Svezia, ritrovati i resti di un vichingo transgender?

Potrebbero essere i resti di una persona non binaria, quelli ritrovati in Svezia.

vichingo transgender
Potrebbero essere i resti di un vichingo transgender.
2 min. di lettura

Siamo in Svezia, precisamente a Birka. Tre anni fa, degli archeologi fanno un curioso ritrovamento: i resti di un guerriero vichingo. La presenza di spade, lance e cavalli, hanno subito fatto pensare a un uomo, ma gli studi sulle ossa hanno confermato che si trattava di una donna. Ed ecco che arriva l’ipotesi. Potrebbe essere un vichingo transgender.

Secondo la cultura vichinga, ora gli esperti si stanno chiedendo se quei resti potrebbero appartenere a un vichingo transgender o comunque gender-fluid. Perché questa ipotesi? Per le regole ferree della cultura vichinga.

Un vichingo transgender o una guerriera contro le regole?

Neil Price, professore di archeologia presso l’Università di Uppsala in Svezia, sta esaminando il caso ed è arrivato a due conclusioni possibili:

Pensiamo che la spiegazione più probabile sia che si trattasse di una donna guerriera, ma ci sono altri modi per leggerlo. Potrebbe essere stato qualcuno che, nei nostri termini, era un uomo trans.

Questa ipotesi prende piede, spiega ancora il professore, poiché si è scoperto che i vichinghi aveva leggi molto severe sul genere.

Ad esempio, ci sono prove che uomini e donne non potevano vestirsi con indumenti che non erano in linea con il sesso assegnato alla nascita. Stessa cosa per il comportamento. Un donna, quindi, non poteva indossare abiti maschili, e viceversa. Allo stesso modo, un uomo non “poteva” essere effeminato.

È proprio considerando questo che la scoperta dal vichingo transgender ha destato tanto interesse. E i ricercatori sono quasi del tutto convinti che si tratterebbe di una persona non binaria.

Qual è la verità su quello scheletro?

Sapere se si trattasse di una vichinga guerriera che aveva infranto le regole o una persona trans, rimarrà per sempre un mistero. Ma a supportare la tesi del professor Price, c’è anche l’accademica Amy Jefford Franks, la quale ha spiegato che è possibilissimo la presenza di un vichingo transgender o queer.

Dopotutto, si hanno testimonianze di personaggi omosessuali e transgender in tutta la storia antica.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
dorondondario 24.8.20 - 20:37

luigi19, tu non ne azzecchi una! Giulio Cesare con tutta probabilità non era un campione di eterosessualità e il legame tra Alessandro il Grande ed Efestione trascendeva dalla mera amicizia. La distorsione dei fatti sulla sessualità dei personaggi storici è avvenuta in particolare nel secolo scorso attraverso la retorica machista del regime fascista, facilitata dalla sfacciata ossessione sessuale del cristianesimo che nei secoli precedenti deteneva il monopolio del sapere. Ricorda che nella lingua latina non esiste nemmeno un termine per definire l'orientamento sessuale. Tutte queste paranoie sono state inculcate nella società da un clero oscurantista e da Mussolini.

Avatar
Gullveig Rollo 22.8.20 - 21:23

Non metto in dubbio un'esperto come Neil Price, ma la verità potrebbe stare nel mezzo: la donna trovata a Birka aveva deciso di intraprendere una vita da guerriera. Nel 971 a Dorostolon in Bulgaria, i Bizantini dopo che sconfissero i Variaghi al servizio del principe di Kiev, scoprirono tra i cadaveri dei guerrieri molte donne. Le donne guerriero non sono mai state leggenda, ma realtà.

Trending

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote - Angelina Mango - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote

News - Redazione 23.2.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri - Specchio 8 - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri

Culture - Redazione 23.2.24
Marco Mengoni e Mahmood una canzone insieme

Marco Mengoni e Mahmood, una canzone insieme

Musica - Mandalina Di Biase 23.2.24
Paolo Camilli

Paolo Camilli: “La mia omosessualità? L’ho negata fino alla morte con me stesso” – intervista

Culture - Luca Diana 23.2.24
glaad-gaming-report

Il 17% dellǝ appassionatǝ di videogames è queer, ma l’industria ci rappresenta? Il rapporto di GLAAD

Culture - Francesca Di Feo 14.2.24
Amici 23, tutti gli allievi al Serale

Amici 23, da Dustin a Holden: tutti gli allievi al Serale

Culture - Luca Diana 25.2.24

Hai già letto
queste storie?

Addio al filosofo Gianni Vattimo, deceduto al fianco dell'amato Simone Caminada - gianni vattimo e simone - Gay.it

Addio al filosofo Gianni Vattimo, deceduto al fianco dell’amato Simone Caminada

News - Redazione 20.9.23
mit

Il MIT ha bisogno d’aiuto: partecipa alla raccolta fondi

News - Redazione Milano 19.10.23
Alessandro Magno, il docudrama Netflix sostiene la bisessualità del mitico re di Macedonia - Alessandro Magno - Gay.it

Alessandro Magno, il docudrama Netflix sostiene la bisessualità del mitico re di Macedonia

Serie Tv - Federico Boni 2.2.24
Giorgio Bozzo, autore di Le Radici dell'Orgoglio

Quell’orgoglio che ci rende più forti: intervista con Giorgio Bozzo (che riparte con Le radici dell’orgoglio)

Culture - Riccardo Conte 4.1.24
alan turing biografia gay

Alan Turing, finalmente una statua celebrativa al Kings College di Cambridge ma è polemica sul risultato finale

Culture - Redazione 31.1.24
Transatlantic bridges: Corrado Cagli, 1938-1948

Corrado Cagli, l’artista queer che voltò le spalle al regime fascista, in mostra a New York – GALLERY

Culture - Redazione Milano 9.11.23
Sandra Milo, Icona eternamente Libera - Sandra Milo fotografata da Leandro Manuel Emede per Sette Corriere - Gay.it

Sandra Milo, Icona eternamente Libera

Culture - Federico Boni 29.1.24
Arrusi Pigneto Luana Rigolli

San Valentino, a Roma spuntano i ritratti degli arrusi, gli omosessuali confinati dal fascismo alle Isole Tremiti

Culture - Redazione Milano 14.2.24