TUTTI NUDI SULLA SCENA

"Naked boys singing": il musical più trasgressivo della stagione debutta a Roma. Paolo Lanfredini ne parla in anteprima a Gay.it.

TUTTI NUDI SULLA SCENA - naked base - Gay.it
3 min. di lettura
TUTTI NUDI SULLA SCENA - naked2 - Gay.it

ROMA: Un teatro tutto gay: mentre, nel ridotto del teatro Colosseo di Roma, dal 14 dicembre Fabio Canino presenta l’esilarante "Fiesta", in cui un gruppo di amici, gay e non, si ritrova a festeggiare il compleanno di Raffaella Carrà, nella sala principale del teatro, debutta dal 15 dicembre "Naked Boys Singing!", un musical interpretato da otto ragazzi che si esibiscono completamente nudi dall’inizio alla fine, prodotto da Kandi&Laghi.

Entrambi gli spettacoli sono presentati dalla "Rainbowonstage", l’unica casa di produzione teatrale che si occupa dal 1998 di mettere in scena esclusivamente testi di cultura omosessuale non solo italiana ma mondiale. Gay.it ne ha intervistato il capo, Paolo Lanfredini, a cui abbiamo chiesto di parlarci in anteprima di quello che si annuncia il musical più trasgressivo della stagione teatrale italiana.

Paolo, "Naked boys singing" è in piedi da tre anni a Broadway, da quattro a Los Angeles, e da due a S. Francisco. Qual è l’originalità di questo spettacolo?

"La forza dello spettacolo è il suo essere sempre e fino in fondo, vero e proprio teatro musicale. Tutti i più amati elementi del musical sono stati uniti ad una tematica, come quella del nudo, con un gran senso di leggerezza ed ironia, e il risultato offerto allo spettatore è una piece teatrale brillante e dissacrante, allusiva e divertente. E poi c’è la singolarità di un cast di attori completamente nudi, che ballano e cantano senza un attimo di tregua, accompagnati solo dalle note di un pianoforte sempre in scena".

Che funzione ha la nudità, nello spettacolo?

"E’ in parte una nudità gratuita, come dice la canzone di apertura. Sono sedici quadri, in cui viene messo in gioco, in maniera ironica e divertente "il pisello". Gli attori se lo guardano, parlano di lui, e come in una classica coppia comica del varietà, il "membro" assume il ruolo della "spalla", e quindi a un certo punto occorre mostrarlo e liberarsi dai vestiti. I ragazzi in scena poi raccontano anche sedici storie in cui mettono a nudo l’anima dei personaggi che interpretano, e la nudità spirituale porta, di conseguenza, per scelta registica, alla nudità del corpo".

Sono tutte storie gay?

"Quasi la metà delle storie racconta di situazioni gay. Il cameriere che fa le pulizie nudo negli appartamenti di Chelsea e che quasi sempre rifiuta le avance dei proprietari di casa, l’attore di film porno, il palestrato che vive nel culto del proprio corpo per poter rimorchiare di più in sauna o sotto le docce, il ragazzo innamorato dell’uomo che vive nel palazzo di fronte al suo, sono alcune delle storie strettamente gay".

Quali difficoltà ha comportato la realizzazione di questa edizione italiana?

"Tantissime. Da un lato c’è stata la difficoltà di trovare attori capaci di ballare e cantare dal vivo, e che avessero voglia di esibirsi nudi davanti al pubblico. Dall’altra c’era il grosso problema dell’adattamento dei testi, che abbiamo superato brillantemente grazie all’abilità e alla professionalità di tre parolieri d’eccezione , a cui ci siamo rivolti. Le canzoni più lente le ha adattate Sergio Bardotti, che è l’autore di molte canzoni della Vanoni e di Mina. Quelle più satiriche e scanzonate, legate strettamente alla cultura gay, sono state affidate a Claudio Grimaldi, autore e regista del fortunatissimo spettacolo porno-comico "Prova orale per membri esterni", interpretato da Lunetta Savino. Altre ancora le ha tradotte Mario Misuraca, che è anche uno degli attori in scena. Se si pensa che i testi delle canzoni nella edizione originale americana sono state scritti da tredici autori, ci si rende facilmente conto dell’enorme sforzo fatto".

"Naked Boys Singing" è nello stile minimalista da "A Chorus Line" in poi: storie di ragazzi comuni, che uno per volta si presentano sul palcoscenico per raccontarsi. C’è anche critica sociale nei testi o ne viene fuori solo uno spaccato generazionale?

"In alcune canzoni, con toni sempre leggeri e ironici, ci sono spunti di critica sociale molto evidenti. La vita quotidiana è intrecciata al senso sociale più in generale della condizione omosessuale. In una canzone molto bella, per esempio si ricordano i campi di concentramento e le deportazioni degli omosessuali dei nazisti e dei fascisti, in altre, si accenna alla discriminazione operata dalla chiesa nei confronti dei gay e delle lesbiche, alla cultura sessuofobia del cattolicesimo, al dramma dell’Aids, alla difficoltà di essere gay in provincia. Tutto sempre con gran leggerezza e ironia, come solo gli americani sanno fare".

NAKED BOYS SINGING

Al teatro Colosseo di Roma ( via Capo d’Africa, 5- tel:067004932) dal 15 dicembre.

Con: Mario Misuraca, Ciro Di Maio, Giorgio Forte, Marco Farris, Agostino Pedrini, Simone Leonzio, Marco Negri, Riccardo Guelfi.

Regia e coreografia: Roberto Croce

Direzione musicale: Giovanni Lori

Adattamento testi: Sergio Bardotti, Claudio Grimaldi, Mario Misuraca

Scene e costumi: Silvia Frattolillo

di Rocco Messere

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Amadeus, Sanremo Giovani 2023

Sanremo verso Mediaset, Amadeus in onda sul NOVE già a fine agosto con tre programmi

Culture - Mandalina Di Biase 18.4.24
Marco Mengoni insieme a Fra Quintale e Gemitaiz canta "Un fuoco di paglia" di Mace, nell'album MAYA. Nel ritornello, Marco si rivolge ad un amore con una desinenza di genere maschile.

Marco Mengoni, una strofa d’amore a un uomo

Musica - Mandalina Di Biase 19.4.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri - Specchio specchio delle mie brame la sexy gallery social vip - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri

Culture - Redazione 16.4.24
Leo Gullotta e l'amore per Fabio Grossi a Domenica In: "Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi" - Leo Gullotta - Gay.it

Leo Gullotta e l’amore per Fabio Grossi a Domenica In: “Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi”

News - Redazione 15.4.24
Close to You, recensione. Il ritorno di Elliot Page, tanto atteso quanto deludente - close to you 01 - Gay.it

Close to You, recensione. Il ritorno di Elliot Page, tanto atteso quanto deludente

Cinema - Federico Boni 19.4.24
Challengers Guadagnino Josh O Connor Mike Faist Zendaya

Challengers, lo sceneggiatore Justin Kuritzkes: “Il tennis è davvero omoerotico”

Cinema - Mandalina Di Biase 15.4.24

Leggere fa bene

Marco Carrara

Chi è Marco Carrara, il nuovo volto del piccolo schermo?

Culture - Luca Diana 6.3.24
madonna elton

Perché Elton John si complimenta con Madonna: è finita la faida?

Culture - Redazione Milano 31.10.23
Judith_Butler_al_CCCB_2018

Cosa ha detto Judith Butler a Bari nella sua lectio magistralis

Culture - Redazione Milano 23.10.23
Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24
Hannah Waddingham show in uno special natalizio: “Sono devota alla comunità LGBTQIA+” - Hannah Waddingham Home For Christmas Photo 0101 - Gay.it

Hannah Waddingham show in uno special natalizio: “Sono devota alla comunità LGBTQIA+”

Culture - Redazione 22.11.23
Alberto De Pisis

Alberto De Pisis, tra carriera, amori e speranze per il futuro: “Mi piacerebbe diventare papà” – intervista

Culture - Luca Diana 28.2.24
Cristo Queer, uno spazio per le persone LGBTIAQ+ cristiane - Cristo con la croce Michelangelo Buonarroti - Gay.it

Cristo Queer, uno spazio per le persone LGBTIAQ+ cristiane

Culture - Marco Grieco 6.3.24
Nicolas Maupas

Nicolas Maupas: “È una bella rivincita dare volto a personaggi maschili fragili”

Culture - Luca Diana 4.1.24