Trevor Anderson e la fluidità di Before I Change My Mind a Locarno75 – Intervista

In concorso a Cineasti del presente della 75a edizione del Locarno Film Festival. La nostra intervista al regista di "Before I Change My Mind".

ascolta:
0:00
-
0:00
Trevor Anderson Gay.it
5 min. di lettura

È il primo lungometraggio di Trevor Anderson, dopo tanti cortometraggi di successo, quello in concorso nella sezione Cineasti del presente della 75a edizione del Locarno Film Festival. Before I Change My Mind è una storia adolescenziale di crescita, di scoperta della sessualità e di fluidità di genere adornata da colori pop e musica anni Ottanta, perché è in quegli anni che questo bellissimo film è ambientato.

In parte autobiografico – perché il regista ha attinto dalla sua storia personale da giovane persona queer cresciuta in quel luogo e in quegli anni -, il film di Anderson è una ventata d’aria fresca nelle storie di coming of age. Non è un caso, visto che la sua sceneggiatura è stata inserita nella The GLAAD List, una lista delle dieci sceneggiature LGBTQ+ più promettenti di Hollywood, e IndieWire lo ha inserito nella classifica dei 10 film must-see di Locarno75.

Trevor Anderson Gay.it
La locandina di Before I Change My Mind

Before I Change My Mind parte da un fraintendimento molto comune: Robin arriva in una nuova scuola in Canada e i suoi compagni di classe si chiedono se sia un maschio o una femmina. Ma la domanda passa presto in secondo piano per lasciare spazio alle emozioni dell’essere sulla soglia dell’adolescenza, alla scoperta di sé stessi e della propria sessualità, a sentimenti a cui non si riesce a dare un nome. Delicato, sensibile e pieno di grinta, l’opera di Trevor Anderson riesce ad essere un film queer senza fare dell’essere queer la sua bandiera.

Gay.it ha incontrato il regista a Locarno, dove ha presentato il film insieme ai giovani attori protagonisti.

Nel film vediamo i giovani protagonisti alla scoperta della loro sessualità, che è un tema estremamente delicato e cruciale per quell’età. Come hai sviluppato questo tema? È basato sulla tua esperienza personale?

Sì, è iniziato davvero tutto in modo autobiografico e ora, alla fine, non è una storia vera di quello che è successo, ma un vero ritratto di come mi sentivo. E il cinema può trasmettere sensazioni. Questo è quello che volevamo fare: fare un film in cui la cosa importante non era ciò di cui si parlava, ma ciò che si sentiva. Ecco perché per i personaggi era importante per me prendere gli attori poco prima della pubertà, perché i personaggi sullo schermo sono persone diverse rispetto agli attori che sono qui. Un anno è passato e sono persone completamente nuove con un senso più forte di sé stessi. Ma ricordo la fluidità dell’avere 13 anni. Ricordo la sensazione di guardare il mondo e forse c’erano etichette, forse non c’erano nemmeno etichette ancora inventate ancora che mi sarebbero andate bene. Quindi sapevo di aver sentito qualcosa, ma non avevo un vocabolario adatto. È una grande opportunità per il cinema. Qualcosa che si può sentire ma non si sa come parlarne è quando il cinema è alla sua massima espressione.

Come vedi le trasformazioni del cinema LGBTQ+ negli ultimi anni?

È una domanda troppo grande per me a cui rispondere, ma so che sono stato ispirato a iniziare a fare film dal New Queer Cinema degli anni ’90. Nella mia biografia professionale, mi assicuro di includere che sono uno scrittore, un regista e attore ma anche, ed è importante, un ex commesso di videoteca. E per me, questa è una credenziale di cui sono molto orgoglioso. Quindi lavoravo lì e guardavo Todd Haynes, guardavo Gus Van Sant e guardavo tutto ciò che Christine Beckshawn produceva. Questo è stato per me l’inizio della sensazione di poter partecipare al cinema in modo autentico. Quindi, finché la gente si sentirà così e si unirà alla festa, penso che il cinema queer continuerà a crescere e diventerà sempre più divertente.

Trevor Anderson Gay.it
Robin è il protagonista di Before I Change My Mind

Credi che in questo senso possa aiutare il non dover etichettare sempre tutto ciò che vediamo?

È come un negozio di video. Le etichette ti aiutano a trovare quello che vuoi guardare. Ma se tutto va bene c’è di più nel film delle etichette che ti hanno portato lì.

In un’intervista del 1997, Todd Haynes parlava del cinema queer e riferendosi al pubblico di massa diceva: «La gente considera i film in base ai personaggi; se un personaggio è gay, il film è gay». Vale ancora oggi?

Probabilmente in un senso molto ampio, questo è ancora vero. Sono più interessato al “queer” come un verbo. Penso che possiamo chiarirci le idee, possiamo fare film gay e possiamo “queerizzare” i processi creativi. Ed è quello che cerco costantemente di fare: cancellare la forma, il processo e il prodotto.

Ci racconti questo tuo processo di “queerizzare” un film?

Forse per il fatto che io stesso sono queer, si tratta di seguire il mio istinto e sapere che sto lavorando da un luogo personale e autentico, che sto per fare qualcosa che vale la pena fare. Riesco a sentire quando non sto lavorando da quel posto. È molto importante sviluppare una relazione con il proprio istinto. Penso che sia la cosa più importante che un artista abbia. E se si medita – ed è per questo che così tanti artisti parlano di meditazione -, qualunque cosa ti metta in contatto con l’istinto e ti dia una mente rilassata, poi si possono ascoltare i sussurri di quando si sta lavorando dal posto giusto. E finché lavorerai dal posto giusto, funzionerà.

Trevor Anderson Gay.it
Una scena di Before I Change My Mind

Se ci rallegriamo dei progressi della rappresentazione queer nei media, nella realtà avviene l’opposto. Negli Stati Uniti la comunità LGBTQ+ è minacciata quotidianamente. Cosa pensi delle notizie che ci arrivano ogni giorno?

Penso che l’unico modo per cambiare la mente di una persona, l’unico modo per superare il pregiudizio, è con l’amore. Penso che quando una persona ama qualcuno che appartiene a un gruppo che in genere odiava, allora la sua mente comincia a cambiare. Per questo Harvey Milk parlava della necessità di uscire allo scoperto. Ci sono molte più persone queer di quanto sappiamo. Ci sono molte più persone che hanno la sessualità queer di quanto sappiamo, anche specificamente queer, perché ci sono persone che non rientrano nelle etichette di etero o gay o lesbiche ma non ne parlano per molte ragioni. E più le persone esprimono la grande varietà che esiste naturalmente in tutta l’umanità, più la gente capirà “Oh, amo qualcuno che è queer”. E poi le loro menti cominceranno a cambiare.

Quindi sei ottimista verso il futuro?

Sì. Penso che, alla fine, io sia una persona ottimista che è destinata un giorno a morire.

 

Foto di copertina: Locarno Film Festival

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Katy Perry video

“Ho visto le stelle”: tutte pazze per il vibratore di Katy Perry (un po’ meno per il suo singolo)

Musica - Emanuele Corbo 19.7.24
Maria De Filippi e Amadeus, Festival di Sanremo

“Festival di Sanremo” cercasi: su Canale 5 arriva “Amici-Verissimo”, sul Nove “Suzuki Music Party”

Culture - Luca Diana 18.7.24
spiagge gay italiane spiagge queer lgbtqia

Speciale Spiagge 2024: 100 spiagge gay in Italia da non perdere

Viaggi - Redazione 1.7.24
Chi è Noah Williams, il tuffatore con OnlyFans che affiancherà Tom Daley alle Olimpiadi di Parigi del 2024 - Chi e Noah Williams il tuffatore che affianchera Tom Daley alle Olimpiadi di Parigi del 2024 - Gay.it

Chi è Noah Williams, il tuffatore con OnlyFans che affiancherà Tom Daley alle Olimpiadi di Parigi del 2024

Corpi - Redazione 19.7.24
B&B rifiuta coppia omosessuale a Busca in provincia di Cuneo

B&B di Busca che rifiuta omosessuali scovato da Gay.it: Booking.com non elimina l’annuncio, la titolare fornisce nuove versioni omofobe ai quotidiani

News - Giuliano Federico 16.7.24
Tutti i coming out "vip" del 2024 - Coming Out 2024 - Gay.it

Tutti i coming out “vip” del 2024

News - Federico Boni 19.7.24

Leggere fa bene

David di Donatello 2024, Milena Vukotic Premio alla Carriera - Milena Vukotic Credits ph. Fiorenzo Niccoli - Gay.it

David di Donatello 2024, Milena Vukotic Premio alla Carriera

Cinema - Redazione 10.4.24
La minaccia di Kristen Stewart: "Non reciterò più fino a quando non mi faranno dirigere questo film" - Kristen Stewart - Gay.it

La minaccia di Kristen Stewart: “Non reciterò più fino a quando non mi faranno dirigere questo film”

Cinema - Federico Boni 30.1.24
Luca Guadagnino parla di Queer: "È il mio film più personale, ci sono scandalose scene di sesso" - luca guadagnino pesarofilmfest 60 22giu2024 ph luigi angelucci 010 - Gay.it

Luca Guadagnino parla di Queer: “È il mio film più personale, ci sono scandalose scene di sesso”

Cinema - Redazione 24.6.24
Europee 2024, intervista a Matteo Di Maio di 'Stati Uniti d'Europa': "Ong e associazioni LGBTI+ devono essere coinvolte nelle decisioni dell'UE"" - Matteo Di Maio Europa - Gay.it

Europee 2024, intervista a Matteo Di Maio di ‘Stati Uniti d’Europa’: “Ong e associazioni LGBTI+ devono essere coinvolte nelle decisioni dell’UE””

News - Federico Boni 21.5.24
Sethu, è uscito il suo primo album "Tutti i colori del buio"

Sethu e i colori del buio: “Canto per tendere una mano a me stesso e agli altri, dopo Sanremo la depressione” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 17.5.24
Lovers 2024, ospiti Paolo Camilli, Annagaia Marchioro e Guglielmo Scilla. In anteprima Lil Nas X: Long Live Montero - Lil Nas X - Gay.it

Lovers 2024, ospiti Paolo Camilli, Annagaia Marchioro e Guglielmo Scilla. In anteprima Lil Nas X: Long Live Montero

Cinema - Redazione 19.3.24
Mara Venier attrice per Ozpetek in Diamanti: "Vedrete una Mara molto diversa da quella che siete abituati a vedere" - Mara Venier - Gay.it

Mara Venier attrice per Ozpetek in Diamanti: “Vedrete una Mara molto diversa da quella che siete abituati a vedere”

Cinema - Redazione 9.7.24
L'Amante dell'Astronauta, l'amore queer "spudoratamente felice" che abbatte limiti ed etichette - Lamante dellastronauta 05 - Gay.it

L’Amante dell’Astronauta, l’amore queer “spudoratamente felice” che abbatte limiti ed etichette

Cinema - Federico Boni 14.6.24