SYDNEY: MAGIA E GAYLIFE

Dall'atmosfera irreale della baia ai localini dove bere birra e cenare con cibi etnici: la metropoli australiana sede del mitico Mardi Gras offre opportunità di divertimento a tutto tondo.

SYDNEY: MAGIA E GAYLIFE - sydney gay - Gay.it
6 min. di lettura

Un solitario raggio di sole, come un avveniristico laser, passa attraverso una vetrina di un gioielliere ai Rocks di Sydney, risvegliando magicamente uno splendido opale. Questa pietra, che è stata resa famosa dai romani, deve il suo nome alla parola Opalus che significa “vedere un cambio di colori”. Proprio il significato di questa parola spinge a cercare di comprendere la città di Sydney che, come la pietra, appare piena di colori brillanti e sfavillanti, affascinante, snob e, come le persone, sembra fare la preziosa nascondendo i suoi segreti più intimi.

SYDNEY: MAGIA E GAYLIFE - sydney opera house - Gay.it

L’unico sistema per conoscere ed apprezzare Sydney è camminare per le sue vie, scrutare le facciate degli edifici antichi, respirare a fondo l’aria salmastra, arrampicarsi con lo sguardo sulle superfici lisce dei grattacieli, tornare poi a sorvolare con la fantasia le verdi colline impreziosite da case da sogno, tuffarsi in un mare azzurro di una baia la cui bellezza è stata cantata da tutti e dove l’azzurro pervinca del cielo è rotto dal bianco delle ali, una sovrapposta all’altra, del tetto della più famosa Opera House del mondo. Inaugurata nel 1973 dalla Regina Elizabetta è compresa tra le sette meraviglie del mondo. Al suo interno ci sono più di mille sale tra cui quattro auditori principali, cinque sale prove, quattro ristoranti e sei bar.
La storia

SYDNEY: MAGIA E GAYLIFE - sidney cove - Gay.it

Proprio dai Rocks, da questo piccolo promontorio dal quale si domina il Sydney Cove, è nata la storia della città. Oltre due secoli fa, il capitano inglese Arthur Phillip, spinto dal suo spirito d’avventura, disobbedì agli ordini ricevuti ed invece di sbarcare a Botany Bay navigò più a Nord per entrare a Port Jackson ed attraccò a Warrang, battezzato poi Sydney Cove. Da questo insediamento di galeotti, esiliati dalla loro patria, nacque Sydney.
Nel quartiere dei Rocks, ristrutturato e portato allo splendore antico sembra di vivere e respirare in un’epoca passata, lontana dai grattacieli del centro commerciale e dai rumori del presente. Profumi di un legno antico, di mare, di storie e di vita si mescolano diventando sapori di un’epoca lontana. E’ vero che questa zona della città è molto turistica ma una persona particolarmente attenta e sensibile riuscirà a scoprirne l’anima antica e storica. Da segnalare il mercato del fine settimana, il Museo Geologico Earth Exchange (foto sotto), i numerosi negozi d’artigianato e le gallerie d’arte. Sono da visitare anche per fermarsi a bere una birra il Lord Nelson Brewery Hotel e The Hero of Waterloo i due pub più vecchi della città.
I punti d’interesse

SYDNEY: MAGIA E GAYLIFE - sydney Earth - Gay.it

Lasciandosi alle spalle l’odore del passato ci si avvia lentamente lungo la Gorge Street per immergersi nella vita quotidiana del presente. La gente cammina veloce, sembra avere fretta ma nonostante ciò sui visi rimangono segnate le caratteristiche fondamentali di questo popolo aperto, cortese, solidale e moderno. Poi appena si gira l’angolo di una via laterale, tutto quel movimento scompare, come avevano fatto i colori brillanti dell’opale sul vetro della vetrina, e così ci si ritrova soli in mezzo ad edifici che trasudano aristocrazia ed incutono un certo timore. Improvvisamente ci si sente a disagio come osservati da occhi invisibili e nobili che cercano di scrutare dentro di voi come alla ricerca della vostra anima e della vostra mente.

SYDNEY: MAGIA E GAYLIFE - sydney queen victoria - Gay.it

Allora per evitare questa fastidiosa sensazione che fornisce l’impressione di non essere in grado di trovare la chiave giusta per entrare nell’anima e nelle grazie della città, si ritorna sulla trafficata Gorge Street al termine della quale, all’incrocio con la Druitt e Market Street si trova il Queen Victoria Building che Pierre Cardin ha definito come il più bel centro shopping del mondo. Tra le sue arcate vi sono nascosti oltre 200 negozi, caffè e ristoranti. Il suo fascino “old” richiama giornalmente 5000 visitatori che circolano nei suoi spazi per fare acquisti, per pranzare, per ammirare l’architettura e per ascoltare il Royal Clock. Poi si può proseguire verso Darling Harbour, originariamente gli aborigeni l’avevano chiamato Tumbalong, che significa “molti crostacei”, poi i coloni gli cambiarono il nome in Cockle Bay. Sempre in questa zona si trova l’Acquarium uno dei più grandi e spettacolari del mondo. Un tunnel di vetro lungo più di 146 metri consente di conoscere la vita di miriadi di specie esotiche e di ammirare le magiche sfumature della Grande Barriera corallina. In questa zona si trova anche una delle fermate della monorotaia che percorre rapidamente un perimetro disegnato intorno al centro di Sydney, toccando i punti più interessanti della città. A pochi passi dalla fermata City Centre, si trova la Sydney Tower, 270 metri d’altezza, dalla cima della quale si può dominare tutta la città.
La vita gay

SYDNEY: MAGIA E GAYLIFE - sydney MardiGras2 - Gay.it

Come tutti sanno qui c’è la più numerosa comunità gay dell’Australia e di conseguenza la città è particolarmente ricca di locali, bar, night e ristoranti appositamente riservati o gay friendly. Inoltre tra febbraio e marzo si svolge il famoso Gay and Lesbian Mardi Gras che attira tantissimi visitatori da ogni parte del mondo oltre che da ogni angolo dell’Australia.
La maggior parte dei locali gay sono situati in Oxford Street nella zona di Darlinghurst (conosciuta come Darlo), altri locali sono situati invece in King Street in Newton. Le lesbiche preferiscono ritrovarsi a Erskineville e Leichhardt (soprannominato Dykehardt). Concedetevi una passeggiata in Oxford Street, fate spese, bevete caffè e cercate i locali che più vi si adattano. Potete aggiornarvi sulla vita della comunità prendendo una copia gratuita del Sydney Star Observer and Lesbians on the Loose.
Se volete invece farvi una cultura non vi resta che recarvi da The Bookshop, (207 Oxford Street) che è stata per più di 20 anni il riferimento per la comunità GLBT per libri, riviste, calendari e DVd.
Sono diversi i punti d’incontro per gli appartenenti alla comunità. Per esempio Bronte: è un luogo dove i gay si divertono con le famiglie; Tamara (soprannominato Glamarama) dove si va per farsi vedere e per essere visti; Nielsen Park e Vaucluse Harbour per nuotare.

SYDNEY: MAGIA E GAYLIFE - sydney oxford street - Gay.it

Dopo una giornata trascorsa a girovagare ed a divertirsi è d’obbligo un’ottima cena. Aqua Luna Bar and Restaurant (7 Macquarie St, East Circular Quay) ha un’imperdibile vista sul porto, si trova al piano terreno. L’ambiente è casual. Si cena al secondo piano, cucina prevalentemente italiana. All’Aria (1 Macquarie St) si gode una vista spettacolare dell’Opera House, del porto e della baia, qui la cucina è aussie. Al Pancakekingdom (12B -7-1B Hunterst, Hunter Connection) ci si può fermare a gustare crepes e pancakes, questo è gay friendly. Il Paramount (73 Mclaey St) gestito da lesbiche offre menù aussie molto vari. La visita a Sydney però non è completa se non si passa una serata da Pello (71 Stanley st, East S) che si trova in una piccola via che si anima di sera. E’ ciò che di meglio si può trovare, menù a cinque stelle. Star City Behind the Scenes è il più grande casinò della città frequentato da gay e lesbiche. Al Thai Kanteen (541 Military Road, Spit Junction) i proprietari sono gay e servono piatti della cucina Thai. Il Thai Panic (80 Oxford St) non è caro ed è molto frequentato da giovani gay e lesbiche. Al Thai Pothong (294 King St, Newton) i prezzi sono medi ed è molto conosciuto tra i gay. Provate l’anatra rossa al curry.
Dalla cima della Sydney Tower si ha finalmente la sensazione di essere riusciti ad entrare nelle sue strade, negli angoli più nascosti e di essere riusciti a scoprire un po’ il suo invidiabile fascino e la sua anima. Allora le sfumature del tramonto, dipinte dagli ultimi raggi di sole che si riflettono sugli specchi dei grattacieli e sui vetri di alcuni edifici, sembrano quasi voler dar conferma che l’anima vera della city è brillante e pulita come appare forse solo dall’alto e da lontano. Così è Sydney, come le pare!
Per informazioni e per organizzare il vostro viaggio, contattate Out Travel: basta cliccare qui

di Daria Ruggieri

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Pietro Fanelli, Isola dei Famosi 2024

Pietro Fanelli, chi è il naufrago dell’Isola dei Famosi 2024?

Culture - Luca Diana 10.4.24
Victoria De Angelis dei Maneskin, vacanza romantica e baci social con l'amata Luna Passos (FOTO) - Victoria De Angelis dei Maneskin vacanza romantica e baci social con lamata Luna Passos FOTO - Gay.it

Victoria De Angelis dei Maneskin, vacanza romantica e baci social con l’amata Luna Passos (FOTO)

News - Redazione 9.4.24
Mahmood è in tour in Europa per presentare l'album "Nei letti degli altri"

Mahmood più libero che mai sul palco, il suo tour strega l’Europa e “Tuta gold” conquista il triplo disco di platino

Musica - Emanuele Corbo 9.4.24
Giovanni Donzelli foto instagram @giovadonze

Giovanni Donzelli di Fratelli d’Italia, outing di sua moglie che spiega “È un marito etero”

Culture - Mandalina Di Biase 9.4.24
Back to Black, recensione del biopic su Amy Winehouse. Il ricordo di un'icona sconfitta dall'amore - BackToBlack2024 - Gay.it

Back to Black, recensione del biopic su Amy Winehouse. Il ricordo di un’icona sconfitta dall’amore

Cinema - Federico Boni 11.4.24
Marco Mengoni per un noto brand di gioielli

Marco Mengoni è un gioiello, ma la verità è che tutti guardano un’altra cosa

Musica - Emanuele Corbo 10.4.24

Continua a leggere

Australian Firefighters 2024, ecco il nuovo calendario dei sexy pompieri australiani tra gattini, koala e cavalli - Australian Firefighters Calendar - Gay.it

Australian Firefighters 2024, ecco il nuovo calendario dei sexy pompieri australiani tra gattini, koala e cavalli

Corpi - Redazione 25.10.23
Penny Wong, la ministra degli esteri d'Australia ha sposato l'amata Sophie Allouache - Penny Wong la ministra degli esteri dAustralia ha sposato lamata Sophie Allouache - Gay.it

Penny Wong, la ministra degli esteri d’Australia ha sposato l’amata Sophie Allouache

News - Redazione 18.3.24
Jesse Baird e Luke Davies, ad uccidere la coppia sarebbe stato un poliziotto ex compagno di Baird - Jesse Baird e Luke Davies - Gay.it

Jesse Baird e Luke Davies, ad uccidere la coppia sarebbe stato un poliziotto ex compagno di Baird

News - Redazione 29.2.24
Eurovision 2024, l'Australia in gara con "l'identità queer" degli Electric Fields e la loro One Milkali (One Blood) - Eurovision 2024 lAustralia in gara con 22lidentita queer22 degli Electric Fields - Gay.it

Eurovision 2024, l’Australia in gara con “l’identità queer” degli Electric Fields e la loro One Milkali (One Blood)

Culture - Redazione 29.3.24