Trono gay a Uomini e Donne ingrana: prime esterne, Maria balla con Claudio Sona e una corteggiatrice lo confonde col tronista etero

Le prime esterne, le prime gaffe, i primi balli per Claudio Sona: è l’ordinaria normalità di Uomini e Donne, che ora include anche i gay.

Facebook Twitter Messenger Whatsapp

Quella di oggi è la prima puntata che conta davvero di questo trono gay a Uomini e Donne. Abbiamo visto le prime due esterne: Claudio Sona e Mario sono andati al Museo di arte moderna e hanno chiacchierato per molto tempo del loro passato e, tra le altre cose, del momento in cui si sono dichiarati a propri genitori. Mario ha trovato molte più difficoltà rispetto a Claudio e glielo confessa: “Non ho incontrato l’abbraccio dei miei, ma anzi un’opposizione“. QUI IL VIDEO DELL’ESTERNA > >

uomini_donne_trono_gay

In un contesto molto diverso, Claudio e Mattia hanno passato un pomeriggio divertente in cui il corteggiatore ha insegnato al tronista i rudimenti per diventare deejay. “Ti avevo visto per strada a Padova e non mi hai salutato anche se siamo amici su Facebook“, dichiara Mattia a Claudio. “Non ci vedo, scusa!”, risponde il tronista. QUI IL VIDEO DELL’ESTERNA > >

uomini_donne_trono_gay_2

Ma non è l’unico momento degno di nota dalla puntata di oggi: la corteggiatrice Annunziata aveva scambiato il tronista Claudio, quello etero, per Sona, ed era convinta che sarebbe uscita con quest’ultimo. Ecco il video:

E per chiudere in bellezza: Maria de Filippi che balla con Claudio Sona perché nessuno dei suoi corteggiatori si alza per accompagnarlo (VIDEO > >). Epico. O forse no: è solo l’ordinaria normalità a Uomini e Donne, che ora include anche noi gay.

Omofobia

Pillon, interrogazione parlamentare in difesa dell’avvocatessa che aveva detto “i gay sono malati”

Persino il consiglio dell’ordine degli avvocati di Mantova aveva preso le distanze dalla donna, che aveva scritto sui social "l’omosessualità è un disturbo psichiatrico e che chi ne è affetto non può lavorare a contatto con i minori, altrimenti questi disturbati trasmetteranno il disturbo nelle scuole".

di Federico Boni