Tokyo 2020, Raven Saunders protesta sul podio “in solidarietà con gli oppressi” – rischio sanzione dal CIO

Le nuove regole decise dal Comitato Olimpico Internazionale vietano categoricamente qualsiasi tipo di protesta sul podio.

Tokyo 2020, Raven Saunders protesta sul podio "in solidarietà con gli oppressi" - rischio sanzione dal CIO - Tokyo 2020 Raven Saunders - Gay.it
< 1 min. di lettura

25enne atleta USA, Raven Saunders ha conquistato una medaglia d’argento nel getto del peso alle Olimpiadi di Tokyo. Sul podio, Raven ha incrociato le braccia a “X”, «in solidarietà con gli oppressi» e con l’intenzione di rappresentare «le persone in tutto il mondo che stanno combattendo e non hanno un palcoscenico per parlare da sé».

Lesbica dichiarata e attivista LGBT, Raven Saunders ha tentato il suicidio nel 2018. All’epoca era già un’atleta famosa, con un 5° posto alle Olimpiadi di Rio. La diagnosi fu chiara. Depressione, ansia grave e sindrome da stress post-traumatico. Immediatamente ricoverata in un centro specializzato in pazienti con problemi mentali, Raven da allora ha lavorato su di sè, sulla sua testa, arrivando ora al podio olimpico.

Ma la sua ‘X’ con le braccia potrebbe costarle una sanzione dal CIO. Le nuove regole decise dal Comitato Olimpico Internazionale vietano categoricamente qualsiasi tipo di protesta sul podio, con annunciate conseguenze disciplinari «proporzionate al livello di interruzione e al grado in cui l’infrazione non è compatibile con i valori olimpici».

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

GLORIA! (2024)

Le ragazze ribelli di Gloria! Tutto sul primo sovversivo film di Margherita Vicario

Cinema - Redazione Milano 22.2.24
Roberto Vannacci

Roberto Vannacci avrebbe truffato lo Stato secondo l’indagine della procura militare

News - Giuliano Federico 24.2.24
Paolo Camilli

Paolo Camilli: “La mia omosessualità? L’ho negata fino alla morte con me stesso” – intervista

Culture - Luca Diana 23.2.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
adolescente-non-binari-aggressione-oklaoma (1)

USA, Nex Benedict, sedicenne non binariǝ, muore dopo un’aggressione transfobica a scuola

News - Francesca Di Feo 21.2.24
Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24

Hai già letto
queste storie?

Lia Thomas nella storia: prima nuotatrice trans a vincere alla NCAA

La categoria “open” alla Coppa del Mondo di nuoto è stata cancellata perché nessunə si è iscrittə

Corpi - Redazione 5.10.23
moto-gp-omofobia

Moto GP, il pilota Wilco Zeelenberg accusato di omofobia, ma è solo un malinteso

News - Francesca Di Feo 17.10.23
US Open, per la prima volta 2 tenniste dichiaratamente LGBTQIA+ si sono sfidate in un Grande Slam - US Open per la prima volta 2 giocatrici dichiaratamente LGBTQIA si sono sfidate in un Grande Slam - Gay.it

US Open, per la prima volta 2 tenniste dichiaratamente LGBTQIA+ si sono sfidate in un Grande Slam

Corpi - Redazione 4.9.23
Bingham Cup

A Roma il torneo di rugby aperto alle persone transgender

Lifestyle - Redazione Milano 11.9.23
Pioggia di drag a San Siro per Inter-Bologna contro l'omobitransfobia nel calcio e lanciare Drag Race Italia 3 - Drag Race Italia 3 pioggia di drag a San Siro per Inter Bologna per dire basta allomobitransfobia nel calcio 1 - Gay.it

Pioggia di drag a San Siro per Inter-Bologna contro l’omobitransfobia nel calcio e lanciare Drag Race Italia 3

Culture - Redazione 7.10.23
Jakub Jankto ai colleghi calciatori gay dopo il coming out: “Non c’è motivo di avere paura” - Jakub Jankto 1 - Gay.it

Jakub Jankto ai colleghi calciatori gay dopo il coming out: “Non c’è motivo di avere paura”

Corpi - Redazione 20.10.23
aics-sport-inclusione-intervista-bruno-molea

Da GayCS al tesseramento ALIAS, la storia di AiCS nel promuovere l’inclusione nello sport – Intervista al presidente Bruno Molea

Corpi - Francesca Di Feo 5.1.24
comitato-olimpico-atlete-transgender-non-binari

L’esclusione delle persone trans nello sport va contro la salute pubblica: lo studio

Corpi - Francesca Di Feo 20.9.23