli l’insolita prestazione sessuale).

SOPRA LA SABBIA - tempsquiresteF3 - Gay.it

Anche qui, come in ‘Sotto la sabbia’, il mare azzurro illuminato da un sole estivo ha il significato importante di un orizzonte perduto e straziante, e compare all’inizio e alla fine del film. Melvil Poupad è abilissimo nel condensare tensione e sofferenza, nel non lasciare trasparire troppo o troppo poco, nel dare corpo all’abisso dell’afflizione. Ozon è un regista dalla doppia anima, da un lato capace di divagazioni camp e sottilmente grottesche che ricordano il primo Fassbinder, come in ‘Gocce d’acqua su pietre roventi’ o il più kitsch ‘Otto donne e un mistero’; dall’altro a intensi ritratti di personaggi dilaniati da tragedie personali, nei quali è ancora più abile e profondo. A questa categoria appartiene ‘Il tempo che resta’: Ozon non scivola nel contemplativo o nel compiaciuto, non cede alla lacrima facile, non dà concessioni alla consolazione a buon mercato. Forse non arriva all’intensità radicale e ammirevole di ‘Sotto la sabbia’ ma ci regala comunque un ottimo film.
Clicca qui per discutere di questo argomento nel forum Cinema.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
Mahmood: "Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi"

Mahmood: “Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi”

Musica - Emanuele Corbo 22.5.24
Billie Eilish, è uscito il nuovo album "Hit Me Hard and Soft"

Billie Eilish ritrova se stessa e plasma di nuovo il pop alla sua (gigante) maniera

Musica - Emanuele Corbo 21.5.24
Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

Reneé Rapp in Mean Girls (2024)

Regina George di Mean Girls è queer? Risponde Reneé Rapp

Cinema - Redazione Milano 16.1.24
Anne Hathaway in Eileen (2023)

Eileen, il film con Anne Hathaway: tra ossessione e donne ‘disgustose’

Cinema - Riccardo Conte 1.12.23
Intervista a Paul B Preciado - My Biographie Politique

Lə infinitə Orlando che ci donano il caos non binario, utopico e liberatorio: intervista a Paul B. Preciado

Cinema - Giuliano Federico 27.3.24
Golden Globe 2024, pioggia di nomination LGBTQIA+. Da Compagni di Viaggio a Barbie, Rustin e Maestro - golden globe 2024 - Gay.it

Golden Globe 2024, pioggia di nomination LGBTQIA+. Da Compagni di Viaggio a Barbie, Rustin e Maestro

Cinema - Federico Boni 12.12.23
Jonathan Bailey a difesa delle persone trans* (Foto: ES Magazine)

Jonathan Bailey a difesa dellə adolescenti trans*: “Oggi più urgente che mai”

Cinema - Redazione Milano 18.12.23
I SAW THE TV GLOW (2024)

I Saw The Tv Glow: guarda il trailer dell’attesissimo film horror trans* – VIDEO

Cinema - Redazione Milano 29.2.24
Back to Black, Marisa Abela è Amy Winehouse nel primo trailer del biopic - Back to Black Marisa Abela e Amy Winehouse nel primo trailer del biopic - Gay.it

Back to Black, Marisa Abela è Amy Winehouse nel primo trailer del biopic

Cinema - Redazione 11.1.24
Oscar 2024, Pedro Almodovar punta ad un altro trionfo con Strange Way of Life - Strange Way of Life ecco Manu Rios nel Brokeback Mountain di Pedro Almodovar - Gay.it

Oscar 2024, Pedro Almodovar punta ad un altro trionfo con Strange Way of Life

Cinema - Federico Boni 22.12.23