Usa: la prima donna transgender candidata governatrice

Christine Hallquist, 62 anni, correrà in Vermont.

Usa: la prima donna transgender candidata governatrice - Usa - Gay.it
2 min. di lettura

Martedì Christine Hallquist è stata eletta candidata governatrice del Vermont per il Partito Democratico americano, dopo aver vinto le primarie interne al partito: è la prima donna transgender candidata governatrice negli Stati Uniti.

Alle primarie ha sconfitto altri tre candidati e se dovesse diventare governatrice sarebbe la persona transgender a ottenere la più alta carica politica nella storia degli Stati Uniti.

Hallquist, 62 anni, è già donna dei record. Ex amministratrice delegata della Vermont Electric Cooperative (una società energetica attiva soprattutto nel nord del Vermont, per cui ha lavorato per 12 anni): quando ha iniziato la sua transizione nel 2015 è diventata il primo amministratore delegato americano a farlo mantenendo il proprio lavoro. Lo ha lasciato poi per candidarsi in politica dopo l’elezione del presidente Donald Trump e durante la sua campagna elettorale ha parlato soprattutto della necessità fornire la banda larga a tutto lo Stato e di migliorare le politiche energetiche in un’ottica di salvaguardia ambientale.

Usa: la prima donna transgender candidata governatrice - Christine Hallquist Vermont rtr img - Gay.it

Hallquist è riuscita a sbaragliare i suoi tre rivali di casa: il veterano della marina James Ehlers, l’attivista Brenda Siegel e il quattordicenne Ethan Sonneborn (nessuna norma vieta la candidatura dei minorenni). Il 6 novembre Hallquist parteciperà alle elezioni per il nuovo governatore del Vermont sfidando l’attuale governatore, il repubblicano Phil Scott.

Lei appare fiduciosa e serena: “Dico alla gente che non è la cosa più dura che ho fatto. Penso che dopo la mia transizione tutto il resto sembri molto facile”, confida al Guardian raccontando la sua storia. “Avevo 11 anni, ricorderò quel giorno per sempre, quando mia madre mi vestì come Cappuccetto Rosso per Halloween”.

“Fu bellissimo, mi piacque e le dissi ‘mamma, voglio essere una bambina’ ma lei mi ammonì di non dirlo mai a nessuno”, prosegue. All’epoca una persona transgender poteva rischiara di finire in un manicomio. I genitori rifiutarono anche di sottoporla ad un esorcismo suggerito da un monsignore della scuola cattolica che frequentava e la trasferirono in una scuola pubblica. Seguirono cinque anni travagliati per cambiare sesso e sentirsi pronta ad entrare nel mondo del lavoro come donna. Infine la decisione di candidarsi, maturata dopo il trionfo di Trump.

“La mia battaglia credo sia più facile in Vermont. Potrebbe succedere in Alabama? Probabilmente no”, conclude, riferendosi allo stato forse più conservatore d’America.

Hallquist non è la prima transgender a essersi candidata negli Usa per un posto pubblico. Ci ha già provato anche Chelsea Manning, sconfitta però alle primarie in Maryland e ci è riuscita in Virginia Danica Roem, eletta al Congresso per i democratici. Nessun politico transgender però ha mai guidato uno Stato, chissà che Hallquist conquisti anche quest’altro record.

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote - Angelina Mango - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote

News - Redazione 23.2.24
Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri - Specchio 8 - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri

Culture - Redazione 23.2.24
adolescente-non-binari-aggressione-oklaoma (1)

USA, Nex Benedict, sedicenne non binariǝ, muore dopo un’aggressione transfobica a scuola

News - Francesca Di Feo 21.2.24
thailandia-matrimonio-egualitario

La Thailandia verso il matrimonio egualitario: approvazione del disegno di legge entro fine anno

News - Francesca Di Feo 19.2.24

Leggere fa bene

Maurizio Landini

CGIL, diritti LGBTIQ+ non menzionati nella manifestazione di Sabato 7 ottobre a Roma

News - Redazione Milano 5.10.23
aula-vuota-interrogazione-questioni-lgbtqia

Roccella annuncia sblocco fondi Unar per la comunità LGBTQIA+ davanti al Senato vuoto

News - Francesca Di Feo 14.9.23
papa Francesco reazionari cattolici usa

Su omosessuali e persone trans Papa Francesco contro destra reazionaria USA: “La chiesa è aperta a tutti”

News - Redazione Milano 28.8.23
terapie di conversione terapie riparative

Negli USA oltre 1.300 “terapisti della conversione” torturano ancora le persone LGBT+, nonostante i divieti

News - Federico Boni 15.12.23
africa lgbt

Storia di un mondo al contrario, così i diritti LGBTIQ+ spaccano il mondo

News - Giuliano Federico 6.12.23
gavin-newsom-elezioni-stati-uniti

Chi è Gavin Newsom, pioniere dei diritti LGBTIQ+ che potrebbe sostituire Biden e correre contro Trump alle elezioni USA 2024

News - Francesca Di Feo 29.9.23
cosa significa 2SLGBTQIA+

Cosa significa 2SLGBTQIA+ e perché c’è 2SL

Culture - Redazione Milano 8.9.23
Arte e queerness: intervista a Elisabetta Roncati - Sessp 10 - Gay.it

Arte e queerness: intervista a Elisabetta Roncati

Culture - Federico Colombo 29.12.23