Sono unito civilmente con un francese ma non possiamo riconoscere l’unione in Francia. Come fare?

“L’avvocato lo sa” è la rubrica legale con cui gli avvocati di Gay.it rispondono ai vostri quesiti.

Facebook Twitter Messenger Whatsapp

VUOI CHIEDERE QUALCOSA AI NOSTRI AVVOCATI? INVIA LA TUA DOMANDA QUI! > >

Buongiorno,

sono unito civilmente con un cittadino francese e volevamo far riconoscere/trascrivere la nostra unione in Francia (dove esiste il matrimonio egualitario) ma ci è stato risposto che non è possibile in quanto la Francia NON riconosce l’unione civile italiana. Come fare? Pensavamo dunque di sposarci in Francia ma immagino che neanche questo sarà possibile poiché dal mio stato civile adesso io non risulto più libero e pertanto non posso ottenere il nulla osta necessario per contrarre matrimonio all’estero. Come risolvere questa situazione? Vi ringraziamo entrambi, Mario e Daniel.

Cari Mario e Daniel,

purtroppo quello che scrivete mostra con tutta la sua evidenza la discriminazione che subiscono a livello europeo, oltre che nel nostro ordinamento, coloro che non possono accedere all’istituto del matrimonio.

Una via che potreste percorrere, però, è la seguente: dovreste sciogliere l’unione civile in Italia (che come ben sapete prevede tempi piuttosto brevi) e, una volta sciolta, sposarvi (contraendo matrimonio) in Francia. Ovviamente dovreste poi provvedere a trascrivere in Italia l’atto di matrimonio contratto in Francia (che verrebbe declassato in unione civile). In questo modo, però, il vostro matrimonio verrebbe riconosciuto oltre che in Francia anche nel resto d’Europa (nei Paesi che prevedono il matrimonio egualitario) come matrimonio a tutti gli effetti.

Ti suggeriamo anche 

Anthony Rapp di Star Trek sposa l'amato Ken Ithiphol

A cura dell’ Avv. Giuseppe Enrico Berti, dello studio legale Berti/Ginosa

Attualità

Legge contro l’Omotransfobia, la risposta delle associazioni LGBT al testo base

La comunità LGBT compatta a sostegno della legge contro l'omotransfobia. Pioggia di consensi e un'unica richiesta: "Legge subito ma nessun passo indietro".

di Federico Boni