Tutto su mia Madre, il capolavoro di Pedro Almodovar compie 20 anni

20 anni e non sentirli. Celebriamo Tutto su mia Madre, capolavoro di Pedro Almodovar uscito esattamente 20 anni fa nelle sale d'Italia.

Tutto su mia Madre, il capolavoro di Pedro Almodovar compie 20 anni - tutto su mia madre - Gay.it
2 min. di lettura

Il 17 settembre del 1999 usciva nelle sale d’Italia Tutto su Mia Madre, indiscusso capolavoro di Pedro Almodovar, presentato in concorso al 52º Festival di Cannes e uscito vittorioso dalla Croisette grazie alla miglior regia. All’epoca la pellicola incassò quasi 8 milioni di euro solo in Italia, e ben 70 in tutto il mondo dopo esserne costati solo 4.

Il film vise poi tutto quel che c’era da vincere. Il Premio Oscar come miglior film straniero, il Golden Globe, due Bafta, due National Board of Review Award, 3 Efa, un Cèsar, un David di Donatello, un Satellite Award e 7 Goya. Grazie a Tutto su Mia Madre il regista spagnolo entrò nell’Olimpo della cinematografia internazionale, cavalcando un genere, il melò, per tramutarlo in altro.

Tragedia e commedia, lacrime e risate, tra sieropositività, omosessualità, genitorialità   e transessualità, cinema e teatro. Manuela, coordinatrice dell’organizzazione nazionale per i trapianti, perde in un incidente stradale il figlio diciassettenne Esteban: era il giorno del compleanno del ragazzo e insieme erano andati a teatro a vedere “Un Tram Chiamato Desiderio”, interpretato dalla nota attrice Huma Rojo. Sconvolta dal dolore Manuela decide di tornare da Madrid a Barcellona per rintracciare il padre del figlio, anche lui di nome Esteban, una donna transessuale che non vede da diciotto anni che ora si fa chiamare Lola.

Trama ormai diventata celebre, per un film che chiuse il millennio passato con potenza e malinconia, un inno a tutte le donne e a detta di Almodovar a quella “normalità” che non va guardata con tolleranza, ma con naturalezza. La tolleranza implica un giudizio morale imposto da fedi politiche o sociali. La naturalezza, invece, riflette semplicemente la normalità.

Per celebrarlo, non possiamo che tornare ad ammirare l’indimenticato monologo di Agrado, 20 anni dopo ancora da applausi.

Mi chiamano Agrado perché per tutta la vita ho sempre cercato di rendere la vita gradevole agli altri… oltre che gradevole sono molto autentica. Guardate che corpo… tutto su misura. Occhi a mandorla 80 mila. Naso, 200 buttateli tutti perché l’anno dopo me l’hanno ridotto cosi con una altra bastonata. Tette, due, perché non sono mica un mostro, però le ho già super ammortizzate. Silicone.. naso,fronte, zigomi, fianchi e culo. Un litro sta sulle 100 mila, perciò fate voi il conto perché io già l’ho perso. Limatura della mandibola 75 mila. Depilazione definitiva col laser, perché le donne vengono dalle scimmie quanto l’uomo, sino a 4 sedute, però se balli il flamenco ce ne vogliono di più è chiaro. Quello che stavo dicendo è che costa molto essere autentica signora mia… e in questo non bisogna essere tirchie, perché una più è autentica quanto più somiglia all’idea che ha sognato di se stessa.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: "Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche" - Mary e George cover - Gay.it

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: “Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche”

Serie Tv - Federico Boni 1.3.24
David Utrilla - da 37 anni vive con Hiv

A volte dimentico di avere l’Hiv: la nostra serie per raccontare l’importanza dell’equazione U=U

Corpi - Daniele Calzavara 2.3.24
discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
Roberto Vannacci e Marco Mengoni a Sanremo con un pantalone di Fendi

Vannacci attacca il Pride e irride Marco Mengoni per la gonna che è un pantalone

News - Giuliano Federico 1.3.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

The Room Next Door, Tilda Swinton e Julianne Moore per il primo film in lingua inglese di Pedro Almodovar - The Room Next Door Tilda Swinton e Julianne Moore per il primo film in lingua inglese di Pedro Almodovar - Gay.it

The Room Next Door, Tilda Swinton e Julianne Moore per il primo film in lingua inglese di Pedro Almodovar

Cinema - Federico Boni 25.1.24
Strange Way of Life, desiderio e amore, passione e rimorsi nel western queer di Pedro Almodóvar - 5 © El Deseo. Photo by Iglesias Mas - Gay.it

Strange Way of Life, desiderio e amore, passione e rimorsi nel western queer di Pedro Almodóvar

News - Redazione 15.9.23
Pedro Almodovar e il sesso, le scene di nudo, il sedere di Pedro Pascal e la maturità degli sguardi - 3 v© El Deseo - Gay.it

Pedro Almodovar e il sesso, le scene di nudo, il sedere di Pedro Pascal e la maturità degli sguardi

Cinema - Redazione 22.9.23
Pedro Almodóvar: "Un attore etero può assolutamente interpretare un personaggio gay e viceversa" - Strange Way of Life ecco Manu Rios nel Brokeback Mountain di Pedro Almodovar - Gay.it

Pedro Almodóvar: “Un attore etero può assolutamente interpretare un personaggio gay e viceversa”

Cinema - Redazione 11.9.23
Oscar 2024, Pedro Almodovar punta ad un altro trionfo con Strange Way of Life - Strange Way of Life ecco Manu Rios nel Brokeback Mountain di Pedro Almodovar - Gay.it

Oscar 2024, Pedro Almodovar punta ad un altro trionfo con Strange Way of Life

Cinema - Federico Boni 22.12.23
The Room Next Door, Pedro Almodóvar gira a New York il suo primo film in lingua inglese - Pedro Almodovar © El Deseo foto di Iglesias Mas - Gay.it

The Room Next Door, Pedro Almodóvar gira a New York il suo primo film in lingua inglese

Cinema - Redazione 6.10.23